Elena Del Pozzo uccisa, il Gip: Omicidio senza pentimento

Martina Patti non prova alcun rimorso per aver ucciso la figlia Elena Del Pozzo. Secondo il Gip, Martina è stata fredda, calcolatrice e meticolosa nelle sue azioni quando ha ucciso Elena. L’unica interpretazione plausibile degli eventi, secondo il Gip Daniela Monaco Crea, è che Martina Del Pozzo abbia meditato e pianificato l’omicidio della figlia Elena, uccisa all’età di cinque anni.

Secondo il giudice, la vittima è stata “uccisa in modo particolarmente barbaro e prolungato” e l’imputata, una donna di 23 anni, doveva essere in “pieno controllo delle sue facoltà” perché ha usato tecniche che richiedevano “un livello avanzato di cognizione”. Inoltre, la donna, secondo il resoconto del giudice, “ha assemblato gli strumenti necessari per scavare una buca” e ha trovato un luogo remoto e impenetrabile per seppellire il corpo della vittima. Lo ha fatto con freddezza.

Quando è uscita di casa con la figlia ancora in vita e ha preso ben cinque sacchi della spazzatura per portare a termine l’omicidio, ha nascosto l’arma e ha messo in atto un lucido inganno. Dopo essersi ricomposta, ha inscenato un lucido inganno fingendo di essere stata rapita da un commando armato.

Secondo un’ipotesi investigativa, che ha ricevuto ulteriore credito dopo le valutazioni medico-legali, Elena sarebbe stata uccisa dopo che, per mancanza di coraggio, si era coperta la testa con una busta. Di conseguenza, lui le ha inferto quasi venti coltellate. Durante l’interrogatorio, Elena dice: “Non ricordo molto” perché, afferma, “mi sono girata e non volevo guardare”. Secondo il giudice, in questa ricostruzione c’è una “mancanza di memoria” e una mancanza di “segni convincenti di pentimento e contrizione”.

Sono presenti tutti gli indicatori di un crimine efferato”, ha detto il Gip, “una totale mancanza di resipiscenza e un’intensa volontà criminale, oltre a spregiudicatezza, insensibilità alle regole del vivere civile e assoluta mancanza di resipiscenza. Nonostante la sua fragilità psicologica, confessò l’omicidio della figlia Elena solo dopo che il padre di lei la rassicurò che ‘qualunque cosa avesse fatto, i suoi sentimenti per lei non sarebbero cambiati'”. Il corpo della ragazza è stato sepolto in una buca, con indosso solo una maglietta, dopo che il sospettato ha condotto la polizia sul luogo dell’omicidio. Tuttavia, durante l’interrogatorio, la ragazza afferma di “non ricordare bene” il momento del crimine, perché, sostiene, “ero girata e non volevo guardare”. Secondo il giudice, l’imputata ha pronunciato numerosi “non ricordo” durante l’interrogatorio.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.