Acconti tasse nel forfettario: come funzionano?

Si sente sempre parlare del meccanismo ‘saldo acconto x le tasse’, ma x i contribuenti nel regime dei minimi e forfettari come funziona?

Anche i contribuenti nel regime dei minimi e forfettari sono soggetti al meccanismo del saldo acconto x il pagamento dell’imposta sostitutiva e dei contributi inps, se iscritti alla gestione separata. Che cosa significa il meccanismo del saldo acconto? cerchiamo di fare un ragionamento semplice. Ho aperto la mia partita IVA nel corso del 2018, nel 2019 andrò a pagare la mia Imposta sostitutiva calcolata con il coefficiente di redditività, una volta determinato il reddito forfettariamente, andrò a calcolare l’imposta sostitutiva, una volta calcolata l’imposta sostitutiva dovrò calcolare l’acconto x l’anno in corso.

Che cosa significa? quando si pagano le tasse soprattutto x la prima volta, si dovrà pagare le tasse sull’anno precedente di apertura dell’attività, e le tasse in acconto sull’anno in corso. L’acconto si può calcolare secondo due metodologie:  la prima, è su base storica, si prende Quante tasse hai pagato nel corso dell’anno, e si calcola il 100% e si paga acconto su questa quota, quindi il primo anno si pagano le tasse doppie.

Il secondo modo invece, è in termine previsionali, si stima l’acconto sulla base delle  fatturato che si presume effettuare nell’anno in corso. Questo è un modo rischioso, perché se l’acconto viene stimato male ci saranno poi da pagare delle sanzioni. Ovviamente è vero che il primo anno è più difficoltoso perché si pagano le tasse sull’anno precedente e quelle in corso, ma dal secondo anno, ovviamente, si andranno a detrarre le tasse dal saldo dovuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *