Mal Biografia / Moglie / Figli


Paul Bradley Couling ha ottime probabilità di raggiungere l’immortalità. Anche se pochi sono a conoscenza della sua vera identità, è più conosciuto con il suo nome d’arte, Mal. Siamo certi che sarà ricordato nel corso della storia. Ogni volta che qualcuno fischietterà la popolare melodia che elogia le imprese di un cavallo coraggioso, sarà costretto a scoprire chi l’ha cantata e portata al successo. Scopriranno presto che si tratta di Mal. Questa melodia è diventata un’amata canzone popolare e quindi l’eredità di Mal continuerà a vivere.

Non si sa se le generazioni future conosceranno l’identità di Furia il Cavallo del West, l’animale oggetto della canzone in questione, ma attualmente la gente conosce bene il suo significato e l’identità del cantante dall’incerto accento italiano.

Mal è nato il 27 febbraio 1943 a Llanfrechfa, in Galles, ed è comprensibile che le sue conoscenze linguistiche non siano all’altezza, soprattutto se si considera che, prima del suo arrivo in Italia negli anni Sessanta, aveva da poco raggiunto il successo all’estero.

Mal ha sempre avuto un’affinità con il canto. Si esibì per la prima volta al matrimonio della sorella di uno dei membri della band dei Meteors, che in seguito gli propose di unirsi a loro. Questo segnò l’inizio della sua carriera, poiché divenne presto il leader dei Primitives, un gruppo beat che arrivò in Italia nel 1966 e guadagnò popolarità tra i giovani.

Dopo la conclusione del periodo con i Primitives, Mal rimane in Italia per intraprendere una carriera da solista. Nel periodo 1968-1970 ottiene un ampio successo, diventando un idolo delle teenager grazie ai suoi tratti accattivanti e comparendo persino nei fotoromanzi.

Attraverso le sue varie apparizioni televisive, i suoi articoli e, soprattutto, la sua collezione di canzoni notevoli (“Bambolina”, “Betty Blu”, “Tu sei bella come sei” – Sanremo 1969, con gli Showmen, ecc.), si è affermato come un successo definitivo.

Durante l’estate del 1969, la frase di successo “Pensiero d’amore” ebbe un’immensa popolarità, vendendo centinaia di migliaia di copie, ottenendo importanti riconoscimenti e, soprattutto, segnando il debutto di Mal sul grande schermo.

Nei due anni successivi ha prodotto quattro film di grande successo: “Pensiero d’amore”, “Lacrime d’amore” (sequel del primo, entrambi con Silvia Dionisio), “Avventura a Montecarlo – Terzo canale” e “Amore Formula Due”.

Mentre il tempo avanza velocemente, soprattutto nei tumultuosi anni ’70, Mal ha difficoltà ad adattarsi e rischia di diventare obsoleto.

Quando la sua fama in Italia comincia a scemare, si trasferisce in Germania, dove, in collaborazione con il suo caro amico Ricky Shayne, ottiene un successo da numero uno. La loro canzone “Mighty mighty roly poly” spopola in tutto il Nord Europa, seguita dall’interpretazione di John Kongos di “He’s gonna step on you” e da “Song of Hosanna” dei Delirium (conosciuta come “Oh Susanna” in tedesco!).

Nel 1975, si è imposto nelle classifiche musicali italiane con una canzone del 1932 di Vittorio De Sica, “Parlami d’amore Mariù”; questa canzone si adattava perfettamente al suo nuovo ruolo di cantante melodico, e ha continuato a capitalizzare il suo successo registrando canzoni classiche come “Jealousie”. Questo fu solo l’inizio del suo viaggio. Mal non è ancora consapevole del vantaggio segreto che possiede: il popolare programma televisivo Fury. La sua accattivante sigla è stata determinante nel catturare l’attenzione di molti giovani spettatori, determinando un lancio di successo sia per Mal che per Fury.

Questo risultato segna l’inizio di una carriera di successo come cantante di canzoni per bambini, che in un certo senso lo limita a questo ruolo e non gli permette di mettere pienamente in mostra le sue capacità vocali. Riesce a sbarcare il lunario. Appare in televisione ne “Il Dirigibile” accanto a Maria Giovanna Elmi; nel 1979 rappresenta l’Italia al Festival Internazionale di Tokyo (vincendo il primo posto come miglior interprete), dopodiché firma con la Baby Records e incide un album in lingua inglese, “Silhouette”, con il nome di Paul Bradley, e un esperimento di danza, “Cooperation”.

Nel 1982 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone “You’re My Woman”; due anni dopo, dopo la cessazione dell’attività della Baby Records, riprende le tournée come musicista affermato.

Per tutti gli anni Ottanta mantiene un profilo basso e si dedica a diversi progetti, come la firma di un nuovo contratto e l’inizio di una carriera teatrale, completata da occasionali apparizioni televisive.

Negli anni Novanta Mal continua a essere attivo nell’industria musicale, facendo concerti, registrando musica e tornando a teatro, interpretando il ruolo di Teen Angel nella versione italiana di Grease, con la Cuccarini/Ingrassia. È apparso anche in televisione in programmi come “L’Ultimo Valzer”, “La sai l’ultima”, “Viva Napoli” e “I ragazzi irresistibili”.

Dopo 30 anni di onorata carriera, Mal continua a esibirsi nelle piazze e nei locali italiani, affascinando un vasto pubblico di fan che ancora venerano la musica degli anni Sessanta. Nel 2005, Mal ha partecipato al reality show di Canale 5 “La Fattoria”, classificandosi al secondo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *