Home » Primo piano » Cerca prostitute a Napoli e scopre la moglie: scoppia la rissa

Cerca prostitute a Napoli e scopre la moglie: scoppia la rissa

Nicola S. cercava un po’ di relax ‘piccante’ in via Gianturco, dove ci sono anche ‘lucciole’ italiane. Un cinquantenne napoletano, dopo una giornata trascorsa con i genitori e i suoceri, aveva deciso di rilassarsi in maniera alquanto ‘piccante’ e ‘proibita’. Dopo aver fatto credere alla moglie che sarebbe uscito con amici, si era recato in alcune zone di Napoli dove, di notte, spuntano le prostitute. Quella sera, però, Nicola S. non aveva cercato meretrici in Piazza Garibaldi ma in via Gianturco, dove, da qualche tempo, sono spuntate anche le italiane accanto alle nigeriane. Probabilmente il 51enne aveva intenzione di provare qualche ‘prodotto’ italiano. Dopo essersi avvicinato con la sua auto a una ‘lucciola’ con minigonna e tacchi a spillo, l’uomo ha chiesto: ‘Quanto vuoi?’. La donna, stupita da quella voce familiare, si è girata di scatto e si è resa conto di avere di fronte il marito.

L’uomo ha iniziato ad aggredire Clara

Clara T., 37enne napoletana, ha subito chiesto a Nicola, il marito cosa ci facesse in mezzo alle meretrici. Lui le ha fatto la stessa domanda. I due hanno iniziato a litigare, passando poi alle mani. A sedare la rissa ci hanno pensato alcuni agenti che si trovavano nei paraggi. Una storia insolita che ha suscitato scalpore e divertimento a Napoli. Sembra che la 37enne avesse deciso di ‘arrotondare’ facendo il mestiere più antico al mondo perché le condizioni economiche della famiglia non erano così favorevoli. E poi lui era sempre fuori casa. Adesso si può immaginare il motivo per cui Nicola era quasi sempre lontano da casa. Una domanda che si stanno ponendo molti riguarda la ‘parcella’ di Clara: chiedeva più o meno di quello che le colleghe reclamavano dal marito?

La vicenda risale a domenica scorsa

La vicenda, dai contorni goliardici, è avvenuta domenica scorsa, 26 giugno 2017. Nicola voleva consumare un rapporto ‘intimo’ con una prostituta italiana e, dopo essersi recato in via Gianturco, ha trovato la moglie. Uno choc forte per entrambi. Clara e Nicola avevano trascorso la giornata insieme a genitori e suoceri e, probabilmente, volevano trascorrere una serata diversa. Lei voleva guadagnare qualcosa; lui ‘sfogarsi’. Prima di uscire di casa, Nicola aveva detto alla moglie di non aspettarlo, perché sarebbe tornato tardi. Clara, allora, ha sfruttato l’occasione per ‘battere’ il marciapiede ed ‘arrotondare’, viste le difficoltà economiche. A Napoli e in altri centri italiani, si sa, il lavoro è quasi un’utopia. Nonostante i problemi economici, però, il 51enne consumava spesso rapporti ‘intimi’ con ‘lucciole’ nigeriane. Nicola spendeva molto denaro, che sottraeva alla famiglia.

Il 51enne, quando si è reso conto che quella donna con la minigonna e i tacchi a spillo era la moglie, si è infuriato ed è subito sceso dall’auto aggredendo la donna fisicamente e verbalmente. Provvidenziale si è rivelato l’intervento di alcuni agenti chiamati da passanti che non erano voluti intervenire. Una storia grottesca quella avvenuta a Napoli qualche giorno fa. Secondo le prime indiscrezioni, Nicola è un avventore abituale delle ‘lucciole’ e Clara ha ‘venduto’ il suo corpo numerose volte.

A Napoli la prostituzione è diventata dilagante. In alcuni punti della città il losco mercato è gestito da donne cinesi che affittano o acquistato locali dove, apparentemente, si offrono servizi di massaggi orientali. Tra i clienti anche commercianti, imprenditori e facoltosi professionisti.

Loading...

Altre Storie

BankItalia, Gentiloni premier delle larghe intese? Solo se conferma Visco

Bruxelles: «I rapporti tra Pd e governo sono ottimi». Risponde subito Matteo Renzi, il leader …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *