Mentre gioca a calcetto davanti agli occhi della moglie, Matteo, 43enne e padre di cinque figli, perde la vita per un malore



La serata del 12 marzo si è trasformata in un evento tragico per la comunità di Rovato, nella provincia di Brescia, con la scomparsa improvvisa di Matteo Ferrecchia, 43 anni, deceduto a causa di un malore mentre partecipava a una partita di calcetto con gli amici. Matteo, amato padre di cinque figli e residente a Castelli Calepio, in provincia di Bergamo, è improvvisamente crollato sul terreno di gioco del centro sportivo all’aperto, sotto gli occhi increduli degli amici e della moglie presenti.



Gli Sforzi di Soccorso Si Rivelano Infruttuosi

Nonostante l’intervento immediato dei soccorritori, che hanno tentato di rianimare Matteo direttamente sul campo prima di trasportarlo d’urgenza in ospedale via elisoccorso, la situazione si è rapidamente dimostrata critica. Il tentativo di salvare la vita di Matteo si è scontrato con le gravi condizioni in cui versava, precipitate da un arresto cardiaco seguito da emorragia cerebrale. Purtroppo, nonostante gli sforzi dei medici, il 43enne è deceduto nelle ore successive al suo arrivo in ospedale.

Una Comunità e dei Colleghi in Lutto

Il dolore per la perdita di Matteo Ferrecchia ha profondamente colpito non solo i suoi cari, amici e famiglia, ma anche l’intera comunità di Castelli Calepio e i colleghi della Itg srl di Palazzolo sull’Oglio, dove Matteo svolgeva il ruolo di responsabile di magazzino. La morte di Matteo ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti coloro che lo conoscevano e amavano. L’amministrazione comunale, attraverso le parole dell’assessora Elena Pagani, ha manifestato il proprio cordoglio, evidenziando quanto l’evento abbia scosso l’intera comunità, che ora piange la scomparsa di un uomo amato e rispettato.

Questa tragedia sottolinea non solo la precarietà della vita ma anche l’importanza della comunità nel fornire supporto e conforto nei momenti di immenso dolore. La perdita di Matteo Ferrecchia rimarrà un ricordo doloroso per la comunità di Rovato e Castelli Calepio, unendoli nel ricordo di un uomo che ha lasciato un segno indelebile nei cuori di coloro che lo hanno conosciuto.



Lascia un commento