Intrattenimento

Squid Game, il vademecum della Polizia Postale per le famiglie ricorda che la serie è vietata ai minori di 14 anni

Sei consigli rivolti ai genitori per far fronte al rischio di un effetto emulazione di ciò che accade nella serie televisiva sudocoreana Squid Game, trasmessa dalla piattaforma Netflix e diventata subito molto popolare, in cui si mostrano le prove a cui sono sottoposti dei partecipanti a un gioco – in cui c’è in palio un ricco montepremi – dove chi perde, perde anche la vita.

I consigli vanno dal ricordare ai proprio figli che quello che stanno vedendo è frutto di finzione fino alla segnalazione di giochi violenti tra i giovanissimi. Il vademecum Il vademecum diffuso sui social dalla Polizia Postale parla di «un fenomeno molto pericoloso che va di moda tra i bambini».

I consigli utili per le famiglie consistono nel ricordare che la serie Squid Game è stata classificata «vietata ai minori di 14 anni» e «questa limitazione indica che i suoi contenuti possono turbare i minori con intensità variabile a breve e lungo termine»; nel valutare «se possa essere utile guardare la serie prima di esprimere assenso o dissenso alla visione dei vostri figli» se hanno più di 14 anni, in modo da «essere più precisi e consapevoli di quali siano gli elementi critici su cui poggia la vostra decisione» di confrontarsi «in modo convincente con i vostri figli».

l suggerimento è anche di parlarne in famiglia, chiedendo ai bambini e ai ragazzi cosa pensano di Squid Game, per far sì che «anche se non hanno il permesso di vederla, siano in grado di partecipare a eventuali commenti e discussioni con i coetanei». Importante è anche «ricordare ai bambini e ai ragazzi che quanto rappresentato nelle serie è frutto di finzione » e che «la violenza non è mai un gioco a cui partecipare».

Il dialogo in famiglia deve riguardare anche l’utilizzo delle nuove tecnologie. La Polizia Postale invita infatti i genitori a porre domande a propri figli («ascoltate come la pensano ») sottolineando che «i nativi digitali hanno una visione differente da quella degli adulti e può essere utile conoscere il loro punto di vista sui rischi e sui fenomeni emergenti». Infine, non esitare a segnalare al sito Internet della Polizia Postale «se avete contezza che stanno circolando tra i bambini e i ragazzi giochi violenti che imitano quelle ritratte nella serie».


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *