Sapete chi è Lionel Messi? Età, carriera, padre, madre, inizi, Argentina, moglie e figli


Lionel Andrés Messi Cuccittini ( Rosario , 24 giugno 1987 ) , noto come Leo Messi , è un calciatore argentino che gioca come attaccante o centrocampista . Storico giocatore del Fútbol Club Barcelona , ​​al quale è stato legato per vent’anni, dal 2021 fa parte della rosa del Paris Saint-Germain della Ligue 1 in Francia. È anche nazionale con l’ Argentina , squadra di cui è capitano .

Spesso considerato il miglior giocatore del mondo e uno dei migliori di tutti i tempi, 9è l’unico calciatore nella storia ad aver vinto, tra gli altri riconoscimenti , sette Palloni d’Oro , sei premi FIFA come miglior giocatore del mondo e sei stivali d’oro . Nel 2020 è diventato il primo calciatore e il primo argentino a ricevere un Laureus Award , oltre ad essere stato nominato nel Ballon d’Or Dream Team .

Con il Barcellona ha vinto 35 titoli , di cui dieci nella Liga , quattro nella UEFA Champions League e sette nella Copa del Rey .

Marcatore prolifico, detiene, tra gli altri , il record per il maggior numero di gol in una stagione, nello stesso club e in un anno solare: nel 2012 ha superato Gerd Müller ed è entrato nel Guinness dei primati . È anche il capocannoniere di tutti i tempi del Barcellona e della nazionale argentina , nella Liga , nella Supercoppa spagnola , nella Supercoppa europea e il giocatore extraeuropeo con più gol in UEFA Champions League .

Nato e cresciuto nella città di Rosario , all’età di 13 anni si è stabilito in Spagna, dove il Barcellona ha accettato di pagare le cure per la malattia ormonale che gli era stata diagnosticata da bambino. Dopo una rapida progressione attraverso la Barcelona Youth Academy , ha fatto il suo debutto ufficiale per la prima squadra nell’ottobre 2004, all’età di diciassette anni. Nonostante fosse incline agli infortuni all’inizio della sua carriera, già nel 2006 si è affermato come un giocatore fondamentale per il club. La sua prima stagione ininterrotta è stata la stagione 2008-2009 , in cui il Barcellona ha raggiunto il primo triplete nel calcio spagnolo. A causa del suo stile di gioco come un piccolo palleggiatore mancino , Fu presto paragonato al suo connazionale Diego Maradona che, nel 2007, lo dichiarò suo “successore”.

Nel 2009, all’età di ventidue anni, ha vinto il suo primo Pallone d’Oro e il premio FIFA World Player of the Year. Seguirono tre stagioni di successo , in cui vinse quattro Palloni d’Oro di fila, un’impresa senza precedenti. La sua migliore stagione personale finora è la stagione 2011-12 , in cui ha stabilito il record per il maggior numero di gol in una stagione, sia nella Liga che in altre competizioni europee.

Nelle due stagioni successive ha sofferto anche di infortuni e nel 2014 ha perso il Pallone d’Oro contro Cristiano Ronaldo , considerato il suo rivale . È tornato alla sua forma migliore durante la stagione 2014-15 , in cui ha superato i record di capocannoniere di tutti i tempi in Liga e Champions League e ha ottenuto uno storico secondo triplete con il Barcellona, ​​​​oltre a vincere il suo quinto pallone d’oro . Lo vincerebbe di nuovo per la sesta e la settima volta nel 2019 e nel 2021 .

Come nazionale argentino, ha rappresentato il suo paese in undici grandi tornei. A livello giovanile, nel 2005 ha partecipato con l’ Under 20 alla Coppa Sudamericana in Colombia e ha vinto il Mondiale in Olanda , torneo in cui si è piazzato come miglior giocatore e capocannoniere e, con l’ Under 23 , ha ricevuto la medaglia d’oro alle Olimpiadi estive del 2008 . Dopo aver debuttato nella squadra maggiore nell’agosto 2005, ai Mondiali 2006 in Germania è diventato il più giovane argentino a giocare e segnare in un Mondiale. L’anno dopo, in Coppa America, è stato nominato miglior giovane giocatore del torneo. Come capitano dall’agosto 2011, ha raggiunto le finali della Coppa del Mondo 2014 in Brasile , la Copa América 2015 (concorsi in cui è stato scelto come miglior giocatore del torneo) e la Copa América Centenario , oltre a vincere la Copa América con la sua squadra nel 2021 contro il Brasile al Maracanà e la Finalissima contro l’ Italia a Wembley nel 2022. Ai Mondiali in Qatar è diventato il calciatore più giovane e l’unico della squadra argentina a disputare cinque Mondiali.

Lionel Messi, moglie e figli

Lionel Messi, uno dei migliori calciatori della storia, è nato il 24 giugno 1987 a Rosario, nello stato argentino di Santa Fe. A 35 anni, si appresta a giocare la finale della Coppa del Mondo contro la Francia in Qatar 2022. La Pulce, come viene soprannominato per la sua bassa statura e la sua abilità quasi sovrannaturale in campo, è alto 170 cm e pesa circa 72 kg. È inoltre felicemente sposato con Antonella Roccuzzo, con la quale ha tre figli.Da Messi a sua moglie è la storia di un grande amore che si è sviluppato nel tempo, anno dopo anno, tra il Sud America e l’Europa. In patria, Antonella Roccuzzo è nota per essere la sosia di Pocahontas, la protagonista del famoso cartone animato Disney. Figlia di un imprenditore, è originaria di Rosario, ma ha radici calabresi.

Lionel Andrés Messi è nato il 24 giugno 1987 all’ospedale italiano Garibaldi nella città di Rosario , nella provincia di Santa Fe . È il terzo figlio di Jorge Horacio Messi e Celia María Cuccittini. Ha due fratelli maggiori, Rodrigo e Matías, e una sorella minore, María Sol. La sua famiglia paterna è originaria del comune italiano di Recanati , da dove il suo bisnonno, Angelo Messi, emigrò in Argentina nel 1883. Fu sua nonna materna, Celia, colei che lo ha incoraggiato a dedicarsi al calcio e che ringrazia dopo aver segnato un gol, indicando il cielo con entrambe le mani. Due suoi cugini ( Massimiliano eEmanuel Bianchicchi ) sono anche calciatori. Ha studiato alla scuola elementare n. 66 “Gral. Las Heras”. 

A soli quattro anni ha iniziato a praticare calcio presso il club Abanderado Grandoli, situato a sud di Rosario, nel quartiere Grandoli , a pochi isolati da casa sua. Il suo primo allenatore è stato Salvador Aparicio. Nel 1994 ha iniziato ad allenarsi nelle divisioni inferiori del Newell’s Old Boys . All’età di otto anni gli fu diagnosticato un deficit di ormone della crescita . Per un anno e mezzo, il trattamento, per 900 dollari al mese, è stato coperto dal suo lavoro sociale e da Acindar , l’azienda siderurgica dove lavorava suo padre. 

Nel 1995 ha giocato un torneo non ufficiale con il Central Córdoba

Nel 1999 la squadra italiana del Como ha avuto l’opportunità di ingaggiarlo, ma alla fine non l’ha fatto a causa delle difficoltà di trasferimento della famiglia. L’anno successivo, dopo essere stato reclutato da Federico Vairo a Rosario, Messi si recò a Buenos Aires per provare il River Plate . Eduardo Abrahamian, responsabile delle divisioni bambini del club, ha chiesto la sua assunzione, ma non si è mai concretizzata . 19 Il giocatore ha fornito la sua versione del motivo per cui non è entrato nell’istituto in un’intervista a Fox Sports Radio il 31 maggio 2019:

Ero da Newell’s e sono andato a mettermi alla prova alla scuola River, a Rosario. Uno dei ragazzi che stavano andando mi ha detto di andare e ho detto di sì. Più tardi mi hanno portato a Buenos Aires. Erano di categoria 85, tutte più grandi. Ho giocato quindici o venti minuti. Mi hanno detto di tornare tra dieci giorni con la mia categoria. Sono tornato e ho segnato tre o quattro gol e mi hanno detto che dovevo restare, che dovevo portare il passaggio. Si sarebbero presi cura del trattamento. Newell non mi ha mai finanziato in quel senso, non mi hanno mai pagato, la mia vecchia signora ha rinnegato ed è stato complicato in quel momento. Il mio vecchio ha fatto uno sforzo enorme per incassare il mio trattamento. A River mi hanno detto di prendere il pass, e quando sono andato da Newell’s mi hanno preso in giro. Abbiamo combattuto e combattuto ma non mi hanno mai dato il pass. Non mi hanno mai dato il pass. Poi è venuto fuori tutto sul Barcellona. 

Il 3 settembre, all’età di tredici anni, ha rilasciato la sua prima intervista ai media nel supplemento “Pasión Rojinegra” del quotidiano La Capital de Rosario. 

Due scout di Buenos Aires, a conoscenza del passaggio di Messi al River, hanno contattato il suo compagno a Barcellona, ​​Horacio Gaggioli, che a sua volta ha contattato l’agente Josep María Minguella . Minguella ha deciso di chiamare Carles Rexach per chiedergli di testare il giocatore. 

Il 17 settembre 2000, proveniente da Buenos Aires con scalo a Madrid, Messi arrivò con il padre all’aeroporto El Prat di Barcellona, ​​dove Gaggioli li aspettava per accompagnarli in albergo, proprio di fronte al Camp Nou . Joaquín Rifé , allenatore delle giovanili, lo ha convocato per un allenamento con ragazzi della sua categoria, tra cui Cesc Fábregas e Gerard Piqué . In uno di quegli allenamenti, durato due settimane, ha segnato sei gol e, secondo Joan Lacueva, dirigente responsabile del calcio di base del club, “a metà hanno dovuto cambiare squadra per bilanciare l’amichevole”. Tuttavia, il club non lo ha ancora ingaggiato, perché si aspettava il ritorno di Rexach, che era andato alle Olimpiadi di Sydney . Infine, il 2 ottobre è stato organizzato un test sul campo 3, intorno a Rexach, che ha visto giocare Messi e ha risolto la situazione: «Sono arrivato a partita iniziata e non ho fatto in tempo a sedermi. Per me era chiaro che se non lo avessimo ingaggiato, ce ne saremmo pentiti”, ha ricordato anni dopo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *