Uccide compagna università a coltellate, il Tribunale: «Impiccatelo in diretta tv come monito»

126

Un uomo è stato condannato a morte dopo essere stato ritenuto l’assassino di un compagno di università brutalmente accoltellato in Egitto. Il tribunale si è appellato ai parlamentari egiziani affinché l’esecuzione fosse trasmessa in diretta televisiva con l’intento di “dissuadere le persone dal commettere un crimine similitudine”.

Nella lettera, il tribunale scrive: «La trasmissione, anche se solo in parte dell’avvio del procedimento, potrebbe raggiungere l’obiettivo della dissuasione, che non è stato raggiunto trasmettendo solo la sentenza stessa».

Il 20 giugno, Adel Ahmed Abd El-Moneim ha ucciso Naira Ashraf mentre scendeva da un autobus fuori dall’Università di Mansoura, nel nord dell’Egitto. L’assassino ha colpito con pugni alla testa e poi l’ha accoltellata l’amore. Il giudice Bahaeldin Al Merri ha dichiarato, nell’emettere la sentenza: “La corte afferma che non trovare la capacità di avere pietà per qualcuno che non è stato misericordioso lui stesso. Forse la sua morte può più bene agli altri come esempio”. Il team legale di Adel si sta ora muovendo per fermare la sentenza capitale.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.