Mario D’Ambrosio, chi è il compagno di Alessia Pifferi, la donna che ha lasciato la figlia Diana sola per 6 giorni? Età, lavoro, sorella, madre, Crotone, ultime notizie e fidanzato

63

Mario D’Ambrosio è il fidanzato di Alessia Pifferi. La Pifferi ha lasciato la figlia Diana, di soli 16 mesi, a casa da sola per diversi giorni. Ma perché lo ha fatto? E cosa sapeva?

Cosa sapeva Mario D’Ambrosio, il compagno di Alessia Pifferi?

Mario D’Ambrosio è stato interrogato sul suo eventuale coinvolgimento nella vicenda di Alessia Pifferi, la donna che ha lasciato la figlia Diana a casa da sola per diversi giorni. Il compagno della sorella di Alessia ha affermato di sapere che Diana era in spiaggia con la zia.

Il ritrovamento

Alessia Pifferi ha visto il corpo morto di sua figlia Diana quando è tornata a casa. Ha avvisato i vicini, che hanno chiamato i soccorsi. La bambina è stata trovata in una brandina con accanto un biberon e compresse di benzodiazepina. Dopo essere stata arrestata e portata in carcere, la compagna di Mario D’Ambrosio ha dichiarato quanto segue:

Lavoro

Dalle prime ricostruzioni della polizia è emerso che Alessia è tornata più volte a Milano per accompagnare il compagno Mario al lavoro. Tuttavia, in nessuna di queste occasioni ha mai pensato di tornare a casa per controllare se la figlia stesse bene.

Autopsia

Si indaga sulla morte della piccola Diana Pifferi. In un primo momento, potrebbe sembrare che la figlia sia morta di stent; tuttavia, il timore è che sia stata addormentata con dei sonniferi. Mario D’Ambrosio non è il padre della bambina, ma la madre ha dichiarato di non sapere chi è il padre di sua figlia. Dalle prime indagini, tuttavia, sembra che in altre occasioni Diana sia stata lasciata sola, soprattutto nei fine settimana.Già altre volte l’avevo lasciata da sola nei fine settimana ed era sopravvissuta.

Padre

La polizia sostiene che D’Ambrosio – il compagno di Alessia Pifferi – non è il padre della piccola Diana. La bambina sarebbe nata da una relazione clandestina di cui nessuno era a conoscenza. La donna ha dichiarato di non sapere chi fosse il padre di sua figlia e di essersi accorta di essere incinta solo al settimo mese. La bambina è nata in casa. Oggi le forze dell’ordine dubitano che Diana è stata registrata all’anagrafe, dal momento che non c’è traccia di tale registrazione. In effetti, sembra che nessuno abbia denunciato la nascita di Diana ai servizi civili.

Madre, sorella e Crotone

Alessia Pifferi, 37 anni, vive a Milano da qualche anno e ha vissuto con la madre fino a quando la donna più anziana si è trasferita a Crotone. La sorella, invece, vive ancora a Milano. Nell’appartamento accanto a quello della Pifferi vive l’ex marito da cui si è separato tre anni fa. La Pifferi ha dichiarato alle forze dell’ordine di non sapere chi fosse il vero padre di sua figlia e di aver scoperto di essere incinta solo al settimo mese. Diana, sua figlia, è nata il 29 gennaio dello scorso anno. Al momento non risulta che avesse problemi di droga, ma sono in corso accertamenti per verificare se abbia problemi mentali.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.