David Sassoli moglie e figli: chi è Alessandra Vittorini? Causa morte e Funerali

Il presidente del Parlamento europeo, il socialista David Sassoli, è morto nelle prime ore di martedì in un ospedale in Italia dove era stato ricoverato due settimane fa, come confermato a Europa Press dal suo portavoce, Roberto Cuillo. Sassoli è morto all’1.15.m. di martedì al Centro di Riferimento Tumori della città di Aviano, situato in provincia di Pordenone, nel nord-est del Paese. Cuillo ha anche precisato che nelle “prossime ore” verrà pubblicata una dichiarazione ufficiale al riguardo. Ha detto che la morte è avvenuta presso il Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano, in Italia, dove è stato ricoverato.

Il presidente del Parlamento europeo, il socialista David Sassoli, è morto all’età di 65 anni in Italia dopo due settimane di ospedale a causa di una grave complicazione del sistema immunitario, secondo il suo portavoce Roberto Cuillo.

La morte del socialdemocratico italiano è avvenuta martedì mattina al Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano, dove era ricoverato dal 26 dicembre. Un reddito che è stato reso pubblico solo il giorno prima Sassoli ha dovuto essere ricoverato d’urgenza lo scorso settembre a Strasburgo, nel nord-est della Francia, a causa di una grave polmonite mentre si trovava nella città gallese per presiedere la sessione plenaria.

Più tardi, è stato trasferito in Italia per continuare la sua guarigione e solo due mesi dopo, a novembre, è stato in grado di tornare a presiedere una riunione dell’istituzione.

Il giornalista e politico italiano è stato nominato Presidente del Parlamento europeo nel luglio 2019 ed era nell’ultima settimana del suo mandato. La camera ha votato sul nuovo presidente la prossima settimana e Sassoli non era pronto per la rielezione per la seconda parte del suo mandato. Secondo le regole del Parlamento europeo, nel caso in cui la presidenza sia vacante, sarà un vicepresidente, determinato secondo l’ordine di precedenza, a svolgere le funzioni a capo dell’istituzione fino all’elezione del nuovo presidente.

Il luogo e la data del funerale saranno annunciati nelle prossime ore, ha detto Cuillo. I leader delle istituzioni europee e i capi dei gruppi parlamentari hanno pianto la sua morte con messaggi sui social media.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha riconosciuto di essere “profondamente rattristata” dalla “terribile” perdita di “un grande europeo e orgoglioso italiano”. David Sassoli era un giornalista compassionevole, un presidente di spicco del Parlamento europeo e, prima di tutto, un caro amico. I miei pensieri sono con la sua famiglia”, ha scritto Von der Leyen sul suo profilo Twitter.

A lei si è aggiunta la Vicepresidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, che ha riconosciuto di avere un “cuore spezzato” a causa della perdita di un amico. “L’Europa ha perso un leader, io ho perso un amico, la democrazia ha perso un campione. David Sassoli ha dedicato la sua vita a rendere il mondo un posto migliore e più giusto”, ha detto.

Allo stesso modo, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha già dichiarato che gli manca già il “calore umano” di Sassoli, oltre a “la sua generosità, la sua simpatia e il suo sorriso”.

“Notizie terribili per tutti in Italia e in Europa. Ricordiamo la sua figura di leader democratico ed europeista. Lei è stato un uomo chiaro, generoso, allegro e popolare”, ha dichiarato il Commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni.

Allo stesso modo, il gruppo di Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento europeo ha riconosciuto di essere “scioccato e terribilmente rattristato” dalla notizia della morte di un “uomo generoso e buono che ha combattuto per il progetto europeo fino alla fine”.

Moglie e figli: vita privata

David Sassoli ha sposato Alessandra Vittorini nel 1957. La moglie è un architetto, figlia dell’urbanista Marcello Vittorini, al vertice della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio de L’Aquila dal 2015. Dal loro matrimonio sono nati due figli, Livia e Giulio.

La sua Carriera Politica

Il parlamento è andato ai socialdemocratici di Sassoli, la Commissione europea è caduta a destra con la tedesca Ursula von der Leyen e il Consiglio europeo ai liberali con il belga Charles Michel.

La sua nazionalità, il suo partito (secondo alla camera europea) e la sua conoscenza dell’istituzione, in cui aveva ricoperto una vicepresidenza nella precedente legislatura, lo hanno reso all’ultimo minuto l’uomo ideale.

Il suo mandato di due anni e mezzo è stato segnato dalla pandemia.

Ma l’attenzione alla sua squadra anche nel telelavoro, il suo senso dell’organizzazione con un sistema di voto a distanza e la sua capacità di resistere alle pressioni francesi affinché i deputati tornassero a Strasburgo, sede del Parlamento, gli sono valsi il rispetto dell’istituzione.

Nel bel mezzo della pandemia, ha messo a disposizione le strutture deserte del Parlamento, sia a Strasburgo che a Bruxelles, per preparare il cibo per le famiglie bisognose e per installare un centro di test covid.

Guarito in passato dalla leucemia, Sassoli aveva il tallone d’Achille in salute. Fumatore accanito e amante della bella vita, a settembre è stato ricoverato in gravi condizioni per polmonite che lo ha tenuto lontano dal Parlamento per settimane.

Il 26 dicembre è stato ricoverato di nuovo “a causa di una grave complicazione dovuta a una disfunzione del sistema immunitario”, ha detto lunedì il suo portavoce Roberto Cuillo, poche ore prima di annunciare la sua morte.

Nato il 30 maggio 1956 a Firenze, Sassoli ha studiato Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera di giornalista negli anni ’80 in piccoli quotidiani e agenzie di stampa prima di trasferirsi nel 1992 alla rete radiotelevisiva statale RAI, dove è diventato uno dei suoi principali presentatori.

Si è buttato nell’arena politica nel 2009 quando l’ex sindaco di sinistra di Roma, Walter Veltroni, ha organizzato la fusione dei due maggiori partiti di sinistra e di centro, dando vita al Partito Democratico Italiano (PD).

Alle elezioni europee del 2009 si è candidato come PD in una delle cinque circoscrizioni italiane ed è stato eletto con oltre 400.000 voti.

Questo successo lo ha portato lontano dagli schermi televisivi e lo ha costretto a concentrarsi sulla sua carriera politica all’interno del Parlamento europeo, dove ha guidato la delegazione del PD.

Nel 2013 si candida a sindaco di Roma alle primarie del PD, ma viene sconfitto da Ignazio Marino.

Da allora, questo padre di due figli si è dedicato all’istituzione europea. Nel 2014 è stato rieletto eurodeputato e a luglio ha assunto la vicepresidenza del parlamento con delega al bilancio e alla politica euromediterranea.

Nonostante i suoi impegni politici, ha affermato di non aver “completamente abbandonato la sua carriera giornalistica” e ha collaborato con diversi giornali e riviste italiane.

È autore insieme a Francesco Saverio Romano del libro “Fragile Power – I Consigli dei Ministri durante il Rapimento di Moro” dedicato ai cosiddetti “anni di piombo”.

“Nulla è possibile senza gli uomini, nulla è duraturo senza istituzioni”, ha detto ai suoi colleghi parlamentari prima della sua elezione, citando una frase di Jean Monnet, uno dei padri fondatori dell’UE.

Funerali David Sassoli

La Basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma è stato il luogo dove questo venerdì è stato licenziato con gli onori il presidente del Parlamento David Sassoli,scomparso martedì scorso dopo una complicazione al sistema immunitario. La bara del leader italiano, avvolta nella bandiera dell’Ue, ha percorso le strade della capitale italiana, dalla sua casa, un giorno dopo essere stata dismessa da molti cittadini in municipio.

Al suo ingresso in chiesa, le note di Bach sono state suonate e al funerale ha partecipato il Primo Ministro italiano, Mario Draghi, attraverso il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, o Pedro Sánchez. Non sono mancate anche la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, o la presidente ad interim del Parlamento europeo, Roberta Metsola, che è anche la favorita per sostituire lo stesso Sassoli.

Questo giovedì presso la cappella in fiamme, installata nella Sala della Protomoteca del Palazzo del Campidoglio Romano, centinaia di uomini e donne sono passati a dare l’ultimo saluto a un politico che consideravano “un brav’uomo” e un europeista convinto. “Sono qui per rispetto per una grande persona, un faro per l’Europa che ha fatto molte cose buone”, ha detto a EFE Loredana, una delle donne che hanno aspettato in fila per passare davanti alla bara.

Nella vita, per tutta la sua carriera politica è stato “leale e molto costruttivo, una brava persona”, ha detto un altro dei partecipanti,Carlo, visibilmente commosso, mentre Susanna è venuta solo per dedicare un ultimo “grazie”. Nella sala sono state accumulate corone di fiori di numerose istituzioni italiane ed europee, tra cui una del governo spagnolo e un’altra del Partito socialista spagnolo, e la musica sacra di Johann Sebastian Bach è stata cantata.

La bara è stata ricevuta in mattinata dalla moglie, Alessandra Vittorini, e dai loro figli, Giulio e Livia,e accanto a loro c’era il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è venuto a porgere il suo ultimo saluto al politico e giornalista poco dopo l’apertura della cappella in fiamme e durante la giornata è stato seguito da tutti i leader politici italiani, come il Presidente del Consiglio, Mario Draghi.

Poi è arrivato Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, a cui Sassoli apparteneva, che lo ha elogiato come “simbolo di buona e sana politica”. Sono passati anche i leader di estrema destra Matteo Salvini e Giorgia Meloni, il Movimento Cinque Stelle, Giuseppe Conte, o il leader di Italia Viva Matteo Renzi, così come il veterano della sinistra Massimo D’Alema o l’ex primo ministro Mario Monti.

Sassoli è morto martedì scorso per una disfunzione del sistema immunitario mentre era ricoverato in un ospedale di Aviano, nella regione Friuli Venezia Giulia (nord Italia) dal 26 dicembre. La prima vicepresidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, assume ora i compiti della presidenza ad interim fino all’elezione di un nuovo presidente la prossima settimana, una sostituzione già pianificata prima della morte improvvisa dell’italiano.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.