Max Verstappen ha raccontato un aneddoto inedito delle vacanze con lo “zio” Michael Schumacher

Dopo aver recitato in un’epica battaglia per il titolo mondiale di Formula 1 nella scorsa edizione, Max Verstappen sta attraversando una meritata vacanza per arrivare con rinnovata energia e mettersi al lavoro con l’obiettivo di difendere la corona in questa nuova stagione.

Nel bel mezzo dei suoi giorni di riposo, il pilota Red Bull ha rilasciato un’intervista al sito specializzato del mondo del motorsport F1 Insider in cui ha rivelato un aneddoto senza precedenti che ha vissuto durante la sua infanzia con, come lo chiama lui, suo “zio” Michael Schumacher, che da otto anni lotta per la sua vita dopo il drammatico incidente subito nelle Alpi francesi.

“All’epoca avevo tre o quattro anni. Sapevo solo che era lo zio Michael”, ha spiegato Mad Max del rapporto che aveva avuto con il campione del mondo, che era stato compagno di squadra con suo padre Jos Verstappen nel 1994, quando entrambi facevano parte del team Benetton.

“È stato molto gentile. Era un uomo di famiglia estremamente numeroso. Ma non l’ho mai visto come un campione del mondo da record, non ne ero consapevole”, ha raccontato l’olandese, aggiungendo: “Lo si può vedere nelle vecchie foto e nei video che abbiamo a casa. Mick e Gina (i figli di Schumi) erano sempre lì. È stato fantastico, ho ancora grandi ricordi positivi di quei fine settimana di oggi”.

Da appassionati di motori, la famiglia Schumacher e Verstappen ha approfittato delle vacanze tra una stagione e l’altra per continuare a godere di ciò che più gli piaceva: “Siamo sempre andati ai kart a due posti. Michael era con Mick o Gina e mio padre con me”, ha ricordato l’attuale campione del mondo, “ma quando diventava troppo pericoloso, i genitori prendevano rapidamente il volante”, ha continuato con una risata.

Nonostante la loro giovane età e la differenza di lingue tra i due, il pilota ha assicurato che non avevano problemi a comunicare. “Mio padre ha iniziato a parlare tedesco con me in tenera età. Principalmente sulle piste di kart. Voleva che fosse così, per avere un equilibrio nelle conversazioni a casa”, ha detto.

Infine, ha anche paragonato la sua situazione, come figlio di un pilota di F1, a quella di Mick Schumacher: “È diverso. Suo padre è il campione del mondo record con sette campionati. All’inizio è una posizione di partenza difficile”.

“Anche durante i suoi giorni di karting, c’era sempre la stampa intorno a lui. In Formula 4, Formula 3 e Formula 2, l’aspettativa è diventata ancora maggiore. Ma è all’interno di un buon ambiente, con brave persone che se ne prendono cura “, ha detto.

Nel 2022, Mick Schumacher inizierà il suo secondo anno nella competizione più importante del mondo del motorsport. Come nella precedente edizione, occuperà una vettura del team nordamericano Haas F1 Team con Nikita Mazepin.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *