Attrazione ferma a 30 metri d’altezza, 28 giovani intrappolati a testa in giù, “Abbiamo temuto per la nostra vita”



Lo scorso weekend, un gruppo di ventotto persone ha vissuto un’esperienza inquietante al Oaks Amusement Park in Oregon, USA. La giostra AtmosFEAR si è fermata improvvisamente, lasciando i passeggeri bloccati a testa in giù per circa mezz’ora a 30 metri di altezza. Il guasto è avvenuto venerdì pomeriggio, trasformando le urla di gioia dei passeggeri in grida di terrore.



Un Momento Critico

Un giovane di 17 anni ha descritto la paura provata durante quei momenti critici: “Pensavamo di morire”. I passeggeri sono rimasti in quella posizione per circa mezz’ora prima che i soccorsi li riportassero a terra sani e salvi. Le immagini e i video della scena, pubblicati sui social media, mostrano i 28 giovani sospesi a testa in giù, legati ai loro posti con i piedi rivolti verso il cielo. Nonostante il panico iniziale, nessuno ha riportato ferite. Solo uno dei passeggeri è stato portato in ospedale per precauzione a causa di patologie preesistenti.

Soccorso e Momenti di Panico

Il ragazzo di 17 anni, che stava festeggiando il diploma con gli amici, ha raccontato di aver avuto una crisi di panico e di aver pensato alle persone care e alle esperienze che avrebbe perso. “Erano tutti ragazzi, alcuni gridavano aiuto!” ha rivelato un testimone a terra. Il parco ha immediatamente chiamato i servizi di emergenza e avviato le procedure di sicurezza, chiudendo l’attrazione.

Indagini sulla Causa del Guasto

La causa del guasto meccanico non è ancora nota. Oaks Amusement Park ha dichiarato che la giostra AtmosFEAR è operativa dal 2021 senza precedenti incidenti. Il parco ha comunicato che l’attrazione rimarrà chiusa fino a nuova comunicazione, in attesa di verifiche. La direzione del parco ha contattato il produttore della giostra e lavorerà con gli ispettori statali per identificare la causa del problema. Nel frattempo, i giovani coinvolti nell’incidente hanno vissuto momenti di grande spavento, ma fortunatamente sono stati riportati a terra senza ulteriori complicazioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *