Stefania Sandrelli e il tradimento di Gino Paoli “Quando l’ho scoperto, gli ho distrutto casa..”

Stefania Sandrelli è una nota attrice la quale ha raggiunto un grande successo negli anni 60 e 70, ma è stata protagonista di diverse fiction anche degli ultimi anni. La sua carriera è senza dubbio sotto gli occhi di tutti, così come anche la sua vita privata. Non è di certo una novità il fatto che Stefania sia stata la compagna di Gino Paoli e che quando è iniziata la loro relazione lei era molto giovane. Stefania aveva Infatti soltanto 16 anni quando ha conosciuto Gino Paoli e se ne è innamorata, e lui era già sposato. Dopo circa 2 anni di relazione, poi è nata la loro figlia di nome Amanda.

Leggi Anche  Stefania Sandrelli: chi è il compagno Giovanni Soldati, età, carriera, vita privata

Stefania Sandrelli e Gino Paoli, la fine della loro storia

Stefania Sandrelli e Gino Paoli sono stati insieme per diversi anni. La loro relazione è nata ufficialmente nel 1962 quando all’epoca lui aveva 28 anni, mentre lei ne aveva 16. Così come ha raccontato la stessa Stefania, una volta tornata a casa avrebbe scoperto il tradimento da parte del cantante e sarebbe andata su tutte le furie. «La casa gliel’ho distrutta perché gli ho trovato della sabbia nel letto e non era la mia», ha dichiarato la nota attrice. Quest’ultima sarebbe andata su tutte le furie ed impazzita di gelosia avrebbe iniziato a distruggere tutto quello che le si presenta davanti. «Lui se lo ricorda bene e zitto si è fatto rompere tutto quello che era rompibile. Gli ho rotto proprio le cose che costavano, quelle a cui teneva, mi sono stupita di me stessa e non so come abbia fatto».

Leggi Anche  Stefania Sandrelli: chi sono i suoi figli Amanda e Vito, la lotta contro il cancro

Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News
Leggi Anche  Gino Paoli e Stefania Sandrelli: perchè i due si sono lasciati, i motivi del loro addio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *