Ritirare pacchi e corrispondenza dal benzinaio, al via la sperimentazione

Pubblicato il: 17 Dicembre 2018 alle 4:21

A breve si potranno ritirare i pacchi e la corrispondenza direttamente dal benzinaio. E’ questa la novità piuttosto attesa e risultato di un accordo che è stato stretto tra Nexive, un operatore postale privato e Assopetroli-Assoenergia. Si tratta di una iniziativa che è rivolta a circa 12.000 nuovi punti vendita che sono associati proprio ad Assopetroli e che ha visto l’adesione già di una prima stazione di servizio che si trova a Napoli e che ben presto sarà operativa. A breve, dunque, gli utenti potranno contare sul proprio benzinaio come un punto di riferimento per la propria corrispondenza e come abbiamo visto si tratta di un progetto che si prospetta già piuttosto apprezzato e di gran successo nato grazie all’operatore privato Nexive che ha scelto proprio la città di Napoli, come la prima città per poter dare avvio a questo progetto sperimentale, chiamato InZona.

Questo nasce nel 2016 ed ha coinvolto dapprima alcune edicole ed altri esercizi commerciali ed ha ottenuto un così tanto grande successo che si è pensato di ampliare e rendere sempre più semplice la vita agli utenti, riducendo quindi il numero delle operazioni quotidiane da effettuare per ritirare la propria corrispondenza, dando nel contempo ad altre attività commerciali come ad esempio i benzinai, questa facoltà. L’obiettivo questa volta però sembra essere piuttosto ambizioso ed a parlarne è stato proprio il presidente di assopetroli-assoenergia nel corso di un incontro avvenuto sul web ed organizzato proprio con la Nexive.

Il presidente di Assopetroli-Assoenergia ha dichiarato di volere trasformare le stazioni di servizio in dei veri e propri poli multifunzionali che possano quindi dare ed offrire diversi servizi ai consumatori. “Con il progetto ‘In Zona’, che oggi estendiamo anche alle stazioni di servizio, abbiamo introdotto nuove modalità per agevolare i cittadini nelle operazioni quotidiane legate al ritiro della propria corrispondenza, che sia una raccomandata o un acquisto fatto online”, ha spiegato Luciano Traja, Amministratore Delegato di Nexive. “Ad oggi, oltre ai 500 punti diretti su tutto il territorio nazionale abbiamo attive già un totale di 1400 tra edicole, cartolerie e tabaccherie. Con questa nuova partnership ci auguriamo di offrire un servizio sempre più capillare”.

Con il progetto Inzona, dunque, ad oggi le società vogliono estendere anche alle stazioni di servizio la possibilità per gli utenti di poter essere agevolati nelle operazioni quotidiane che sono legate, come abbiamo detto, al ritiro della propria corrispondenza che sia una raccomandata oppure il prodotto frutto di un acquisto online. Sul territorio nazionale, oggi, sono presenti circa 500 punti diretti, mentre si hanno già attivi circa 1400 altri punti, tra edicole, tabaccherie e cartolerie. E’ questo quanto spiegato da Luciano Traja, amministratore delegato di Nexive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *