Abbandonano il loro appartamento e il cane muore in gabbia: una morte atroce



In una tragica vicenda avvenuta a Cupramontana, Ancona, una coppia ha abbandonato il proprio cane in una gabbia, condannandolo a una morte atroce per fame e sete. La storia è stata scoperta dal padrone di casa, che si è recato nell’appartamento per riscuotere l’affitto e ha fatto una scoperta scioccante.



Un Abbandono Crudele

La coppia aveva lasciato l’appartamento in affitto portando con sé tutti i loro averi, ma hanno trascurato completamente il loro cane, un Pitbull. Il povero animale, che avrebbe dato qualsiasi cosa per seguire i suoi proprietari, è stato invece lasciato in una piccola gabbia senza cibo e acqua. La sua morte è stata scoperta quando il padrone di casa è entrato nell’appartamento.

La coppia è stata individuata e denunciata dai carabinieri per maltrattamento e uccisione di animale. Tuttavia, la presidente dell’LNDC – Animal Protection, Piera Rosati, ha dichiarato che le pene previste per tali reati nell’ordinamento giuridico italiano sono ancora troppo leggere.

Un Appello per Pene Più Severi

Piera Rosati ha condannato senza mezzi termini il comportamento della coppia, definendolo “un atto di crudeltà inaudita.” Ha espresso chiaramente l’urgente necessità di pene più severe per chi commette abusi sugli animali. L’appello è stato ulteriormente sottolineato dalla presidente, che ha sottolineato l’importanza di punire in modo adeguato coloro che causano sofferenza agli animali.

La presidente ha anche fatto riferimento a un disegno di legge attualmente in esame in Parlamento per l’inasprimento delle pene per i reati contro gli animali, sperando che non venga abbandonato ma piuttosto approvato. L’appello è chiaro: è giunto il momento di dire basta e di proteggere adeguatamente gli animali attraverso pene più severe per chi li maltratta.



Lascia un commento