Vi ricordiamo chi è la moglie e chi sono i figli di Bobby Solo


Chi è Bobby Solo? Moglie e figli del cantautore italiano

Roberto Satti è nato l’8 marzo 1945 a Roma, da una famiglia della regione autonoma Friuli-Venezia Giulia (nord-est Italia). Poiché suo padre lavorava per la compagnia aerea nazionale Alitalia , Roberto ha trascorso la sua infanzia nei comuni di Fiumicino e Linate fino a quando la sua famiglia si è definitivamente stabilita a Milano. È durante l’adolescenza che si interessa alla musica: impara a suonare la chitarra, inizia a comporre le sue canzoni, e scopre il mondo di Elvis Presley grazie ad un amore giovanile di origine americana.Nel 1967, Bobby Solo ha sposato la ballerina francese Sophie Teckel, diventata sua moglie nel 1965. Dopo il matrimonio con Sophie Teckel ha avuto tre figli, Alain, Chantal e Muriel, rispettivamente nel 1968, 1971 e 1975. Infine, nel 1991, il cantautore e la ballerina hanno annunciato il loro divorzio. Dopo la separazione da Sophie Teckel, Bobby Solo ha riconosciuto la figlia Veronica, nata nel 1990 dopo un rapporto sessuale extraconiugale con Mimma Foti. Tracy Quade, la hostess con cui è sposato dal 2013, è la madre di suo figlio Ryan.

All’inizio degli anni Sessanta il suo talento attira l’attenzione del produttore Vincenzo Micocci , che gli propone un contratto discografico con la Dischi Ricordi.. Nonostante il forte parere contrario del padre che non voleva che il suo cognome fosse associato al mondo del rock’n’roll , Roberto continuò con il suo sogno e usò il nome d’arte di Booby Solo . Bobby perché era il suo nome americanizzato, e Solo perché quando la casa discografica gli chiese se aveva intenzione di mettere un cognome Roberto disse “ Solo Bobby ”.

Nascono così nel 1963 i suoi primi progetti a 45 giri (giri al minuto): Ora che sei già una donna , Valeria , Blu è blu e Marrone . Il tutto con grande accoglienza da parte del pubblico. Nel 1964 Bobby partecipò per la prima volta al Festival di Sanremo conUna lacrima sul viso , insieme a Frankie Laine che ne ha registrato una versione inglese. A causa di una grave laringite, Bobby non è stata in grado di eseguire la canzone dal vivo, quindi è ricorsa al playback , infrangendo una delle regole più importanti del festival e venendo quindi squalificata ed esclusa dalle votazioni. Nonostante tutto, è stata la canzone di maggior successo del festival dopo la vincitrice Non ho l’età .

Una lacrima sul viso è diventato disco d’oro in Italia, ha trascorso otto settimane nelle classifiche nazionali, ha venduto più di due milioni di copie in Europa, è stato coperto dallo stesso cantante in tedesco e ha dato il nome all’omonimo film in cui Bobby aveva il ruolo principale. Nello stesso anno Bobby vinse il Festivalbar conMi credetti e pubblicai il suo primo album completo Bobby Solo . L’anno successivo, nel 1965, Bobby Solo torna a Sanremo con Se piangi, se ridi insieme a New Christy Minstrels .

La sua vittoria nella prestigiosa competizione lo porta a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest. A Napoli ha ottenuto il quinto posto con 15pt. Nello stesso anno continua ad essere numero uno con Quello sbagliato , che arriva sesto a Un disco per l’estate , pubblica Il secondo LP di Bobby Solo , e partecipa al film Viale della canzone . Nel 1966 torna a Sanremo con Questa volta , che non arriva in finale, e partecipa aCantagiro con la sua versione di To make a big man cry di Tom Jones . Entrambe le canzoni non hanno avuto il successo sperato, che gli sarebbe tornato a dicembre con Non c’è più niente da fare , tema principale della serie televisiva Tutto Totó .

Nel 1967 pubblica San Francisco , partecipa al Cantagiro con il già citato Non c’è più niente da fare, recita in La più bella copia del mondo , e torna a Sanremo insieme a Connie Francis con Canta ragazzina . Dopo l’uscita di Siesta (1968) con cui partecipa a Cantagiro, Una granita di limone (1968),Domenica d’Agosto (1969), e l’album di cover di canzoni folk americane di successo Bobby Folk ; Bobby Solo vince per la seconda volta Sanremo con Zingara insieme all’Eurovisual Iva Zanicchi .

È anche uno dei volti del programma per bambini La filibusta dove interpreta un pirata. Bobby aprì il decennio degli anni Settanta con altre due partecipazioni a Sanremo. Prima nel 1970 essendo sesto con Romantico Blues insieme all’Eurovisiva Gigliola Cinquetti , e poi nel 1972 con Rimpianto che non arrivò al galà finale. Negli anni ha continuato a pubblicare album come Love (1975),Duty free (1978), Una lacrima sul viso (1979) e Rock’n’roll (1979), che ebbero vendite moderate.

Per questo Bobby decide di aprire lo studio di registrazione Studi Chantalain a Roma. Molti album sono stati registrati in questo studio, evidenziando Ipertensione (1975) di Roberto Vecchione e Chirao del duo Loy & Altomare in cui Bobby faceva parte del coro. Con l’arrivo degli anni ottanta, Bobby sente ancora una volta il miele del successo. È quattro volte finalista a Sanremo: nel 1980 con Gelosia , nel 1981 con Non posso perderti , nel 1982 con Tu sai, e nel 1984 con Ancora ti vorrei che raggiunse il dodicesimo posto. Pubblica anche gli album Solo…Elvis (1981), Bobby Solo (1982), Special ’83 (1983), e un altro Solo…Elvis (1986). Nel 1983 fa parte del cast del film FF.SS.” – Cioè: “…che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene? Tra il 1985 e il 1989 Bobby Solo ha fatto parte del trio Ro.Bo.T insieme all’italiana Rosanna Fratello e Little Tony di San Marino .

Il gruppo ha pubblicato due album di versioni, Le più belle canzoni di Sanremo (1985) e Cantando cantando(1987), che li ha resi molto popolari. Dopo questa breve esperienza, nel 1989 Bobby partecipa allo speciale musicale C’era una volta il festival . Gli anni Novanta sono un periodo lento per Bobby. Nel 1992 ha doppiato in italiano le canzoni del film d’animazione Alla ricerca del re sole e ha dato la voce cantata al personaggio di Chanticler . Pubblica anche tre album: Rock around the rock (1991), Al roxy bar (1995) e XVº Round (1996). Quest’ultimo è autoprodotto. All’inizio del 21° secolo, Bobby lanciò diversi progetti discografici che rendevano omaggio a grandi artisti del rock’n’roll come il già citato Elvis, Little Richard, Chuck Berry o Johnny Cash .

Nel 2001 firma per l’ etichetta Azzurra Music e pubblica That’s amore (2001), Let’s Swing (2003), Homemade Johnny Cash (2004), The Sons of John Lee Hooker (2005), Canzoni romane (2006), e Christmas with Bobby Assolo (2006). Nel 2003 partecipa per la dodicesima volta a Sanremo, questa volta in duetto con il già citato Little Tony, con Non si cresce mai chiudendo in sedicesima posizione. Nel 2005 ha collaborato con la bandMarta sui tubi nella sua canzone Via dante . Nel 2006 Booby Solo ha eseguito La canzone del Pelotto , una sua versione di King of the road di Roger Miller , per uno spot telefonico a fianco del coro di voci bianche dei Piccoli Cantori di Milano . Nel 2010 ha partecipato insieme al calciatore Fabio Cannavaro a una pubblicità della Nike . Gli ultimi lavori di Bobby Solo sono stati Easy Jazz Neapolitan Song (2009), On the road (2009), Bobby Christmas (2011), Muchacha (2014) eMeravigliosa vita (2015). Nel 2016 ha partecipato al programma MilleVoci dove ha eseguito canzoni napoletane. Testo: Rubén Fabelo, ” International93 “. marzo 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *