“Sono stato a letto con 5246 donne”, è polemica sulla trasmissione Camper di Rai 1

21

Tinto e Roberta Morise sono al centro di una polemica per un’intervista giudicata retrograda, in cui un ospite, Pucci Cappelli, si è vantato di essere andato a letto con molte donne.

All’inizio di Camper, il nuovo programma estivo di Rai 1 condotto da Roberta Morise e Tinto, viene mostrata una scenetta in cui una donna cerca un uomo che ha conquistato migliaia di donne. I telespettatori, invece, l’hanno trovata di cattivo gusto e di retroguardia. Infatti, la giornalista Maria Elena Fabi, che stava facendo un servizio sulle spiagge di Rimini, ha raccontato di aver visto uno dei più noti playboy italiani, Pucci Cappelli, andare in diretta in trasmissione e rivelare con quante donne era andato a letto.

Poco simpatica la battuta del giornalista sulla ricerca di un compagno da parte del corrispondente di Camper per Roberta Morise, che cerca a tutti i costi. La battuta è nata dal fatto che ha specificato con precisione quante donne ha conquistato: 5246. La battuta si riferiva al fatto che la stessa Morise avrebbe potuto essere la 5247esima conquista del playboy, una situazione ironica dal momento che la stessa Morise era alla ricerca di una compagna a tutti i costi.

Il pubblico in studio ha riso per quello che riteneva, di cattivo gusto, un momento televisivo in cui i conduttori sono stati provocati a reagire. La Morise ha inizialmente risposto con “Non mi piace dire con quante donne è già stato”, ma poi ha riso insieme alla sua co-conduttrice, e non tutti ne sono stati contenti.

Pucci Cappelli, al secolo Marco Cappelli, è un riminese di 67 anni, noto nella movida romagnola per la sua “fama” di playboy e per essere stato, fino al 2014, direttore della discoteca La Perla di Riccione.

Cappelli, che lavora nel settore da oltre 20 anni, è oggi al centro di una frenesia mediatica per la sua ospitata in RAI e per la sua “battuta” sul numero di donne con cui sarebbe andato a letto. Il 6 ottobre 2015 era balzato agli onori della cronaca per essere stato arrestato per aver gestito un giro di prostituzione e droga nel suo locale, scoperto a seguito di un’indagine.

Dopo li domiciliari, Pucci è tornato a lavorare nei night club l’anno successivo e, nel 2017, ha patteggiato un anno e quattro mesi per favoreggiamento della prostituzione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.