Tragedia nella notte, macchina con 4 giovani si ribalta, morte di un ventenne, gravissime condizioni per gli altri tre passeggeri



Una notte tragica nella comunità di Val D’Aveto, nell’entroterra genovese, ha visto un ragazzo di circa 20 anni perdere la vita e tre giovani rimanere gravemente feriti in un incidente stradale. L’incidente è avvenuto intorno alle 23:00 tra le frazioni di Villanoce e Gramizza, nel Comune di Rezzoaglio. L’auto su cui viaggiavano i quattro ragazzi si è ribaltata e schiantata fuori strada. Le cause del sinistro non sono ancora chiare, ma potrebbe essere stata l’alta velocità o un animale che ha attraversato la strada. I carabinieri stanno indagando sull’accaduto, con l’ausilio dei vigili del fuoco che sono intervenuti immediatamente sul posto.



Soccorso Tempestivo Grazie alla Tecnologia

Il sistema di sicurezza del veicolo ha giocato un ruolo cruciale nei soccorsi. Grazie al sistema automatico di chiamata al 118, l’allarme è scattato subito dopo l’incidente. I pompieri hanno estratto il corpo del ragazzo deceduto sul colpo e due dei tre feriti dalle lamiere. Una ragazza, secondo le ricostruzioni, è riuscita a uscire autonomamente dall’auto. La voce di uno degli occupanti del veicolo, tramite l’interfono, ha fornito le prime informazioni ai soccorritori, permettendo un intervento rapido e coordinato. Sul luogo dell’incidente sono giunti immediatamente le automediche Tango 1 e Tango 2, le ambulanze della Croce Rossa di Rezzoaglio, Cicagna e Santo Stefano D’Aveto, oltre all’elicottero Grifo.

Feriti in Gravi CondizioniI

tre feriti sono stati trasportati con urgenza in ospedale. Due di loro sono stati ricoverati al San Martino di Genova, mentre il terzo è stato portato all’ospedale di Lavagna, tutti in codice rosso. Le autorità locali e i quotidiani hanno riportato la notizia, sottolineando l’efficacia della risposta dei soccorsi. La comunità di Rezzoaglio e le aree circostanti sono profondamente scosse da questo tragico evento. Le indagini proseguono per determinare le cause precise dell’incidente e prevenire future tragedie simili.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *