Woody Allen’: verità, bugie e incertezze di uno scandalo iniziato 50 anni fa

Il giornalista argentino Jorge Lanata ha intervistato Woody Allen nel giugno 2018 e ha strappato un titolo accattivante: “Dovrei essere un punto di riferimento per il #MeToo”. Il regista veterano, non sappiamo se in un vanto di candida, frivolezza o cinismo, si vantava con Lanata di un disco “immacolato” in termini di abusi sessuali: “Negli oltre cinquant’anni ho diretto film che ho lavorato con centinaia di attrici, e nessuna di esse, consacrata, famosa o principiante, ha mai suggerito alcun tipo di indecenza da parte mia”. A quel tempo, Allen poteva respirare facilmente. Aveva appena completato la produzione del giorno della pioggia a New York e, soprattutto, aveva goduto di una breve tregua nel suo strenuo impulso legale e mediatico contro Mia Farrow, la donna da cui si separò nell’autunno del 1991 e che mesi dopo, nell’agosto 1992, lo accusò di aver abusato sessualmente di Dylan, la loro figlia adottiva.

La giornalista Maureen Orth, forte sostenitrice della versione di Mia Farrow, ora crede che la verità “abbia cessato di essere importante molti anni fa”. C’è ancora risentimento, c’è l’ombra dello scandalo. Restano propaganda, insidia e sospetti

Due anni dopo, quella parentesi placida al tramonto della vita è stata molto indietro rispetto a Woody Allen,che non è riuscito a pubblicare negli Stati Uniti il film che ha completato all’epoca ed è ancora una volta immerso in quello che la reporter di Vanity Fair Maureen Orth descrive come “un incontro di boxe sfrontato”. Una lotta devastante che dura quasi tre decenni e in cui i due combattenti, Farrow e Allen, continuano ad aspirare a bussarsi a vicenda. Tale è il rancore accumulato come le aggressioni subite che né il regista né l’attrice sembrano disposti a gettare la spugna anche se la lotta comporta danni collaterali sorprendenti come quelli subiti da allora dai tre figli che avevano in comune (unobiologico, Ronan, e dueadottivi, Dylan e Moses) o ciò che molti considerano autentica mela della discordia in questa brutta storia, Soon-Yi Previn, figlia adottiva di Farrow e attuale moglie di Allen. Orth lui o lei, un triste sostenitore della versione di Mia Farrow,ora crede che la verità “abbia smesso di essere importante molti anni fa”. C’è ancora risentimento, c’è l’ombra dello scandalo. C’è propaganda, insidia e sospetto. Ecco il incontro di boxe.

Nell’ultimo round fino ad oggi, quello in cui viviamo in questo momento, un paio di libri appena editi in Spagna sono stati collocati negli angoli del ring. Da un lato Predators, cronacagiornalistica di Ronan Farrow, figlio biologico di Mia e Woody, molto vicino alla madre e alla sorella Dylan e molto critico nei confronti di suo padre. E d’altra parte, sul punto di nulla,un’autobiografia sesgada e non del tutto tempestiva in cui Allen rivendica la sua carriera e dedica quasi un terzo delle pagine alla difesa contro le gravi accuse di quello che era il suo compagno. Nel suo libro (un’indagine sul caso Harvey Weinstein “meticoloso e devastante”, secondo la giornalista Rasha Madkour), Ronan Farrow ha dato una maglia al padre, di cui sostiene, un nuovo diretto nella mascella insistendo sul fatto che crede “senza soluzione di continuità” nella versione di sua sorella Dylan e accusando coloro che rimangono disposti a partecipare ai film di Woody Allen, pubblicare i loro libri o parlare in loro difesa.

Spike Lee ha dichiarato qualche giorno fa che Woody Allen era “un amico” e “un grande regista” il cui nome “non può essere cancellato dai libri” e al quale è ingiusto “fare un vuoto”. Poche ore dopo, spaventato dall’accoglienza molto ostile che le sue parole stavano avendo, Lee scelse di scusarsi e distinguersi da Allen

Il regista 84enne è tornato sulle corde, con la sua reputazione maltrattata e molestata di nuovo da questo capitolo del suo passato. La sua difesa, ancora una volta, è negare tutto, insistere sull’implausibilità dell’accusa e attribuirla ai problemi di equilibrio mentale e ai profondi rancori di Mia Farrow nei suoi confronti. Ma anche Andrea Peyser, editorialista del New York Post e sostenitore incombustibile di Allen, riconosce in questi giorni che la versione di Farrow (che Peyser considera un vero delirio derivante dal risentimento) ha finito per essere imposta grazie “all’incapacità dei media e della gente comune di ricordare i fatti”, permettendo loro di essere riscritti a volontà dopo un certo periodo di tempo. Il polso giudiziario è stato diretto 27 anni fa e si è concluso con un pareggio che le due parti volevano presentare come un trionfo. Ma da allora il polso mediatico è in rotta. E Farrow, sempre secondo Peyser, l’ha appena vinta. Non per takedown, ma per qualcosa di molto simile a un KO tecnico.

L’ultimo a sbirciare senza fingere di essere un angolo dell’anello di Allen e Farrow e ottenere un paio di fumo è stato Spike Lee. Quello di Brooklyn ha dichiarato venerdì scorso in un’intervista radiofonica che Woody Allen era “un amico” e “un grande regista” il cui nome “non può essere cancellato dai libri” e al quale è ingiusto “fare un vuoto”. Poche ore dopo, spaventato dall’accoglienza molto ostile che le sue parole stavano avendo sui social media, Lee ha scelto di scusarsi, distinguersi da Allen e rinunciare alla versione di Dylan e Mia Farrow con un tweet che esprimeva il suo rifiuto di qualsiasi forma di molestia, violenza o abuso sessuale, “comportamenti che causano molti danni e non dovrebbero essere ridotti al minimo”. A questo punto, Allen sembra essere entrato in un vicolo cieco dove anche i suoi sostenitori e amici hanno finito per accettare, almeno parzialmente, la versione dei suoi detrattori.

Al di là delle polemiche, i fatti rimangono, anche se sono in gran parte ancora avvolti in una fitta cortina di incertezza. Quasi tutti gli eventi essenziali di questa storia si sono verificati in un periodo di circa 18 mesi, tra il dicembre 1991 e il giugno 1993, e oggi rimangono oggetto di speculazioni. Il giorno chiave è il 4 agosto 1992, quando, secondo i Farrows, Allen abusò di sua figlia Dylan durante una visita alla residenza dell’attrice nel Connecticut. Elliott Wilk, il giudice che ha concesso a Mia Farrow la custodia dei tre figli in discussione e ha concluso che non c’erano prove solide per perseguire Woody Allen per presunti abusi sessuali, ha scritto nella sua sentenza del giugno 1993 che “la verità di ciò che è successo quel giorno non è mai nota”. Ciò che possiamo specificare è la cronologia dei fatti mostrati e l’ordine in cui gli assalti di questa sordida lotta pugilistica che non cessa sono accadibili fino ad oggi.

Woody Allen y Mia Farrow con sus hijos Misha, Dylan (en los brazos de Mia), Fletcher y Soon Yi en Nueva york en 1986.

8 ottobre 1970: nascita di Soon-Yi Previn Seoul

Data ufficiale di nascita a Seoul da Soon-Yi Previn. Anche questo è fonte di profonde controversie. Secondo Mia Farrow e il suo ambiente giudiziario e mediatico, la data è stata assegnata “casualmente” dalle autorità sudcoreane ed è molto probabilmente errata, poiché un’analisi ossea condotta alla fine del 1977 ha rivelato che la ragazza aveva allora tra i cinque e i sei anni. Questo apre la possibilità, sempre secondo la versione di Farrow, che Soon-Yi fosse ancora minorenne nell’autunno del 1991, quando iniziò la sua relazione con Woody Allen.

1977: Farrow adotta Soon-Yi

Farrow e il suo secondo marito, il musicista André Previn,adottano Soon-Yi in Corea del Sud.

1979: Mia Farrow e Woody Allen si incontrano

Un amico comune presenta Mia Farrow e Woody Allen. La coppia iniziò una relazione romantica tra la fine del 1979 e l’inizio del 1980. Nei quasi 12 anni del suo corteggiamento, non si sposarono né fecero il passo di vivere permanentemente sotto lo stesso tetto. Woody Allen definì il suo come una relazione di fascino reciproco tra due persone molto diverse che la cosa principale che avevano in comune era “il loro amore per il lavoro”. Farrow è apparso in tutti i film diretti da Allen mentre erano insieme.

1980: Mia Farrow adotta Moses in Corea del Sud

Mia adotta Moses Farrow, un bambino con lieve paralisi cerebrale nato un anno e mezzo prima, in Corea del Sud.

1985: Mia Farrow adotta Dylan

Mia adotta Dylan Farrow (noto anche come Eliza) da solo, nato in Texas poco prima dell’adozione.

