Raffaella Carrà biografia: Padre, madre, figli, marito, compagno, televisione, malattia e causa morte

Raffaella Carrà

(1943/06/18 – 2021/07/05) Attrice e cantante italiana
–Devi dare amore senza essere schiavo di nessuno-
Uno dei cantanti e presentatori italiani più popolari.
Canzoni: Festa, In amore tutto è per iniziare, Che dolore!, Rumor, Caldo, caldo…
Genere:Pop, Disco, Danza, Casa…
Televisione:Forte Forte Forte, ¡Hola Raffaella!, Amor de Madre…
Genitori: Raffaele Pelloni e Angela Iris Dell’Utri
Coppie: Gianni Boncompagni, Sergio Japino
Nome: Raffaella Maria Roberta Pelloni
Altezza:1,68 m

Raffaella Carrà è nata il 18 giugno 1943 a Bologna.

“Niente è eterno… tranne il Carrà”, si diceva in Italia. In parte per questo, ma anche per il silenzio con cui il suo popolo portava la malattia di cui soffriva, nessuno si aspettava la notizia della sua morte. Fino a poco tempo fa avevo registrato un nuovo talk show che seguiva sulla scia di quei grandi successi che cambiavano la televisione. Con alcuni di loro, come Carràmba! Che sorpresa!, Canzonissima, Pronto… Raffaella?, ha trasformato il modo di costruire la storia televisiva di un’epoca un po’ pacata e ha raggiunto un pubblico di fino a 10 milioni di telespettatori che gli hanno conferito il potere di continuare a dire quello che ha sempre voluto (l’intervista a Madre Teresa di Calcutta vestita con un abito di maniche trasparenti e cristalli Swarovski è storia televisiva). Potrei con tutto e, quasi sempre molto bene, davanti a una telecamera. “Posso ancora offrire qualcosa al mio pubblico?” chiese prima di stare di nuovo davanti alle telecamere.

famiglia

Figlia di Raffaele Pelloni e Angela Iris Dell’Utri. Il suo unico fratello, Vincenzo, è nato il 27 dicembre 1945. Lontano discendente del bandito Stefano Pelloni, trascorse l’infanzia a Bellaria-Igea Marina, dove il padre gestiva un bar e la nonna possedeva una gelateria. I suoi genitori avevano anche un’attività immobiliare e si separarono quando Raffaella aveva solo due anni.

Mio padre era un playboy dalla quale la mamma volle divorziare.

All’età di otto anni entrò all’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Studi

Studiò al Centro sperimentale di cinematografia e la sua carriera cinematografica iniziò nei primi anni Cinquanta. Nel 1965 interpretò The Express di Von Ryan, al fiancodi Frank Sinatra.

televisione

In televisione debutta nei programmi Tempo di danza, Il paroliere, Questo sconosciuto (1961) al fianco di Lelio Luttazzi e, nel 1965, del musical Scaramouche. La sua risorsa principale, oltre al suo indiscutibile talento per la musica e la danza, era la sua spontaneità. Nel 1970 eseguì Canzonissima e lanciò la famosa danza tuca-tuca.

Nel 1971 è di nuovo protagonista di Canzonissima con la canzone Chissà se va.

Seguono altri programmi di successo come Milleluci e Tante scuse. Nel 1978 è conduttrice del varietà Ma che sera, sabatopomeriggio e nel 1982 è protagonista di Fantastico 3,insieme a Corrado e Sabani. Nel 1984 è rimasto popolare con il programma Pronto, Raffaella!,un concorso di telefonate dal vivo e pubbliche.

Nel 1986 dirige Domenica e nel1987 passa a Canale 5 dove dirige Raffaella Carrà show e Il principe azzurro.
Nel 1990 torna in RAI con Weekend con Raffaella Carrà e, nel 1991 Fantastico.

Dopo una pausa di quattro anni in cui presenta per la televisione spagnola il programma Hola Raffaella, torna in Italia e tra il 1995 e il 1998 fa Caramba! che sorpresa, su RaiUno.

Dall’ottobre 1998 al 6 gennaio 1999 presenta per RaiUno Domenica in, il sabato pomeriggio con la Lotteria Italia e Centoventitré.

È autrice con Sergio Japino, sempre in RaiUno, di Navigator – Alla ricerca di Ulisse, e di Segreti e… Bugie a RaiUno nel 1999. Dall’ottobre di quell’anno conduce Carramba che fortuna!

Canzoni

Tra le sue canzoni più popolari ci sono Fiesta, En el amor todo es empezar, ¡Qué dolor!, Rumore e Caliente, caliente. Il 13 settembre 2002, suo fratello Enzo morì di cancro ai polmoni. Nel 2019 torna in televisione come conduttrice di un talk show con personalità, intitolato A raccontare comincia tu , ispirato al programma spagnolo Mi casa es la tuya.

Raffaella ha fatto tutto in televisione. Riviste, concorsi, talk show, era un allenatore e fa parte della storia del mezzo non solo nella sua nativa Italia. Nel giugno 1977, la rivista spagnola Interviú pubblicò nel suo numero 55 un’intervista a Raffaella Carrà intitolata con una citazione dell’artista: voto sempre comunista. Carrà era arrivato in Spagna due anni prima, dopo aver scandalizzato il Papa con la sua canzone Tuca Tuca ed essere stato il primo a mostrare l’ombelico in televisione nel suo paese.

Coppie

Non fu mai influenzato dal matrimonio. Egli riteneva che si trattasse di un’istituzione obsoleta che limitava le libertà. Aveva due grandi amori, ma non era una madre. Gianni Boncompagni, autore, regista e conduttore radiofonico, è stato il suo primo amore con il suo nome e la loro relazione è durata dieci anni. Si innamorò di Sergio Japino di nuovo suo coreografo durante gli anni ’80. La coppia ha navigato in crisi, ostacoli e tabù. Raffaella aveva undici anni più della compagna. Sono stati insieme per quasi tre decenni.

morte

Raffaella Carrá, dopo una lunga malattia, è morta alle 16:20 del 5 luglio 2021 a Roma.

In Italia hanno un detto che dice “Niente è eterno, tranne il Carrà”. Non è un modo di parlare. La civiltà mediterranea sta cercando la sua terza generazione di esseri umani che semplicemente non riescono a controllare i loro piedi quando sentono un loro canto. Raffaella Carrà– morta lunedì all’età di 78 anni – ha unito persone che non erano d’accordo su tutto il resto, un fenomeno paragonabile solo a quello degli ABBA.

Raffaella sbarcò in Spagna nel 1975, quando le uniche opzioni per le cantanti femminili sembravano essere la cantautrice o il folklore. Ma lungi dal presentarsi come sex symbol, Raffaella ha offerto una fantasia giocosa: a metà strada tra una sirena e una magiorette, nonha quasi mai mostrato la perlustra ma un addome il cui ombelico è stato censurato dalla televisione italiana su richiesta del Vaticano per anni. Le sue tute con paillettes, la coreografia acrobatica e il corpo da ballo Zoom di Valerio Lazarovhanno introdotto gli spagnoli alle incredibili possibilità della televisione a colori. La Spagna entrò, per mano di questa strega buona del sud, nel suo paese di Oz.

Mentre Raffaella sembrava più una ragazza dagli occhi scintillanti che giocava per essere una vedette – quelle contorsioni, quei capelli chiassidi, quel sorriso permanente – che una femme fatale-i suoi testi sulla liberazione sessuale come fatti e non solo come destra passavano inosservati tra così tanti partiti. In Hay que venir al sur, un tutorial su come trovare piacere sessuale, ha lasciato cadere che aveva avuto “molte esperienze” e ha affermato che la cosa più importante era farlo “con chiunque tu voglia”. Al 53-53-456 si stancò di telefonare al suo amante, così scelse di usare le dita per altre attività. In The Saint si lamentò che il suo ragazzo era troppo prudish e non gli diede “il sadismo e il masochismo” che gli aveva promesso, in Luca il ragazzo scomparve dopo essere fuggito con un altro uomo e in Innocenzo lei, forse scottata da Luke, catturò il suo amante abbracciando un signore e uccidendolo. Poi scoprì che il signore era suo fratello e lo incasinò.

Fu l’unica a intervistare Teresa di Calcutta. Lo ha fatto con una camicia di trasparenze e cristalli Swarovski

La libertà può essere proclamata dal pop, non solo dal rock o dalla canzone di protesta, ed è anche molto più efficace perché porta un involucro apparentemente innocuo: un misto di disco, rumba e canzoni per bambini (e persino punk, come ha spiegato su Rumor, Rumor). Raffaella rimosse la connotazione negativa dall’aggettivo “vivera”, feminismo paillettes e riuscì a cantare di sesso senza mai apparire volgare. Quando i suoi designer le hanno mostrato i costumi, ha suggerito di “allungare la schiena nuda fino a quando non vedi l’inizio del ass. ” Ogni spettacolo è stato un test per vedere se il moralismo italiano aveva dato in un centimetro. Il suo carattere stretto e imprevedibile la avrebbe tata parte della famiglia e di un’istituzione culturale al punto da essere l’unica a intervistare Teresa di Calcutta. Lo ha fatto con una camicia di trasparenze e cristalli Swarovski.

“Non cantavo solo con le corde, ma con la testa, i capelli e la libertà del corpo”, si sarebbe vantato il cantante. “Era una liberazione sessuale femminista rock, non come genere musicale ma come filosofia. La roccia è nel mio corpo, anche se canto cose semplici e meno dure. L’importante è la forza. E quella stessa forza è stata rianimato quando gli italiani l’hanno scelta come colonna sonora dei balconi durante il confinamento. Perché c’è qualcosa di unico nello spirito di Raffaella. Un effetto quasi tribale, tanto inspiegabile quanto innegabile, che possiede agli esseri umani quando vengono suonate le loro canzoni. Come per le canzoni degli ABBA, si può ballare il repertorio di Carrà con la nonna, con i nipoti o con uno sconosciuto. Chiunque si divertirà a imitarlo, dai bambini ai travestiti, perché lo spasmo di buttare indietro la testa non smetterà mai di essere divertente e, naturalmente, non hai nemmeno bisogno di sapere come ballare. Ma Raffaella non sembrava mai sfruttamento della nostalgia ma celebrazione del presente. Continuava a evocare gioia euforica, una sensazione che tutti sono in grado di capire e che quando non sente di passare la sua vita a cercare. E non c’è metodo più veloce per trovarlo che ascoltare Raffaella Carrà.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *