Maria Pia colpita dalla malattia a 17 anni. Il decesso a Caracas e la complicata repatriazione della salma in Italia



Una giovane di 17 anni, Maria Pia De Antonis Michelangelo, ha perso la vita il 7 maggio a Caracas, in Venezuela, a causa di una malattia contro cui stava combattendo da mesi. Dopo un lungo periodo di trattamento, la famiglia ha deciso di riportare il corpo in Italia per poter celebrare i funerali nella sua terra natale, ma alcuni ostacoli burocratici hanno ritardato il rientro.



Il dramma della famiglia De Antonis Michelangelo

La famiglia De Antonis Michelangelo, originaria della frazione di Scapriano a Teramo, è molto conosciuta in città e da anni si divide tra l’Abruzzo e il paese dell’America latina per motivi di lavoro. Dopo aver scoperto la malattia della figlia, la famiglia si è fermata nell’ospedale del capoluogo di provincia per farla curare, con l’intenzione di continuare il trattamento anche oltreoceano se ci fossero stati dei miglioramenti. Nonostante inizialmente sembrassero esserci dei segnali positivi, purtroppo la giovane ha subito una drammatica ricaduta che ha portato al suo prematuro decesso.

Il ritardo nel rientro in Italia

Nonostante il desiderio dei genitori di riportare immediatamente il corpo in Italia per le esequie, alcuni intoppi burocratici hanno causato un ritardo nel rientro della salma. Solo ora, dopo un periodo di attesa, il feretro è finalmente arrivato a Ciampino e è stato trasferito nella casa funeraria di Carlo Petrucci. Qui parenti e amici si sono riuniti per rendere omaggio alla giovane e offrire il loro sostegno alla famiglia in lutto.

Un addio commovente

Venerdì pomeriggio 14 giugno, molti si sono recati presso la casa funeraria per dare l’ultimo saluto a Maria Pia De Antonis Michelangelo. Tra i presenti c’erano numerosi amici di scuola che hanno voluto mostrare il loro affetto e condividere il dolore della famiglia. L’intera comunità si è stretta attorno alla famiglia De Antonis Michelangelo in questo momento di profonda tristezza.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *