Meghan Markle è incinta al quarto mese: aspetta il primo figlio dal principe Harry

E’ incredibile quanto il comunicato di Kensington Palace abbia scaldato i cuori. Meghan Markle è incinta al quarto mese: aspetta il primo figlio dal principe Harry, per la prossima primavera. Non sappiamo ancora se sarà maschietto o femminuccia (la duchessa, subito prima dell’annuncio, ha indossato il blu…), né come si chiamerà (in lizza: Diana, Alice, Arthur, James), né quale titolo avrà (l’ultima parola spetta alla regina). Ma, di sicuro, il royal baby in viaggio è un piccolo combattente. Da quando è stato concepito, ne ha già viste da far accapponare la pelle. Persino un fulmine, di quelli veri, una scarica da 30 milioni di volt sull’aereo che trasportava la mamma già incinta. Inoltre, nelle zone che Meghan e Harry stanno visitando in questi giorni, tra Australia, Nuova Zelanda, Fiji e Tonga, si aggirerebbe la zanzara portatrice del virus Zika, temibile per le gestanti. Bisogna dire che i duchi di Sussex si sono informati e sono sereni: la “pancia” non corre alcun rischio. Questa gravidanza la vivono sportivamente, sin dai primi battiti. Avrebbero concepito il piccolo a fine luglio, ovvero quando l’impegnativo viaggio dall’altra parte del mondo era già stato programmato: 11 tappe in 15 giorni, per un totale di oltre 70 eventi. Per fortuna, Meghan non sta soffrendo di iperemesi gravidica, e cioè le nausee apocalittiche che hanno costretto la cognata Kate a uscire di scena a ogni inizio di dolce attesa.

RUMORE IMPROVVISO E LAMPO CHE ABBAGLIA

Meghan ha giusto rinunciato ad andare con Harry in Botswana ad agosto; ma, per il resto, ha presenziato a tutto spiano, ha giocato a palla in tacchi a spillo, ha cucinato per beneficienza, e ha viaggiato di qui e di là. Stava appunto accompagnando il marito ad Amsterdam per un’inaugurazione il 21 settembre quando un fulmine avrebbe colpito la fusoliera del lussuoso, piccolo jet che avevano affittato per la trasferta. Paura da togliere il fiato, con quel rumore improvviso e assordante e il lampo abbagliante a bordo. L’aereo ha continuato a volare, ma poi è rimasto fermo per ben nove giorni a farsi rimettere in sesto. Ecco perché Harry sembrava un pochino imbambolato in Olanda: addirittura ha incontrato la sua vecchia fiamma Jenna Coleman e non è stato capace nemmeno di farle un cenno, lui che è così “sciolto” da aver invitato tutte le ex storiche alle sue nozze.

Ma Meghan è americana: fucile in spalla e si riparte. Con il novello pancino ci ha anche giocato. Le sue ultime mise, dai tubini eccessivamente morbidi sul ventre ai maglioni con grosse fusciacche in vita, sembravano scelte apposta per alimentare i sospetti. E presentarsi al royal wedding della cugina Eugenie con un cappotto pesante (era l’unica a indossarne uno!), oltretutto abbottonato solo all’altezza del collo e poi aperto sul ventre, è stato come accendere un’insegna al neon (e poco fine: Meghan avrebbe finito con l’annunciare alla royal family di essere incinta proprio al pranzo di nozze, mettendo in ombra l’evento principale e scatenando le ire della mamma della sposa, Sarah Ferguson. Ne parliamo nelle prossime pagine).

NIENTE TATA: CI PENSA NONNA DORIA RAGLAND

Poche ore dopo è atterrata in Australia, a Sidney: ha trafficato con il pancino un po’ troppo davanti ai fotografi, i rumors sono diventati incontenibili ed ecco il comunicato via Twitter. Pioggia di felicitazioni dalla regina, dal principe Carlo, dai duchi di Cambridge William e Kate: tutti «deliziati». Persino il suo papà scavezzacollo, Thomas, le avrebbe inviato gli auguri; e mamma Doria Ragland si è detta «felice». Sembra che resterà lei accanto alla culla: Meghan non ama l’idea di avere una tata, ma Harry dovrà viaggiare molto nei prossimi tempi, per mantenere stretti i rapporti con l’estero anche dopo che la Gran Bretagna uscirà dall’Unione europea (il 29 marzo 2019), e tutti vorranno vedere la sua sposa al suo fianco. In attesa che il piccolo, settimo in linea di successione al trono, li aiuti nell’impresa: i muscoli, li sta già allenando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *