Google Pixel 7 Pro, analisi e recensione: fotocamera, software, magia


Il Pixel 7 Pro è una delle grandi speranze per la fascia alta del 2022. Sulla carta ha tutto, ma a un prezzo inferiore rispetto alla sua concorrenza più diretta . Una fascia super alta a meno di 1.000 euro, con una delle migliori fotocamere sul mercato e una scommessa su software difficile da migliorare su Android. Dipinge bene ma, come sempre, è necessario testare a fondo nel caso la carta inganni.

Scorri la nostra tabella di analisi il Google Pixel 7 Pro, uno dei telefoni più speciali dell’anno e prova che è possibile vivere un’esperienza eccellente (piccolo spoiler) senza dover sparare al budget sopra i 1.000 euro. Analizziamo cosa offre.

Scheda tecnica di Google Pixel 7 Pro

GOOGLE PIXEL 7 PRO
DIMENSIONI E PESO‎16,3 x 7,66 x 0,87 cm; 210,5 grammi
SCHERMO6,7 pollici
3120 x 1440 pixel
1500 nit
120 Hz
POLED
Gorilla Glass 7
PROCESSORETensore di Google G2
Titan M2
RAM12 GB
MEMORIA INTERNA128/256GB
VIDEOCAMERA POSTERIOREOIS 50 MP f/1.85, 1/1.3″, OIS
12 MP UGA, f/2.2, 1/2.9″
Teleobiettivo 48 MP, f/3.5, 1/2.55″, zoom ottico 4.8x, Super High Res 30x
FOTOCAMERA FRONTALE10,8 MP, f/2,2
SOFTWAREEsperienza Android 13
Pixel
BATTERIARicarica
wireless da 5.000 mAh
ALTRIRiconoscimento facciale
Lettore impronte sotto lo schermo
Altoparlante stereo
doppio Dual SIM
PREZZO899€

Design: con personalità, nel bene e nel male

Pixel 7 Pro 0918

Con Google Pixel 6 e Google Pixel 6 Pro, Google ha introdotto una nuova linea di design per i suoi Pixel. La fotocamera è diventata più protagonista che mai grazie a un’enorme striscia verticale che nascondeva i sensori della fotocamera. Questa striscia, nera in tutte le sue versioni, si abbinava abbastanza bene ai colori del terminale. Allo stesso modo, era abbastanza robusto e non troppo sporco .

Pixel 7 Pro 0921

Quest’anno, il Pixel 7 Pro si ripete con il vetro sul retro, ma il modulo diventa in alluminio spazzolato (opaco nel caso del Pixel 7). Si sporca molto facilmente, è facile da micrograttare (il cellulare non viene fornito con una custodia e, semplicemente appoggiandolo su un tavolo, possiamo graffiare il modulo) e la sensazione è meno premium rispetto allo scorso anno . Ha ancora una personalità unica, ma ero un po’ più convinto dalla soluzione dell’anno scorso. La parte posteriore si sporca parecchio (anche se il bianco aiuta un po’ a nascondere le impronte digitali), ed è di nuovo un cellulare piuttosto scivoloso, come l’anno scorso.

Pixel

Anche la posizione della pulsantiera è diversa da quella che siamo abituati a vedere su Android. Nella parte centrale del lato destro, proprio dove poggia il pollice, abbiamo il pulsante del volume. Il pulsante di sblocco piuttosto piccolo si trova un po’ più in alto, rendendolo difficile da raggiungere di nuovo.

Tg Immagine 2568307408

Posizione del pulsante su Pixel 7 Pro.

Con qualche giorno di utilizzo ci si fa l’abitudine, senza nessun problema , ma mi sarebbe piaciuta una pulsantiera invertita, con il tasto di sblocco in posizione un po’ più bassa. Quello a cui non riesco ad abituarmi è che i pulsanti ballano leggermente . In un terminale di questo prezzo l’asta potrebbe essere leggermente migliore.

img 0947 2

Capovolgendolo, ci sono alcune modifiche rispetto al modello precedente. Non c’è più una curva così pronunciata , ma un pannello con un 2.5D un po’ pronunciato. Non diventa un flat panel, ma la curva è meno fastidiosa rispetto alla generazione precedente. L’utilizzo frontale è praticamente identico, e l’unico salto indietro che ho notato è che la riduzione tra cornice e schermo è abbastanza evidente. Questo non è stato il caso dell’anno scorso e si aggiunge all’elenco dei piccoli passi indietro nel design. Con una cover che copre i bordi non ci saranno problemi con questo, tutto è detto.

Si tratta comunque di un cellulare molto capiente, anche se taglia alcuni millimetri in altezza e larghezza rispetto al modello precedente. Il Pixel 7 Pro è un cellulare premium, nonostante le sue imperfezioni , e ha ancora molta personalità.

Schermo: una buona sensazione multimediale

Pixel 7 Pro 0939 2

Le specifiche del pannello sono praticamente riconducibili a quanto visto l’anno scorso. Parliamo di 6.7 pollici, con risoluzione Quad HD+ e refresh rate adattivo compreso tra 10 e 120 Hz (LTPO) . Qui è importante notare che il telefono è configurato in Full HD + quando lo estraiamo dalla scatola. Passare al Quad HD+ non ha un grande impatto sull’autonomia, quindi consiglio di sfruttare la risoluzione per cui è nato questo pannello.

Lo schermo del Pixel 7 Pro è quello che ci si aspetta da un cellulare in questa fascia di prezzo. Non aspira a vincere nella fascia alta, ma brilla per i suoi 2K

Siamo di fronte ad un buon schermo , non compete per i primi 5 nella fascia alta, ma è ben risolto in termini di nitidezza, contrasto e riproduzione dei colori. Il picco massimo di luminosità è di 1.500 nit e lo schermo viene visualizzato abbastanza bene quando l’incidenza solare è diretta.

Pixel 7 Pro 0943 2

La curva è molto leggera. È più un effetto 2.5D che un pannello “bordo”.

Il funzionamento dell’adaptivo 120 Hz è corretto, anche se ci sono stati dei momenti specifici in cui ho notato un calo del refresh rate. La pergamena deve ancora essere messa a punto, anche se non dovrebbe volerci molto per correggerla attraverso gli aggiornamenti. La curva mostra ancora qualche sfumatura (cosa inevitabile in questo tipo di pannello) ma, essendo un po’ meno pronunciata, risulta meno fastidiosa. Ciò che è stato corretto è anche il funzionamento della luminosità automatica . Con il Pixel 7 Pro ho avuto seri problemi con esso, che sono completamente scomparsi.

Schermo

La configurazione e le regolazioni del colore sono piuttosto scarse, potendo scegliere solo tra colori naturali e adattivi. Mi sono trovato a mio agio con quest’ultimo, un po’ saturo , ma senza troppa clamore. A livello di angoli di visuale, non c’è il minimo effetto arcobaleno, né tinte magenta o bluastre (qualcosa di cui solitamente soffrono i pannelli curvi 2K di fascia alta).

Abbiamo una modalità Always On abbastanza scarsa, che ci mostra l’ora, le informazioni meteo, la data e le icone sulle app che ci inviano notifiche. Sono rimasto sorpreso dal modo in cui adatta bene la luminosità alle condizioni ambientali per cercare di risparmiare quanta più energia possibile. Non è una funzione che, nel mio utilizzo, aggiunge molto valore, ma gli amanti dell’AOD possono accontentarsi di queste informazioni extra quando il cellulare è bloccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *