Uomini e Donne: Polemica per Tina Cipollari e il cavaliere Elio



Tina Cipollari perde le staffe e scatena critiche sui social

Fulmini e saette nella puntata di oggi di Uomini e Donne, con Tina Cipollari che ha letteralmente perso le staffe. Sempre sopra le righe, stavolta Tina è andata forse oltre, scatenando una protesta sui social che chiede provvedimenti a Maria De Filippi. Il pubblico non gradisce le uscite fuori luogo, specialmente quando un cavaliere mostra un basso livello di empatia.



Le parole di Tina rivolte al cavaliere Elio

Rivolgendosi al cavaliere Elio, Tina ha detto: “Se c’è una cosa che detesto di più quando gente come te viene a giocare a fare il signore”. E ancora: “Ma chi sei? Mica serve solo la giacca e cravatta, magari sei un fallito, un morto di fame senza un euro in tasca, un ripulito”. Il motivo scatenante della lite era stato il fatto che il cavaliere avesse raccontato una curiosità sulla sua vita infantile: da ragazzino aveva vissuto una brutta esperienza con burro e ricotta al punto da non poterli più mangiare.

La lite tra Elio e la dama Paola

Durante una cena con la dama Paola, Elio ha raccontato l’episodio e si è lamentato perché lei, dopo il racconto, ha comunque mangiato burro. Un gesto che Elio ha percepito come una mancanza di rispetto. Così, Tina Cipollari ha sbottato e lo ha riempito di critiche: “Ma guarda te, ma chi è arrivato e non posso sentire l’odore del burro, della marmellata, la ricotta… ho il mal di mare, ma chi sei? Ma vedi sto cafone”.

Reazioni del pubblico e critiche a Tina Cipollari

Le critiche del pubblico non si sono fatte attendere:

  • “E Maria a questo che fa le prove di galanteria alle donne non lo asfalta fuori da li? No, tutto molto normale.”
  • “Sono qua a trovare una donna a cui piace andare in barca, senno niente.”
  • “Tina comunque esagera con le offese, fino a quando non trova qualcuno che la querela, questo a prescindere da quello che potrebbe essere lui caratterialmente.”

Inoltre, un altro utente ha commentato: “No, vabbè, qui si vola altissimo, ma veramente veramente, questo non parla neppure di intolleranza, ma di trauma infantile con la ricotta e questa doveva stare a pensare: ha avuto il trauma, non posso ordinare il burro. Ora Paola non mi è simpatica, però dai su, davvero davvero”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *