Bimbo gioca con l’accendisigari in cameretta: appicca un incendio e la mamma muore tra le fiamme

25

Chloe Doggett, 28 anni, è stata condannata quando è rimasta intrappolata in una stanza della casa in cui viveva in Galles. L’incendio non le ha dato alcuna possibilità di fuga.

Una donna di nome Chloe Doggett, 28 anni, è rimasta uccisa nell’incendio di una casa a Tonypandy, nella Rhondda Valley, in Galles, il 21 settembre 2013, quando un bambino che giocava con un accendino ha accidentalmente appiccato il fuoco.

Nonostante gli sforzi dei vigili del fuoco, la giovane è stata dichiarata morta all’ospedale Morriston tre giorni dopo che l’ultimo piano della casa era stato distrutto dalle fiamme. La polizia del Galles del Sud ha inizialmente sospettato la fidanzata del 28enne, ma non è stata avviata alcuna indagine penale dopo che uno dei bambini ha confessato di aver appiccato l’incendio.

Il detective Stacey Vincent ha interrogato il bambino, che avrebbe “descritto di aver acceso il fuoco e di aver usato un accendino”. A quanto pare, il bambino aveva precedentemente detto a un membro della famiglia di aver bruciato un “orsacchiotto”. Secondo il medico legale, c’erano numerosi accendini e posacenere in varie stanze della casa, dove tutti gli adulti erano fumatori.

Il tribunale ha dichiarato che nella casa non c’erano allarmi antincendio o altri dispositivi di sicurezza. Secondo il tribunale, Chloe Doggett e il suo ragazzo si trovavano nella sua camera da letto all’ultimo piano alle 16:37, quando i vigili del fuoco hanno ricevuto la prima chiamata. La Stevens era in collegamento FaceTime con la sua migliore amica, Chloe Doggett.

Secondo il rapporto, l’amica della ragazza ha detto che la sua amica era “felice”, ma poi ha sentito quello che sembrava una donna che urlava e un uomo che gridava “Chloe”. La ragazza avrebbe gettato il telefono a terra mentre si avvicinava alla porta, in quello che il fidanzato ha descritto come un bambino avvolto dalle fiamme nella stanza d’ingresso. Ha detto che il suo “istinto è stato quello di correre attraverso il fuoco e prenderlo, ma non mi sono reso conto che Chloe era ancora nella stanza finché non sono uscito”.

Nonostante gli sforzi dei pompieri, non sono riusciti a salire le scale, perché il pianerottolo era coperto di fumo nero. Per cercare di rompere la finestra della camera da letto dall’esterno sono stati usati un barattolo di vernice, un martello e una scala, ma non ci sono riusciti. L’esperta di analisi forense del sangue Penelope Griffiths ha dichiarato che le ferite riportate dalla signora Doggett sulle braccia e sul corpo, così come il sangue sulla finestra, sulla porta della camera da letto e sull’armadio, supportavano la sua teoria secondo cui aveva cercato di fuggire attraverso la finestra. La 28enne si è poi accasciata e non si è più svegliata.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.