Carolina Marconi piange terrorizzata dalle urla di Amaurys: “Sei stato violento e aggressivo”


Durante un acceso confronto notturno tra Charlie e Amaurys, Carolina è intervenuta per cercare di calmare l’ex pallanuotista. “Sono rimasta colpita dal tono che hai usato”, gli ha detto in seguito. “Ho già sperimentato la violenza fisica e verbale. Quella scena ha suscitato qualcosa in me”.
Come Carolina Marconi è scoppiata in lacrime poco dopo la furiosa lite scoppiata nella notte tra Amaurys Perez e Charlie Gnocchi nella Casa del GFVip, a poche ore dopo la puntata, i due concorrenti si sono attaccati a vicenda alzando molto la voce. In particolare, l’ex pallanuotista ha spaventato Carolina tirando fuori i fantasmi del suo passato.
“Il tono che hai usato con una ragazza può essere interpretato male. Tu e Charlie siete stati violenti, spiega Carolina dopo che ha tentato di calmare Amaurys durante la lite. “Non voglio andare contro di te, ma il tono che hai usato prima è stato esagerato. Sono una donna di 44 anni che riconosce quella voce e che ha subito tanto”. La showgirl ha infatti alle spalle un matrimonio con Salvatore De Lorenzis, che nel 2015 è stato condannato a 1 anno e 5 mesi per maltrattamenti in famiglia. “Ho vissuto violenze fisiche e verbali. Mi hai fatto impressioneMi hai sollecitato qualcosa…per questo piango”, ha chiarito. “Quando usciremo ti racconterò. Qui non posso parlare di cose così delicate”.

L’ex pallanuotista si è scusato per il suo comportamento, dicendo di essere dispiaciuto per il modo in cui ha reagito a Carolina. “Mi avete detto che sono violento e autoritario. Sono due cose diverse”, ha spiegato. “Inoltre, come mai hai detto questo a me? Perché sono alto 1,94 metri, peso 102 chili e ho un bel vocione”, si è giustificato. Ha poi raccontato che ogni anno combatte in prima linea contro la violenza di genere e ha spiegato perché si è arrabbiato tanto con Charlie Gnocchi.

Urlavo perché il ‘signor tuttologo’ è arrivato a dirmi di cosa devo o non devo parlare. Stavamo parlando di Marco e io mi sono sentito chiamato in causa. Lui è arrivato adire che non dovevamo parlarne. Ma chi ca**o sei? Non è la prima volta che lo fa. Questo ti manda a fare in c**o e due giorni dopo ti dice ti voglio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *