Nuove drammatiche rivelazioni dall’incidente di Michael Schumacher

La salute del campione di F1, il tedesco Michael Schumacher, è un mistero, o meglio un segreto che i suoi parenti vogliono mantenere affinché non lo renda pubblico. Pochissimi hanno visto come è ora il campione tedesco e chi l’ha fatto, non dice quasi nulla, perché si mantiene un fedele rispetto per la volontà della famiglia.

Tuttavia, la famiglia ha accettato di girare un documentario sul pilota tedesco con Netflix in cui, oltre ad alcune testimonianze, viene ricostruito come sia stato l’incidente mortale che ha subito sciando. Lo ha annunciato sua figlia Gina: “Pilota di F1, icona dello sport, leggenda. Il primo film approvato dalla sua famiglia offre uno sguardo sulla vita del sette volte campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher: SCHUMACHER, 15 settembre. Solo su Netflix.”

“Interviste con Corinna Schumacher, i suoi figli, parenti stretti ed ex piloti di F1, contro i quali ha gareggiato, come Sebastian Vettel e Mika Häkkinen. ” Per preservare la sua sfera privata come fonte di forza, ha sempre rigorosamente e coerentemente separato la sua vita privata dalla sua vita pubblica. Questo film racconta la storia di entrambi i mondi. È un regalo della sua famiglia al suo amato marito e padre”, afferma il rappresentante di Michael Schumacher, Sabine Kehm.

L’indagine ha dimostrato che il pilota tedesco aveva lasciato l’area segnata del comprensorio sciistico e aveva perso l’equilibrio prima di vedere la testa colpire il bordo di una roccia. Stordito ma cosciente quando sono arrivati i servizi di emergenza, Michael Schumacher è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Grenoble, dove ha subito una prima operazione per “trauma cranico con coma che ha richiesto un intervento neurochirurgico immediato, prima di affermare che la prognosi vitale del pilota era compromessa. Alla fine è uscito dal coma nel giugno 2014 prima di essere trasferito in Svizzera, prima all’ospedale di Losanna e poi a casa sua.

Nel documentario, Olivier Fourcade, un maestro di sci della stazione sciistica di Méribel, dice che Shumacher è stato sorpreso da una pietra e completamente sbilanciato. Ma secondo la sua versione, la videocamera GoPro che il pilota indossava sul suo casco era fatale, aggravando ulteriormente le ferite. È stato agganciato prima allo sci e poi ha attraversato il casco.

“Ho trascorso molto tempo con Corina dopo l’incidente. È una donna meravigliosa, che gestisce la famiglia. Grazie al lavoro dei medici e di Corina, che volevano che sopravvivesse, Michael sopravvisse, ma con sequele. In questo momento stiamo lottando con le conseguenze. Ci aspettiamo che le cose migliorino lentamente ma inesorabilmente”, ha detto Jean Todt, il suo capo in Ferrari.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *