Chi era Teresa Costanza? Storia vera, fidanzato, omicidio e chi l’ha uccisa



Teresa Costanza, 30 anni, laureata in marketing all’Università Bocconi di Milano, ha perso tragicamente la vita nel 2015. Giosuè Ruotolo aveva prima sparato al suo fidanzato, Trifone Ragone, che era in macchina con lei al momento dell’incidente. Secondo quanto riferito, Teresa si trovava sul lato del guidatore.



I media hanno parlato molto del caso, che rimane tuttora un argomento di conversazione. Il colpevole, un uomo di 28 anni, è stato condannato all’ergastolo per il duplice omicidio. Cos’altro si sa di Teresa Costanza?

Teresa Costanza, chi era

Teresa Costanza, di origini siciliane ma formatasi a Milano, viveva con il fidanzato Trifone Ragone, che era un militare. Secondo quanto riportato sul web, anche Teresa era un militare, quindi una collega di Trifone. Si ritiene che Trifone abbia premeditato l’omicidio di se stesso e di Teresa, che lavorava nel settore assicurativo.

L’attento esame condotto nel 2015 ha indicato che Ruotolo aveva pianificato meticolosamente ogni aspetto del crimine, probabilmente a causa della sua invidia per la relazione tra Trifone e Teresa. I professionisti hanno concluso che la coppia rappresentava un serio pericolo per Ruotolo, motivo per cui ha scelto di sparare a entrambi.

Alcuni dettagli

È chiaro che Ruotolo ha ucciso sia Trifone che Teresa Costanza con la stessa arma, una Beretta del 1922. Inoltre, Ruotolo è stato condannato all’ergastolo, mentre la sua ex fidanzata, Maria Rosaria Patrone, coetanea e originaria dello stesso paese di Somma Vesuviana, è stata coinvolta nel delitto.

Sembra che la Patrone sia accusata di aver nascosto informazioni che avrebbero potuto essere utili alle indagini e di aver cancellato i messaggi inviati a Ruotolo. Queste accuse non devono essere prese alla leggera e devono essere indagate a fondo.

Nonostante le sue proteste di innocenza, l’imputato è stato giudicato colpevole e condannato all’ergastolo dalle persone coinvolte nel caso.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *