Buttafuori ferito da papà Leonardo Muratovic posta foto: “M’hanno accoltellato, se moro ve vojo bene”

23

All’arrivo in ospedale, il padre di Leonardo Muratovic ha postato un messaggio su Facebook che diceva: “Sono stato accoltellato. Se muoio, vi amo”. Era uno dei due buttafuori aggrediti fuori da un locale di Anzio, dove Leonardo Muratovic, 26 anni, è stato colpito mortalmente.

Nella foto con l’addome insanguinato e un sorriso, il post su Facebook dice: “Sono stato accoltellato. Se muoio, vi amo”. A causa di un alterco fuori da un locale di Anzio, a Roma, il padre di Leonardo Muratovic ha accoltellato due buttafuori, uno dei quali era Muratovic. Dice che sta bene, per fortuna”, ha detto un parente di uno dei feriti. Il suo collega è in condizioni più gravi. Gli uomini sono stati convocati presso il commissariato di polizia di Anzio per fornire informazioni su quanto accaduto all’interno e all’esterno di un chiosco sulla Riviera Mallozzi. Sono stati aggrediti dal padre di Muratovic.

Il movente dell’omicidio di Leonardo è ancora sconosciuto e l’assassino è ancora in libertà. L’assassino è stato provocato da una parola di troppo pronunciata dalla sua ragazza, con conseguente rissa che potrebbe essere stata sedata da due buttafuori. Il padre del ragazzo sostiene che i due uomini non hanno sedato la rissa e l’hanno solo spostata fuori dal locale. Per rappresaglia, l’uomo ha accoltellato le guardie del corpo fuori dalla stazione di polizia locale. Il ragazzo, Muratovic, era con la sua ragazza e i suoi amici quando ha iniziato una rissa con un altro piccolo gruppo. I due gruppi sono stati allontanati dal locale dal personale di sicurezza e pochi minuti dopo il pugile è stato accoltellato a morte. Trasportato in ospedale, è morto pochi minuti dopo. Il responsabile è ancora sconosciuto.

Il sindaco di Anzio: “Due settimane fa ordinanza su movida”

“La morte di un ragazzo di 26 anni è un dramma assoluto. Solo 15 giorni fa con una ordinanza ho rivisto e integrato le misure di prevenzione e contrasto ai fenomeni legati alla movida, disponendo la chiusura alle 2 di notte per tutti i locali, l’interruzione della musica a mezzanotte, vietata la vendita di alcol ai minori. Ho dovuto perfino discutere con i commercianti per questa ‘ristrettezza’. Ho deciso comunque di tenere il punto e oggi eccoci qui”, ha dichiarato all’agenzia AdnKronos il sindaco di Anzio, Candido De Angelis. “Non so cosa dire, se non che mi auguro arrestino subito il responsabile. E’ un momento di grande dolore. E’ un momento di lutto, di grande dolore, domani mattina vediamo quello che si può fare, quello che sicuramente faremo, anche per la proclamazione di un giorno lutto, dal valore simbolico certo, ma che sia almeno un momento di riflessione”, ha aggiunto ancora il primo cittadino.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.