Sapete chi è Drusilla Foer? Età, vero nome, moglie, figli, Gianluca Gori e vita privata


Drusilla Foer è nata a Siena il 23 luglio 1945 sotto il segno del Leone (ma non ama parlare della sua età) ed è senza dubbio un’artista unica. Cantante, autrice, sceneggiatrice, con il suo innegabile fascino ha incantato artisti e fotografi, posando per alcune delle più importanti copertine di moda e non solo. È stata anche scelta come co-conduttrice del Festival di Sanremo 2022, dove ha dato prova di sé. Successivamente è diventata conduttrice de L’Almanacco, su Rai 2, e anche dei Premi David di Donatello, insieme a Carlo Conti. Ha un profilo Instagram, dov’è attivissima (e aggiorna i fan molto spesso) ma all’anagrafe risponde al nome di… Gianluca Gori. Scopriamo insieme una serie di imperdibili curiosità sul suo conto!

Chi è Drusilla Foer in 5 curiosità

È cresciuta in una famiglia privilegiata, ma non ama affatto definirsi una nobildonna: al contrario, era una ragazza anticonformista, ribelle e irrequieta. Una delle sue più grandi amiche è la rockstar Tina Turner: con la cantante dei Simply the Best da adolescenti giravano l’America in moto! Non solo: tra le sue amicizie importanti anche Gandhi, Karl Lagerfeld e Andy Warhol. Ha vissuto a New York, dove aveva un negozio dell’usato. Ama Lady Gaga ma non sopporta Madonna!

Drusilla Foer è Gianluca Gori

Lo spettacolo di Drusilla Foer è un universo multimediale in cui musica, pittura e foto si intrecciano per creare un’esperienza unica. Drusilla Foer è nata con il nome di Gianluca Gori, ma questo non le ha impedito di diventare uno dei nuovi personaggi più famosi della televisione italiana. Un fenomeno del web che lo scorso anno ha ricevuto numerosi riconoscimenti: in occasione della 60ª edizione del Festival di Sanremo, dove si è esibita con Carla Gozzi e Gigi Proietti ne “I Marciani”, è stata nominata “Web Star” da La Repubblica; dallo stesso quotidiano ha ricevuto un premio come ‘miglior video’ per “Acciaio”. Libero Quotidiano ritiene che abbia già ottenuto un grande successo grazie alla sua notte di sesso sfrenato con i nonni e che attraverso questa follia abbia ottenuto un grande successo.

Drusilla Foer: mariti e vita privata

Drusilla è una “donna bella ed elegante con gusti costosi”. È cresciuta a Cuba fino all’età di studiare all’estero. Ha vissuto a Parigi, Bruxelles e Madrid prima di trasferirsi a Firenze (dove vive tuttora, in una bellissima casa). Si sa poco della sua vita sentimentale. Drusilla ha raccontato di essere stata sposata “con un orribile texano” che la tradiva. Da allora Drusilla non si è più risposata. L’unica figura fissa nella sua vita sembra essere Ornella (la sua cameriera). Ornella potrebbe aver contribuito da sola a renderla famosa per la sua dualità, soprattutto perché è una delle poche persone che interagiscono frequentemente con Drusilla.

Drusilla Foer a Sanremo 2022 e dopo…

Come detto Drusilla Foer è stata una delle co-conduttrici di Sanremo 2022, voluta da Amadeus per accompagnarlo in una delle 5 serate del Festival. Drusilla per l’occasione ha sfoggiato degli abiti dell’Atelier Rina Milano: ha detto no ai grandi stilisti preferendo una realtà più piccola. Non sono mancati i momenti di ilarità nel corso della kermesse: c’è anche stato spazio per un dialogo con Iva Zanicchi in realtà male interpretato, come le due hanno poi spiegato il giorno successivo.

Sul palco dell’Ariston ha incentrato il suo monologo sul tema dell’unicità: “Potrei parlare, tanti temi affollano la mia mente e la società, ma non posso ammorbare il pubblico con temi come la fluidità, l’integrazione la diversità.. Diversità non mi piace, ha una distanza che non mi convince. Quando la verbalizzo sento che tradisco qualcosa che penso. Le parole sono come gli amanti: quando non fuzionano vanno cambiati. Ho trovato un termine convincente: unicità. Tutti siamo capaci di notarla nell’altro. Per comprenderla è necessario capire di cosa è fatta, di cosa siamo fatti. Di cose belle, ambizioni, valori, ambizioni, talenti. I talenti però vanno seguiti, per le convinzioni bisogna avere la responsabilità, la cura. Immaginate quando bisogna affrontare le paure: non è facile entrare in contatto con l’unicità”.

Dopo l’esperienza a Sanremo, come raccontato a Pierluigi Diaco a Ti sento, ha declinato il 97% degli inviti in tv. “Non ho creduto fosse costruttivo cavalcare il successo di una serata importante come Sanremo per divorare gli spazi televisivi, per raccontare cosa? Che è andato bene Sanremo? Quello che sono io? Un po’ s’è visto a Sanremo. Ci sarà tempo per raccontare quello che sono” ha rivelato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *