Sapete chi è Katrina and the Waves canteranno la canzone Walking on Sushine


Il 25 gennaio – una buia giornata di pioggia a Madrid – il WiZink Center ha convocato migliaia di fan degli anni ’70 e ’80 solo per ricordare la loro adolescenza e aiutarli a riscoprire il loro passato. Così, il tour ‘I went to EGB’ è riuscito a scatenare la nostalgia più pura presentando artisti importanti come Bonnie Tyler, Limahl (l’interprete della canzone del film ‘The endless story’), Ramoncín, i Celti Corti e Katrina Leskanich, la fondatrice della nota band Katrina & The Waves, vincitrice dell’Eurovision 1997 e responsabile della mega ‘hit”Walking On Sunshine’. Una canzone che suonava in grande stile, mentre il pubblico non smetteva di gridare e applaudire l’americano. Il motivo? Non solo Katrina è ancora un’eccellente cantante a 59 anni, ma è una vera diva del rock and roll. È pura dinamite, energia, positivismo. “Mi sento molto felice di essere qui, perché ho una band molto buona, amiamo suonare dal vivo e gli spagnoli lo adorano”, ha confessato a La Otra Crónica.

Pochi minuti prima del suo spettacolo esplosivo, Katrina Leskanich ha ricevuto LOC nel suo camerino, tra battute divertenti e frasi in spagnolo. “Vuoi l’acqua? Ho la birra!” chiese ridendo, pur chiarendo che anche se ci prova, non conosce la lingua. “Non parlo spagnolo, ma so come ordinare cose come l’acqua naturale. Sono stato in Spagna molte volte. Non saprei come contarli. Siamo sempre venuti a suonare a Natale, 1985, 1986, quindi mi mancava venire qui. È meraviglioso avere l’opportunità di tornare”, ha detto, spiegando in seguito che il suo rapporto con Madrid è nato grazie al suo ex manager. “Era spagnola. Siamo venuti tutto il tempo. Era sposata con il mio batterista e lui parlava fluentemente spagnolo, quindi sapevamo sempre cosa fare, dove andare e dove cenare bene. Quello che tutti facevano negli anni ’80… se avessi soldi!” disse ridendo.

Katrina sa cosa significa lavorare instancabilmente per ottenere un salario di sussistenza. Perché prima di salire sui palcoscenici più grandi, l’artista ha dedicato le sue giornate a lavare i piatti in una base aerea. “La fama ha cambiato la mia vita, anche se è stato molto difficile da trasportare. Facevo i piatti e improvvisamente sono passato dalla ‘lavastoviglie’ all’essere un cantante che la gente riconosce e dice ‘Ho sentito la tua canzone alla radio’. Lì inizi a pensare che sarai sempre famoso e che giocherai sempre negli stadi più grandi. Ma questa è una sfida, è difficile continuare a lavorare. Soprattutto come donna, perché più si invecchia, più facile non diventa. Devi svegliarti presto, ci sono voli da prendere. Ma è sempre divertente. Adoro farlo e non voglio più lavare i piatti. Non sono troppo vecchia per ‘rockandrollear’, ma sono troppo vecchia per lavare i piatti “, ha detto.

Nonostante questo, Katrina e i suoi compagni non si sarebbero mai aspettati di diventare star globali. Soprattutto, con ‘Walking on sushine’ che quest’anno festeggia i 35 anni dal suo lancio”. Quella canzone ha cambiato tutto. Non sapevamo se sarebbe stato un successo, non sapevamo nemmeno se fosse buono. Ma è stato un successo, è apparso nei film e la gente ha iniziato a metterlo in relazione con momenti felici”. Tuttavia, questa non è stata la più grande pietra miliare nella carriera di Katrina, ma aver vinto l’Eurovision, rappresentando la Gran Bretagna, 23 anni fa. “È stato divertente vincere, oltre che inaspettato. Quando è iniziata la serata, pensavamo che saremmo stati penultimi, ma quando la gara è progredita, abbiamo pensato che forse avevamo una possibilità. Siamo stati fortunati, perché il resto delle canzoni erano terribili e questo ha fatto sì che la gente ascoltasse ‘Love Shine a Light’ e pensasse ‘beh, questo è il vincitore'”, ha detto.

Nonostante questo, la “celebrità” afferma di non conoscere la formula esatta per vincere l’Eurovision. Quindi non osa dare troppi consigli a Blas Cantó, il rappresentante della Spagna nella prossima edizione: “Non posso darti alcun tipo di consiglio perché il Regno Unito è sempre nelle ultime posizioni della classifica. Ma la chiave potrebbe essere nella canzone. Aiuta se è una canzone che fa sentire tutti felici e speciali. E devi essere in grado di cantare e non innervosirti. Avere dei nervi è una buona cosa, ma troppi non lo sono. Perché inizi a tremare. Ci sono persone che sono un disastro totale, a causa dei nervi”. Ma questo non è il caso di Katrina. Una professionista come lei non prova più paura, né ai concerti né all’interno dello studio. In effetti, questo 2020 pubblicherà nuova musica. “Un nuovo album è in arrivo per la primavera. È stato registrato tra Londra e New York. Ed è tutto materiale originale, musica che si sente bene”, ha detto, ripetendo che vorrebbe rimanere nel settore, almeno per altri cinque anni.

Anche se a quasi 60 anni, Leskanich non è così sicura di cosa le porterà il destino. “Per quanto tempo continuerò a cantare? Non ne ho idea, perché ogni giorno di questi la mia voce potrebbe andare via. Quindi non ho idea se lavorerò domani o finirò lo spettacolo stasera e rimarrò in sintonia. Cosa faccio: continuerò a cantare finché potrò. …”. Ma, anche se la sua carriera fosse finita, Katrina ha già un altro progetto importante: scrivere. “Ho scritto un libro sul mio piccolo barboncino, perché è migliore di me. Un barboncino è sempre tenero e ama scattare foto. Il libro si intitola “Peggy Lee ama Londra” e il nostro secondo libro si intitola “Peggy Lee ama la Cornovaglia”. Un progetto che ha sviluppato con Sher Harper, suo manager e socio, con il quale ha contratto l’unione civile nel 2008 in Inghilterra. Nonostante questo, Katrina non è disposta a cambiare la sua carriera di cantante per lo scrittore. Almeno, finché esiste il rock and roll.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *