Home » Tecnologia e Diavolerie » “Ti ho cercato” di Tre Italia aumenta di prezzo: ecco come disattivarlo

“Ti ho cercato” di Tre Italia aumenta di prezzo: ecco come disattivarlo

Stiamo parlando delle famigerate “rimodulazioni”: vediamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando.Il gestore telefonico 3 Italia ha da poco annunciato che l’opzione per il supporto alle reti 4G/LTE diventerà a pagamento per tutti i suoi clienti a partire dal primo rinnovo successivo al giorno 18 aprile 2017.

Ovviamente se pensate che l’aumento di 60 centesimi (oltre il 60% rispetto a prima) sia troppo elevato potete in qualsiasi momento disattivare il servizio, e senza costi, entro il 30 aprile 2017 utilizzando sul vostro smartphone il codice numerico *112#.

Come vi avevamo anticipato già l’anno scorso, gli utenti 3 si sono trovati a dover pagare il servizio 4G LTE, in precedenza gratuito e tornato ad essere a pagamento dalla scorsa estate per quasi tutti i clienti ad un costo di un euro al mese. Basterà accedere all’Area Clienti 3 al seguente link https://areaclienti3.tre.it e compiere le seguenti azioni: effettuare il login, eccedere alla sezione “Opzioni Attive“, selezionare il pulsante “disattiva” e confermare l’operazione.

Aumenti tariffari in casa Tre Italia: i clienti che sfrutteranno la velocità del 4G LTE pagheranno un abbonamento mensile di 1 euro, rimodulato “Ti ho cercato“.

Mantenendo attiva l’opzione 4G/LTE sarà dunque previsto il pagamento automatico di 1 euro ogni 30 giorni.

Ti ho cercato” è il servizio di Tre Italia che permette di ricevere un messaggio nel caso di non reperibilità in seguito a una chiamata ricevuta.

La rimodulazione di “Ti ho cercato” avverrà a partire dal 1 maggio 2017, per cui se non siete disposti a sborsare gli 1,50 € richiesti dall’operatore per conoscere chi vi ha cercato siete ancora in tempo per disattivarlo. Per riattivare il servizio il numero è invece *111#, mentre per controllare lo stato dovete digitare *113#.

Altre Storie

Svolta Facebook, pagherà le tasse dove realizza i ricavi

NEW YORK Facebook inizierà con il prossimo anno a pagare le tasse sui proventi pubblicitari …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *