Non tutti sanno chi è Bruna Basso moglie di Carlo Rambaldi: età, carriera, vita privata e figli


Carlo Rambaldi è una figura iconica del cinema italiano, essendo nato a Vigarano Mainarda il 15 settembre 1925. È stato uno stimato e apprezzato effettista che ha contribuito a rendere famosa la cinematografia italiana nel mondo. È stato premiato con due Oscar per i migliori effetti speciali per Alien e E.T. l’extra-terrestre, e ha ricevuto anche un Oscar Special Achievement Award per gli effetti visivi di King Kong. Chi è Bruna Basso, la moglie di Carlo Rambaldi?

Negli ultimi anni della sua vita, il celebre Carlo Rambaldi risiedeva in Calabria, lo stesso luogo da cui proveniva la moglie, Bruna Basso. Alla scomparsa di Carlo, Bruna, insieme ai loro due figli, Daniela e Victor, ha istituito una fondazione in sua memoria per onorare i successi del tre volte premio Oscar, con l’obiettivo di far conoscere il suo portfolio artistico alle nuove generazioni. Purtroppo non si sa molto di Bruna Basso, poiché i due erano molto riservati quando si trattava di matrimonio e vita privata. È confermato che i due avevano un legame forte e incrollabile, che lei aveva origini calabresi e che dalla loro unione sono nati Daniela e Victor.

Carlo Rambaldi (1925-2012) è stato uno dei più celebri artisti del cinema italiano. Famoso per la creazione di creature meccaniche e robot, ha vinto tre premi Oscar per i suoi lavori su Alien, E.T. e King Kong.

Rambaldi è nato a Vigarano Mainarda, una piccola cittadina della provincia di Ferrara. Fin da giovane aveva un’attrazione per l’arte meccanica, e una volta maturo ha iniziato a disegnare e costruire macchine. Ha anche lavorato come designer e costruttore di mostri meccanici per un circo, dove ha imparato a costruire creature meccaniche realistiche.

Nel 1963 ha iniziato a lavorare per la televisione italiana, lavorando a vari progetti come “Il Mostro” e “La Notte dei Demoni”. Nel 1975 ha lavorato per la sua prima produzione cinematografica, “La Sfida del Samurai”, diretta da Sergio Leone. Il suo lavoro è stato notato dal regista americano Steven Spielberg, che lo ha contattato nel 1977 per il suo film “Close Encounters of the Third Kind”. Rambaldi ha creato la creatura meccanica aliena che si vede nel film, aiutando a creare una delle creature più iconiche della storia del cinema.

Nel 1978, Rambaldi ha lavorato con Spielberg ancora una volta, stavolta per il suo film “E.T. l’Extra-Terrestre”. Ha creato la creatura meccanica E.T., che ha vinto il premio Oscar come miglior creatura meccanica. Nello stesso anno ha anche lavorato a King Kong, creando il famoso robot di Kong. Anche questo ha vinto un Oscar per la migliore creatura meccanica.

Nel corso della sua carriera, Rambaldi ha lavorato a più di 50 progetti cinematografici, tra cui Dune, Blade Runner, Jurassic Park e Il Signore degli Anelli. Ha anche lavorato alla serie televisiva “Alien Nation”, creando alcune delle creature più iconiche della serie.

Rambaldi è morto nel 2012, all’età di 87 anni. È stato uno dei più grandi artisti del cinema italiano di tutti i tempi, e la sua opera è stata una delle più iconiche della storia del cinema. È ricordato come uno dei più grandi artisti meccanici del mondo, ed è stato un precursore di molte delle creature meccaniche che vediamo oggi nei film. La sua arte è rimasta immutata nel tempo, e rimarrà un simbolo dell’eccellenza del cinema italiano.

Non c’è alieno più amato nella storia del cinema di  ET  È nato più di 40 anni fa, quando  Steven Spielberg  stava girando  Incontri nel terzo tipo , durante quella scena in cui un alieno comunicava con Claude Lacombre di François Truffaut tramite segnali. “E se quell’alieno non torna sulla nave?  E se rimane indietro?  O forse, e se si perde e viene lasciato qui?” si  chiedeva all’epoca Steven Spielberg , come ricordava in  Story of Science di James Cameron La finzione , secondo  People. Figlio di genitori divorziati, quell’idea è stata accolta con la sua stessa esperienza: “E se un figlio di un divorziato o una famiglia di divorziati con un enorme vuoto da riempire lo riempisse con il loro nuovo migliore amico alieno  ?

Albert Einstein, Ernest Hemingway e il poeta Carl Sandburg sono serviti da ispirazione per creare questo simpatico alieno dagli occhi grandi. Durante le riprese è stato utilizzato un modello meccanico disegnato da Carlo Rambaldi, ma anche  costumi indossati da varie persone , tra cui  Pat Bilon , che era alto 86 centimetri. Presentavano anche la  più bassa  Tamara de Treaux e un ragazzo  di undici anni  nato senza gambe, Matthew de Meritt .

Il ragazzo che era ET, l’alieno

Secondo  Robert MacNaughton , che interpretava il fratello maggiore di Elliott, era quel ragazzo a occuparsi delle ”  scene più atletiche  con le  tute di ET “, come ha spiegato a  Entertainment Weekly  per il 20 ° anniversario del film. La sua madre immaginaria, Dee Wallace, ricordava una scena in particolare: “La scena in  cucina , dove metto via la spesa e ET cammina dietro di me, è stata fatta dal ragazzo”. Si riferiva a quel momento del film in cui Mary  torna a casa con Gertie , che vuole presentarle l’alieno, anche se sua madre non riesce a vederlo. Succede poco dopo che ET, a casa da solo, scopre alcune  lattine di birra. in frigo e ubriacarsi. Quella scena, una delle più ricordate sul nastro, è stata realizzata grazie a Matthew De Meritt, che  camminava sulle sue mani .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *