Lilia accoltellata e uccisa in strada a 9 anni, giocava con l’hula hop insieme alla sorella di 5 anni

70

Per Lilia Valutyte, nove anni, era un tranquillo pomeriggio d’estate da trascorrere giocando tra le tranquille strade di Boston. Ma proprio in quel momento, un uomo ha aggredito e pugnalato a morte la bambina sotto gli occhi inorriditi della sorellina di cinque anni. Così è stata uccisa la piccola Lilia Valutyte, la bambina vittima di un insensato e brutale attacco mortale che ha sconvolto la comunità di Boston.

Secondo la ricostruzione dei fatti, Lilia stava giocando con un hula hoop e un passeggino per bambole insieme alla sorellina di 5 anni tra il marciapiede e la strada davanti al posto di lavoro della madre. Con le scuole chiuse e aveva nulla da fare, la donna portato con sé le piccole, tenendole in vista dall’interno del bar. Tutto sembrava tranquillo come sempre in quella strada stretta vicino alla storica chiesa di St. Botolph, quando un uomo si è avvicinato ai piccoli e ha aggredito la più grande. La donna è rimasta senza vita sul marciapiede in una pozza di sangue.

Tuttavia, i medici hanno cercato di rianimarla, ma hanno dovuto dichiarare la sua morte sul posto poco dopo. “La bambina stava giocando in strada con la sorella quando è successo. Avevano dei giocattoli fuori. È una strada tranquilla, quindi la madre le stava lasciando giocare fuori. Sono sicuro che le guardando da stesse perché lo faceva sempre”, ha raccontato un testimone al The Telegraph. “Sono sicuro che li guardando stesse dentro perché lo faceva sempre”, ha detto un testimone al Telegraph. In serata gli investigatori hanno rilasciato due persone in relazione all’omicidio del bambino dopo aver fatto irruzione in una casa di Boston, ma non hanno rilasciato ulteriori dettagli.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.