1987: Nasce Satchel Ronan, unico figlio biologico di Woody Allen e Mia Farrow

Nasce Satchel Ronan, l’unico figlio biologico di Woody Allen e Mia Farrow. Negli anni successivi, Farrow affermò che era “molto probabile” che Ronan fosse in realtà il figlio del suo primo marito, Frank Sinatra,con il quale l’attrice all’epoca ebbe sporadici incontri sessuali.

Autunno 1991: Soon-Yi e Woody Allen iniziano a fare progetti insieme

Soon-Yi e Woody Allen iniziano ad andare al cinema, ai musei, alle gallerie d’arte e ai giochi di basket insieme, prima con il consenso di Mia Farrow e poi in segreto, poiché quella che Allen inizialmente descrive come “una bella amicizia” diventa un interesse reciprocamente sentimentale. In parallelo, Farrow e Allen attraversano un periodo di stima che Farrow considera “temporaneo” e Allen “definitivo”.

Dicembre 1991: Allen adotta ufficialmente Dylan e Moses

Nel bel mezzo della rottura, Allen adotta ufficialmente Dylan e Moses, gli unici figli di Mia Farrow con cui, nella sua versione, ebbe una relazione paterna negli anni in cui lui e l’attrice erano una coppia. Il 1 ° dicembre, il giorno in cui compie 56 anni, Woody inizia a fare sesso con Soon-Yi, 21 anni, poi una matricola.

13 gennaio 1992: Farrow trova nell’appartamento di Allen le foto di Soon-Yi nudo

Farrow trova nell’appartamento di Allen una serie di foto con Soon-Yi nuda. Anche a questo punto le versioni differiscono. Allen li descrive come “erotici” e Farrow insiste sul suocarattere apertamente “pornografico”e “depravato”.

1 agosto 1992: Farrow prepara un’azione legale contro Allen

Mia Farrow prepara un’azione legale contro Allen. Per fare questo, chiede aiuto alla psicologa infantile Susan Coates, un’amica di famiglia, esortandola a trovare un modo per “fermare” “quell’uomo malvagio e satanico” che considera un pericolo per i suoi figli. Mesi dopo, Coates testò durante il processo di custodia che venne a temere per la sicurezza di Allen, dato che Farrow era, secondo lui, “accecato dall’odio” e sembrava disposto a “fare qualsiasi cosa”.

4 agosto 1992 – Giorno del presunto abuso di Dylan Farrow

Il giorno del presunto abuso di Dylan Farrow, che all’epoca aveva sette anni. In assenza di Farrow, che era andato a fare shopping, Allen va a trovare la ragazza. Insieme passano il pomeriggio a guardare la tv in compagnia di molti dei loro fratelli, amici di famiglia, due tate e l’insegnante di francese di Mosè. Allen riconosce di aver appoggiato la testa sulle ginocchia di Dylan mentre guardava il film Who Cheated on Roger Rabbit? Verso la fine della serata, e nonostante la presenza di diversi testimoni farrow aveva insistito sul fatto che “tengono d’occhio” Allen, la ragazza e suo padre svengono insieme in una delle stanze al piano di sopra, dove si suppone che si verifichino abusi. Dylan dirà poco dopo che Allen gli ha chiesto di reclinarsi su un tavolo e gli ha toccato “le sue parti intime”.

5 agosto 1992: Mia Farrow afferma di interrogare Dylan e Dylan gli racconta degli abusi a cui è stato sottoposto

La sua amica Casey Pascal e una delle tate presenti il giorno prima dicono a Farrow che Dylan si era sentito “a disagio” con suo padre. Secondo la sua stessa testimonianza, Mia interroga la ragazza e la ragazza le racconta degli abusi a cui è stata sottoposta. Farrow chiama Susan Coates e le racconta cos’è successo. Questo è strano per la calma di Farrow, specialmente rispetto allo stato di estremo tumulto in cui si trovava quando la chiamò il 1o agosto. Coates racconterà in seguito di aver avuto l’opportunità di parlare con Dylan e che il suo racconto dei fatti sembrava “non spontaneo” e “di dubbia coerenza”. Nei giorni successivi, Farrow registrerà a casa e senza assistenza professionale un nastro con la testimonianza della ragazza che non sarà mai accettato come prova, ma sarà divulgato a vari media.

13 agosto 1992 – Woody Allen Sues Mia Farrow, 13 agosto 1992

Woody Allen fa causa a Mia Farrow per la custodia di Moses, Dylan e Ronan.

17 agosto 1992: Allen conferma di avere una relazione con Soon-Yi Previn

Allen conferma alla stampa di avere una relazione con Soon-Yi Previn, che si è stabilito nel suo appartamento di New York dopo aver litigato con Mia Farrow. Ore dopo, la polizia di Stato del Connecticut annuncia che aprirà un’indagine per chiarire se le accuse di abusi sessuali di Dylan Farrow siano fondate o meno.

Novembre 1992: Inizia un intenso impulso mediatico tra gli agenti allen e farrow

Mia Farrow pubblica la sua versione dei fatti sulla rivista Vanity Fair e Woody Allen le risponde nel programma di notizie della CBS 60 minuti. L’intenso impulso mediatico inizia tra allen e le squadre di pubblicisti e agenti di Farrow.

18 marzo 1993: gli esperti di abusi sui minori dello Yale-New Haven Hospital riportano il loro rapporto sulla presunta violenza sessuale

Il team di esperti di abusi sui minori allo Yale-New Haven Hospital nel Connecticut presenta alla polizia di Stato il loro rapporto sulla presunta violenza sessuale subita da Dylan Farrow. La relazione non è resa pubblica, ma diversi mezzi di comunicazione traggono alcune delle sue presunte conclusioni. La principale, che Dylan è una ragazza “fantastica”, con apparenti difficoltà “a distinguere la realtà dalla finzione” e che la sua è una testimonianza “non coerente”, molto probabilmente istigata da sua madre. Sarà anche pubblicato più tardi che Dylan è stato interrogato dal team di psicologi “fino a nove volte” e che in tutti loro ha offerto versioni “sostanzialmente diverse” dei fatti.

29 marzo 1993: Susan Coates definisce la relazione di Woody Allen con Dylan Farrow “strana e intensamente inappropriata”, ma “non di natura sessuale”

Susan Coates finisce per essere una delle testimonianze chiave nel processo altamente mediatico per la custodia di Moses, Dylan e Ronan. Lo psicologo definisce la relazione di Woody Allen con Dylan Farrow “strana e intensamente inappropriata”, ma “non di natura sessuale”. Durante il processo, Allen descrive in dettaglio il deterioramento della sua relazione con Farrow e ritrae Farrow come “una donna di controllo con molteplici disturbi della personalità” che usa i suoi figli come “lanciare armi” contro le persone che si ostraggono sulla sua strada. Farrow afferma di aver cercato di tenere Allen lontano da sua figlia Dylan non appena ha iniziato a sospettare che provasse per lei un’attrazione sessuale malsana, cosa che è successa quando la ragazza aveva circa due anni.

7 giugno 1993: il giudice Elliott Wilk concede la custodia a Mia Farrow e limita i diritti di visita di Woody Allen

Il giudice Elliott Wilk, con una condanna di 33 pagine, concede la custodia dei tre minori a Mia Farrow e limita i diritti di visita di Woody Allen, ma nega che l’abuso sessuale di Dylan Farrow sia stato sufficientemente accertato. Pochi giorni dopo, sulla base della sentenza di Wilk, l’avvocato del Connecticut Frank Maco afferma che non farà accuse contro Allen, ma aggiunge, in una controversa conferenza stampa, che la sua opinione personale è che Dylan abbia subito abusi, anche se questi sono molto difficili da dimostrare. Nel valutare l’esito della battaglia legale, Allen insiste sul fatto che i tribunali hanno stabilito la sua innocenza al di là di ogni ragionevole dubbio. Farrow sottolinea che Wilk la considera “una buona madre” e che Maco “crede nella versione di Dylan”, ma preferisce non avviare un procedimento legale basato esclusivamente sulla testimonianza della ragazza perché la vede “psicologicamente fragile” e non vuole traumatizzarla.

23 dicembre 1997: Soon-Yi Previn e Woody Allen si sposano a Venezia

Presto-Yi Previn e Woody Allen si sposano a Venezia. Anni dopo, in un’intervista con Walter Isaacson per la rivista Time,Allen descrive questo periodo della sua vita come “di intensa felicità e pienezza”. Riconosce anche che il suo rapporto con Soon-Yi può essere “scioccante” e persino offensivo, ma rivendica il suo diritto “di ignorare l’opinione degli altri e seguire i dettami del cuore”.

17 giugno 2012: Ronan Farrow sovrastimò le ostilità con un tweet incendiario

Dopo anni di relativa tregua, Ronan Farrow ha superato le ostilità con un tweet incendiario: “Buona festa del papà o, come diciamo a casa mia, buon giorno del marito di tua sorella”.

Novembre 2013: Dylan Farrow concede un’intervista a ‘Vanity Fair’ in cui ribadisce che suo padre l’ha abusata

La 28enne, dopo un lungo silenzio, Dylan Farrow concede a Vanity Fair un’intervista in cui ribadisce che suo padre l’ha abusata e aggiunge che l’insistenza dei media nell’ignorare o negare la sua storia è un’umiliazione e una punizione ingiusta per lei. Pochi mesi dopo, nel febbraio 2014, ha pubblicato una lettera aperta in cui raccontava attentamente ciò che accadeva a casa dei Farrows il 4 giugno 1992. Suo fratello Ronan la sostiene con una frase che diventerà molto emblematica nel medio termine: “Ti credo”.

5 febbraio 2014: Moses Farrow sottende la versione di Woody Allen e accusa sua madre di “maltrattare, deprimere e traumatizzare i suoi figli”

Esce Moses Farrow, l’unico dei figli di Mia che sorrece la versione di Woody Allen. In un’intervista per People,Moses, sette anni più grande di Dylan e psichiatra di professione, accusa sua madre di essere una persona instabile che “ha frainteso, depresso e traumatizzato i suoi figli” e sostiene che sua sorella non ricorda con precisione ciò che è accaduto nell’agosto del ’94 e ha finito per confondere la realtà con il “lavaggio del cervello” di cui è stato oggetto.

Anno 2017: Ronan Farrow pubblica su ‘The New Yorker’ il risultato di un’indagine sui crimini sessuali di Harvey Weinstein

L’anno in cui il polso dei media viene trasmesso di nuovo. Ronan Farrow, giornalista di successo, pubblica su The New Yorker il risultato di un’indagine esaustiva sui reati sessuali di Harvey Weinstein e, parallelamente, inizia a incitare attori e attrici che recitano nei film di Woody Allen a “farsi avanti” e smettere di essere “complici” di un molestatore sessuale il cui crimine è rimasto impunito. La sua esortazione e quella di sua sorella Dylan troveranno eco prima su Ellen Page e poi su Colin Firth, Peter Sarsgaard, Mira Sorvino o Greta Gerwig. Woody Allen e il suo team di pubblicisti stanno cercando, con scarso successo, di raccogliere sostegno e insistere sulla versione di Moses Farrow.

16 settembre 2018: il primo grande intervento pubblico di Soon-Yi

Un’intervista con Soon-Yi Previn sulla rivista Vulture permette a Woody Allen di riprendere l’iniziativa. Nel suo primo grande intervento pubblico, Soon-Yi difende, a 48 anni, il suo diritto di essere ascoltato e preso in considerazione anche se la sua versione degli eventi non rientra nella “narrazione ufficiale” guidata da Farrow. In sostanza, il racconto di Previn coincide con quello del fratellastro Mosè nel ritrarre Mia Farrow come una “pezza, abusiva, madre collettivi”. Javier Bardem o Jude Law esprimono, con poche riserve, il loro sostegno a Woody Allen e il loro rifiuto del linciaggio mediatico di cui credono sia vittima.

2019 e 2020: Ronan pubblica ‘Predators’. La maggior parte degli artisti del ‘Rainy Day in New York’ esprime il proprio sostegno a Dylan e Allen insiste su quanto sia ridicolo che la sua vita sia “erba di pettegolezzi”

Ronan pubblica Predators negli Stati Uniti e fa pressione sull’editore Hachette per annullare il contratto per pubblicare l’autobiografia di Woody Allen. La maggior parte degli artisti del Rainy Day a New York prendere le distanze dal film ed esprimere il loro sostegno a Dylan Farrow. Quattro di loro, Griffin Newman, Timothée Chalamet,Elle Fanning e Rebecca Hall annunciano che doneranno in beneficenza lo stipendio che hanno ricevuto per partecipare al film. Andrea Peyser scrive nella sua rubrica del New York Post che Mia Farrow ha coronato con successo la sua campagna di quasi 30 anni per distruggere la reputazione di Woody Allen e che “dovremmo tutti avere paura”, perché i fatti hanno ufficialmente cessato di essere importanti e ora è “la massa disinformata e manipolabile” che impone i suoi criteri. Allen rimane aggrappato alla strategia difensiva che ha ideato dopo aver perso la custodia dei suoi figli: negare tutto e insistere su quanto sia ridicolo che la sua vita sia erba di pettegolezzi e calunnie. KO tecnico o prologo al prossimo turno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *