Pensioni oggi lunedì 10 dicembre: Quota 100, Opzione Donna e Pensioni d’oro

Ecco tutte le novità riguardanti quota 100, nonché i requisiti richiesti per la pensione anticipata e i tagli alle pensioni d’oro. Sono questi i temi caldi dell’ultima settimana e di cui si hanno alcune novità. In questo fine settimana c’è stato un alternarsi ultime notizie e soprattutto di notizie tra il negativo e positivo, tante affermazioni ma anche tante smentite. Proprio nelle ultime ore, anche alcune novità riguardanti quota 100, ma anche riguardanti le aspettative di vita e l’ape Social e Opzione donna. In cosa consistono queste novità? In attesa della fine del 2018, il dibattito sulle novità pensioni sembra essere sempre più vivo con un riferimento particolare alla quota 100 che è stata confermata dal vicepremier Salvini per il prossimo mese di marzo 2019. Le ultime novità però riguardano anche l’aumento delle pensioni minime, nonché il taglio delle pensioni d’oro.

Vediamo, dunque, di fare un po’ di chiarezza a cominciare proprio dalla quota 100. La discussione riguardante questa misura, ha visto protagonista anche Tito Boeri ovvero il presidente dell’INPS, il quale avrebbe spiegato che con la novità pensioni di quota 100 per rivedere le attuali norme pensionistiche si andrebbe ben oltre la stessa ed ha anche spiegato che sono state presentate dal governo alcune proposte riguardanti le pensioni di quota 100, ognuna delle quali dovrà essere valutata per cercare di capire quelli che potrebbero essere gli effetti.

In settimana sono arrivate delle dichiarazioni sul tema pensioni da parte del sottosegretario al lavoro Claudio Durigon, il quale ha anche parlato di Quota 100 sostenendo come la volontà del governo sia quella di andare avanti, affinché questa misura possa essere introdotta già a partire dal 2019. Riguardo i requisiti, per poter accedere a Quota 100 bisognerà aver compiuto 62 anni di età e 38 anni di contributi, ma si potranno anche essere dei tempi differenti di uscita sia per i quali i Lavoratori Privati che pubblici, presentando un preavviso di uscita con Quota 100 di almeno sei mesi.

Al centro del dibattito politico sulle pensioni, questa settimana ci sono anche i tagli alle pensioni d’oro e gli aumenti delle pensioni minime. Circa il taglio delle pensioni d’oro, sembra ci sia stato un accordo e si tratterebbe di una misura dalla quale la Lega, sembrava voler prendere le distanze. A parlare di taglio di pensioni d’oro è stato in questi giorni Di Maio, annunciando delle penalità dal 25% al 40%. Su questi numeri però non sembra essere arrivata ancora alcuna dichiarazione da parte della Lega.  Secondo Giorgio Ambrogioni, sembra che un prelievo di circa il 40% sulle pensioni di importo medio-alto rappresenterebbe un furto vero e proprio ai danni di categorie intere professionali.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.