Come finisce Così è la vita: trama, storia vera e spiegazione finale



Così è la vita: Il Film di Aldo, Giovanni e Giacomo è Ispirato a una Storia Vera? Scopriamo il Significato e la Spiegazione del Finale

Il celebre film “Così è la vita” di Aldo, Giovanni e Giacomo è considerato un classico del cinema italiano. Ma qual è il vero significato del film e il messaggio dietro il finale sorprendente?



“Così è la vita”, il film che vede protagonisti il trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, è la seconda pellicola più vista al cinema tra quelle interpretate dai tre attori. Il grande successo di pubblico è dovuto alla trama particolare, che mescola momenti di comicità con riflessioni profonde sulla vita quotidiana. La frustrazione di Aldo, la mediocrità di Giovanni, il cognato approfittatore interpretato da un giovane Francesco Pannofino, e i fallimenti di Giacomo sono incubi personificati sullo schermo.

Così è la vita: Storia Vera?

Quella che vedrete è una storia vera. Per rispetto dei protagonisti sono stati usati nomi fittizi.” Questo sottotitolo iniziale ha catturato l’attenzione degli spettatori, portandoli a chiedersi se “Così è la vita” sia basato su una storia reale. La risposta è no: il film, in cui Giacomo e Giovanni vengono presi in ostaggio da Aldo, non è tratto da una storia vera. Il sottotitolo è ironico ma significativo, riflettendo le pieghe della trama che, pur non essendo reale, tocca temi universali.

Il film esplora le ansie quotidiane, le frustrazioni e la monotonia che spesso caratterizzano la vita di molti. La rappresentazione di personaggi come burattini, che vivono senza dare valore alla propria esistenza, amplifica situazioni che, pur nella loro finzione, risultano verosimili e profondamente umane.

Così è la vita: Come Finisce, Significato e Spiegazione del Finale

Il finale di “Così è la vita” sorprende e commuove gli spettatori. La fuga dei tre protagonisti si conclude ben prima di quanto raccontato nel film: infatti, Aldo, Giovanni e Giacomo muoiono in un incidente durante la loro corsa verso la libertà. Tuttavia, il film continua a narrare cosa accade dopo l’incidente, in una sorta di realtà parallela dove i protagonisti riescono a salvarsi e decidono di vendicarsi delle ingiustizie subite.

Tornati a Milano, Aldo sceglie di pagare il suo debito con la giustizia, Giovanni scopre di essere tradito dalla moglie, e Giacomo realizza di essere stato dimenticato dalla famiglia. La spiegazione del finale risiede nel fatto che i tre protagonisti sono in realtà morti, e nessuno ha aspettato il loro ritorno. Questa consapevolezza li porta, con l’aiuto di Clara, incontrata durante il viaggio, e Crapanzano, l’ex compagno di cella di Aldo, a cercare vendetta.

Giacomo riesce a restituire un appartamento ai suoi vicini, sottraendolo al cognato e alla sorella che li avevano sfrattati ingiustamente. Giovanni incastra l’amante della moglie, Catanìa, un poliziotto e collega di Giacomo. Il significato del film è racchiuso nella frase che dà il titolo alla pellicola, pronunciata dal meschino Catanìa: “Così è la vita”. La pellicola ci insegna che la vita non sempre premia chi si comporta bene; spesso sono i più furbi e spregiudicati a ottenere ciò che vogliono.

Riflessioni sul Film e Messaggio Finale

“Così è la vita” non è solo una commedia, ma una riflessione amara sulla condizione umana. La storia esprime la disillusione verso un mondo che spesso non rispetta i valori e le virtù. L’ironia dei tre protagonisti nel trovarsi in situazioni paradossali rende il film sia divertente che riflessivo. Il viaggio dei tre comici, che si conclude con loro che vanno in Paradiso, mette in evidenza una critica sottile ma potente alla società. Anche in Paradiso, la furbizia vince: Aldo passa per primo falsificando la sua carta d’identità, mostrando che i trucchi della vita terrena persistono anche nell’aldilà.

“Così è la vita” resta un film iconico, capace di far ridere e pensare allo stesso tempo. La capacità di Aldo, Giovanni e Giacomo di creare personaggi così umani e veri è ciò che rende il film un capolavoro del cinema italiano. Nonostante la trama fittizia, il messaggio universale che emerge è che la vita è complessa e spesso ingiusta, ma sempre degna di essere vissuta con ironia e coraggio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *