Allenstown Four: il mistero inquietante e decennale degli omicidi di Bear Brook



AGGIORNAMENTO 6 GIUGNO 2019: Le autorità del New Hampshire hanno identificato tre delle quattro vittime nel caso degli omicidi di Bear Brook. Vedi sotto per i dettagli.



A quindici anni di distanza, nel 1985 e nel 2000, quattro corpi sono stati trovati nel Bear Brook State Park di 10.000-acre del New Hampshire. I primi due corpi, una donna e una ragazza, sono stati trovati dai cacciatori il 10 novembre 1985. Entrambi erano stati smembrati, avvolti in un sacchetto di plastica e infilati in un tamburo da 55 galloni dietro il Bear Brook Gardens Mobile Home Park.

La donna è stata descritta come avente capelli castani ondulati e una quantità significativa di lavori dentali, tra cui tre estrazioni e numerose otturazioni. La ragazza aveva tra i 5 e gli 11 anni; indossava orecchini e aveva uno spazio nei denti anteriori. I suoi polmoni hanno anche mostrato sintomi di polmonite.

Entrambe le vittime sono state determinate ad aver subito un trauma da forza contundente. Il capo della polizia di Allenstown Norman Connor non aveva indizi e informazioni; gli investigatori potevano solo stimare che le vittime fossero morte tra il 1977 e il 1985. Per 18 mesi, i corpi sono decisi nell’obitorio del New Hampshire Hospital nella speranza che qualcuno si facesse avanti per identificare le vittime. Nessuno l’ha fatto. Infine, nel maggio 1987, Connor seppellì i corpi nella stessa tomba senza conoscere i loro nomi.

Tuttavia, la polizia ha trascorso i successivi 15 anni a cercare indizi. Nel 2000, un soldato di stato che ha perquisito la scena del crimine si è imbattuto in un altro barile. All’interno c’erano i resti scheletrici di altri due bambini in un sacchetto di plastica, entrambi femmine.

L’analisi del DNA è stata in grado di confermare che l’adulto e due dei bambini erano biologicamente imparentati, probabili una madre e le sue due figlie. Il terzo bambino non era correlato alle altre vittime. La polizia aveva ora a che fare con un quadruplo omicidio; le vittime divennero presto conosciute come Allenstown Four. Gli investigatori hanno rivolto la loro attenzione al vicino parco roulotte, non lontano da dove sono stati scoperti i corpi. Molti dei residenti, è stato scoperto, erano stati transitori ed ex detenuti dalla vicina prigione di stato del New Hampshire. Inoltre, il parco roulotte aveva 115 lotti e circa 476 persone che erano passate temporaneamente durante il periodo degli omicidi. Cercare di trovare un piombo in quelle circostanze era il proverbiale ago in un pagliaio.

Anche la gente del posto si è unita alla ricerca. Una residente, di nome Ronda Randall, si è interessata al caso e ha organizzato la sua indagine improvvisata. Ha messo gli occhi sul parco roulotte, documentando le sue interviste e l’ampia ricerca della verità sul suo blog.

Tuttavia, gli omicidi di Bear Brook e le identità degli Allenstown Four sono rimasti un mistero. Il National Center for Missing & Exploited Children si è unito allo sforzo per identificare i corpi. Nel 2013, l’organizzazione ha creato nuove ricostruzioni facciali delle vittime. Ulteriori test scientifici condotti da NCMEC, laboratori privati e dal Florida Institute of Forensic Anthropology hanno rivelato che la donna, il bambino più piccolo e il bambino più grande, provenivano dalla stessa area geografica (forse nel New Hampshire); il bambino di mezzo, è stato scoperto, è stato allevato più a nord.

Nel 2015, un artista forense del NCMEC ha creato nuovi schizzi compositi delle vittime come avrebbero potuto guardare nella vita; per la prima volta, la polizia aveva volti reali da mettere ai corpi. L’assistente procuratore generale senior Ben Agati ha dichiarato che tutte e quattro le vittime avevano vissuto insieme nell’area del New Hampshire per un massimo di diversi mesi prima di essere assassinate. Agati ha anche notato che tutti e quattro erano stati uccisi contemporaneamente, tra il 1980 e il 1984.

sopportare gli omicidi del ruscello

Il mistero decennale degli omicidi di Bear Brook è apparso sull’orlo di una svolta. “Poi, all’inizio del 2017, gli investigatori hanno annunciato di aver azzerato un sospetto assassino: un uomo noto come Robert “”Bob”” Evans.” Il sospetto era morto in una prigione della California nel 2010 dove stava scontando la pena per l’omicidio del 2002 e lo smembramento dell’allora moglie, il chimico Eunsoon Jun. Le autorità hanno anche rivelato che il nome Robert Evans era uno pseudonimo e che la vera identità del sospettato era attualmente sconosciuta.

Il legame del sospettato con gli omicidi di Bear Brook è arrivato attraverso un altro caso freddo del New Hampshire: la scomparsa del 1981 e il sospetto omicidio di Denise Beaudin. Evans stava uscendo con Beaudin al momento della sua scomparsa. Un rinnovato interesse per la posizione di Beaudin ha riportato le autorità a Evans e al suo profilo del DNA, dove hanno scoperto che era il padre biologico del terzo figlio geneticamente estraneo alle altre vittime dell’omicidio di Bear Brook.

Le autorità hanno anche portato alla luce prove circostanziali che collegavano Evans alla scena dell’omicidio di Bear Brook. Era un elettricista in un mulino locale al momento delle uccisioni, lavorando sotto un uomo che possedeva una proprietà dove i resti venivano scaricati. I barili utilizzati per immagazzinare i corpi erano probabilmente provenienti dal mulino.

Sapendo che “Robert Evans” era un alias, gli investigatori hanno deciso di rivelare la vera identità del sospetto. Nell’agosto 2017, hanno identificato con successo l’uomo come Terrence ‘Terry’ Peder Rasmussen.

La loro indagine ha rivelato un ritratto agghiacciante di Rasmussen e della sua vita criminale. L’assassino simile a un camaleonte ha impiegato una sfilza di alias in una baldoria di crimini e omicidi che ha attraversato il New Hampshire fino alla California. La polizia crede che abbia ucciso almeno sei persone – Beaudin, le quattro vittime dell’omicidio di Bear Brook e Eunsoon Jun – anche se potrebbe averne uccisi altri.

Nel 2018, la radio pubblica del New Hampshire ha pubblicato un’indagine podcast multi-episode sugli omicidi di Bear Brook chiamata Bear Brook.

Il 6 giugno 2019, l’ufficio del procuratore generale del New Hampshire ha rivelato che gli investigatori avevano identificato con successo tre delle quattro vittime degli omicidi di Bear Brook. Sono: Marlyse Elizabeth Honeychurch, la donna adulta i cui resti sono stati scoperti nel 1985, e le sue due figlie biologiche, Marie Elizabeth Vaughn e Sarah Lynn McWaters.

La CNN riferisce che Honeychurch usciva con Rasmussen nel momento in cui lei e i suoi figli sono scomparsi. Honeychurch e le sue due figlie sono state viste l’ultima volta dai membri della famiglia intorno al Ringraziamento 1978, quando Honeychurch, insieme alle sue figlie e Rasmussen, stavano visitando la famiglia di Honeychurch a La Puenta, in California. Dopo aver litigato con sua madre, Honeychurch se n’è andata con le sue figlie e Rasmussen. La famiglia non ha mai più sentito parlare di Honeychurch, o dei figli di Honeychurch.

Lentamente ma inesorabilmente, il velo del mistero si sta sollevando sugli omicidi di Bear Brook. Eppure, mentre gli investigatori hanno identificato tre delle quattro vittime e sono fiduciosi di aver trovato l’assassino responsabile delle uccisioni, rimangono domande. Chi è la quarta giovane vittima? La polizia di stato del New Hampshire rimane fiduciosa che chiuderà finalmente il caso che ha infestato l’area dalla metà degli anni ’80. Chiunque abbia informazioni è pregato di chiamare il Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati al numero 1-800-THE-LOST o di contattare l’unità statale di casi freddi all’indirizzo coldcaseunit@dos.nh.gov.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *