Sorelle investite dal treno, pochi minuti prima la telefonata al padre: “Stiamo tornando a casa”

80

Alessia e Giulia Pisanu hanno telefonato al padre poco prima di essere travolte da un treno in transito alla stazione di Riccione. Pochi prima dell’arrivo del treno dell’Alta Velocità, le due ragazze, di 17 e 15 anni, volevano rassicurare padre, che in quel momento si trovava a Madonna di Castenaso, bolog, che di lì minuti a poco poco tornate a casa. È quanto emerge dal racconto dell’uomo che ieri pomeriggio, dopo aver ricevuto la telefonata degli inquirenti, ha raggiunto la cittadina della riviera romagnola dove si è consumata la tragedia.

La procura di Rimini ha aperto un’indagine preliminare per chiarire cosa sia successo e perché le due ragazze si trovassero sui binari al momento del passaggio del treno. L’esame tossicologico sui resti delle due bambine è escluso per motivi tecnici, mentre il test del DNA sarà condotto per accertare pienamente la loro identità, dato che il riconoscimento di ieri da parte del padre non può essere considerato definitivo.

Nel frattempo, i Carabinieri hanno sentito anche un uomo di 24 anni che ha accompagnato le due sorelle alla stazione: Alessia e Giulia erano partite in auto dal Peter Pan, una discoteca dove avevano trascorso la serata. L’uomo ha raccontato di aver incontrato le due ragazze al Peter Pan e di aver poi visto la sorella maggiore, Giulia, di nuovo fuori dal locale, sdraiata a terra, stanca ma non in uno stato particolarmente alterato. La 17enne si sarebbe giustificata che era molto stanca perché aveva lavorato tutto il giorno prima di uscire con la sorella per andare a ballare a Riccione.

Confermati i fatti sul furto della borsa e del cellulare di Giulia: Alessia, 24 anni, avrebbe infatti chiesto in prestito il cellulare della sorella per poter chiamare il padre visto che il suo era scarico e quello della era stato sorella rubato. Ed è proprio grazie a questa telefonata che il giovane sarebbe stato rintracciato proprio per la chiamata al padre. Al momento le ipotesi sono due: un investimento accidentale causato da un gesto incauto delle sorelle che hanno deciso di attraversare i binari oppure un gestoremo da parte di una delle due sorelle. In entrambi i casi, sembra che una delle due fosse come seduta sui binari mentre l’altra l’ha raggiunta pochi secondi dopo forse nel tentativo di spostarla, venendo a sua volta investita dal treno.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.