Amanda Lear era un uomo: la Fake News più discussa sul web


Controcopertina è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Francesca Fialdini torna nella programmazione della domenica pomeriggio di Rai1 dopo Mara Venier, ma con uno stile diverso (né migliore né peggiore, ovviamente). “A ruota libera” (domenica, Rai1, ore 17.15) non è certo un titolo casuale. “Non mi lascio governare dalle aspettative”, spiega il giornalista. “Voglio rompere gli schemi e mettere in discussione i pregiudizi, per arrivare alla libertà e alla felicità delle persone”. Fialdini cita come esempio la Drag Queen Priscilla.

Amanda Lear, artista poliedrica il cui lavoro comprende il canto e la danza, la pittura e l’organizzazione di eventi, è stata oggetto di attenzione da parte dei media fin anni Settanta, anche a causa della sua sessualità ambigua e del suo abbigliamento provocatorio . In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, l’artista aperta parlamente di ciò che l’ha resa sempre al centro dell’attenzione di telegiornali e riviste.

L’ultimo gossip su Amanda Lear riguarda un presunto cambio di sesso. Il seguente articolo vi dirà tutto quello che c’è da sapere sul vero nome di Amanda Lear da uomo, sui racconti del suo primo incontro con Salvador Dalì e su altri dettagli della vita della star che hanno sempre giocato sull’ambiguità. “Non c’è una sola Amanda, ce ne sono molte”, disse Denis Taranto nel 1970, e questa risposta può bastare per tutto.

Amanda Lear è stato oggetto di molte voci riguardanti la sua identità di genere. Dopo che il concorrente del Grande Fratello Vip Giucas Casella ha lanciato un’accusa ad Amanda Lear durante l’edizione 2021/2022 del programma – a cui è seguita una smentita da parte del diretto interessato, Alain René Tap (il ragazzo che avrebbe poi cambiato sesso per quello che oggi tutti diventano come Amanda Lear) – è tornata in auge una frase associata alle origini della diva: “La foto che vedete qui a sinistra appartiene ad Alain René Tap, nato a Saigon nel 1939, proprio come Amanda Lear” .

A metà degli anni Sessanta, Amanda Lear era sull’onda di una popolarità sempre crescente. Amata e sostenuto da Salvador Dalì, ed è proprio sesso al genio del Surrealismo che si deve l’inizio della leggenda secondo cui Amanda sarebbe stata in realtà un ragazzo di nome Alain René Tap che cambiò a Casablanca, operato dal dottor Georges Burou, che all ‘epoca era noto come il miglior esperto di cambio di sesso. Alain René Tap cambiò il suo nome in Peki D’Oslo, ballando negli spettacoli di burlesque en travesti diretti da Ladybird, che all’epoca popolare era molto, e incontrando la transgender April Ashley, che avrebbe raccontato tutti i dettagli di Peki D’Oslo prima e dopo la foto dell’operazione nella sua autobiografia.

Nella sua autobiografia, Amanda Lear ha scritto di aver incontrato per la prima volta Salvador Dalì in un nightclub di Barcellona, ​​nel Barrio Gotico. Insieme fecero una performance sadomaso, e la loro relazione è storia. Inoltre, la stessa Lear ha sempre negato tutto, spiegando che le voci di un cambio di sesso erano uno stratagemma escogitato da lei e lo stesso Salvador Dalì per suscitare dallo stesso maggiore curiosità e aumentare la sua carriera.

Amanda Lear ha parlato delle recenti voci secondo cui sarebbe sottoposto a un’operazione di cambio di sesso. La diva ottantaduenne paragona le persone che credono a questa storia ai terrapiattisti, dicendo: “Non c’è nessun cambio di sesso, sono sempre stata una donna”.

È la stessa ragione per cui qualcuno continua a dire che la terra è piatta. Io sono stata la prima vittima delle fake news e dei complottisti. Dicevano che quelle foto erano ritoccate. La gente sparlava di me pensando forse di distruggermi. E invece hanno contribuito alla mia fama. Ecco, do questo consiglio alle vittime delle fake news di oggi sui social: utilizzatele a vostro vantaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.