Prestito a tasso negativo, ecco come dare meno di quanto si è ottenuto

Oggi vogliamo parlare del prestito a tasso negativo nel nostro paese, ovvero quel prestito che darà la possibilità a chi ne fa richiesta, di poter utilizzare la cifra senza alcun tipo di obbligo.

Questo prestito viene erogato da Younited Credit e si può richiedere con un tasso indicizzato a – 1% per una cifra di almeno €1000. Vediamo più nello specifico di cosa si tratta, come richiederlo e come funziona.  In Italia finalmente è arrivato il prestito a tasso negativo e ciò vuol dire che i clienti che richiederanno tale prestito, dovranno restituire alla finanziaria che lo ha concesso, una somma inferiore a quanto effettivamente si è incassato.

Si tratterebbe di una novità davvero molto importante e quindi di uno strumento che potrebbe essere un valido per quelle persone che hanno necessità di prestiti e che in questo modo potrebbero comunque risparmiare parecchio denaro, una cifra che potrebbe addirittura montare tra i 300 e i 500 milioni di euro per i clienti. Questo strumento sarà ufficialmente a disposizione in Italia a partire dal prossimo 22 di ottobre.

Prestito a tasso negativo in Italia

Questo, come abbiamo avuto modo di anticipare, è un prestito a tasso negativo che da la possibilità a coloro che ne fanno richiesta, di poter utilizzare una cifra senza però alcun tipo di obbligo e in maniera assolutamente libera. Ad oggi questo tipo di prestito viene erogato da Younited credit e si può richiedere ad un tasso indicizzato a – 1% per una cifra che deve essere almeno di €1000 con la restituzione a 2 anni. Ci sarebbe poi tempo dal 22 ottobre fino al 30 novembre 2018 per poterlo richiedere e bisognerà semplicemente andare sul sito facile.it. Volendo fare un esempio pratico, qualora la richiesta di un prestito ammonti a €1000, alla fine poi dei 2 anni di ammortamento previsto dalla natura del contratto, il cliente andrà a restituire €989.

Vantaggi per chi eroga il prestito a tasso negativo

Per tante persone che hanno bisogno di piccoli prestiti, questa potrebbe rappresentare davvero una svolta importante. Ci si chiede però quali siano i vantaggi per coloro che erano questo tipo di prestito ela risposta sembra essere piuttosto semplice. Questo altro non è che un modo per le aziende di farsi conoscere da una più vasta platea di utenti, acquisendo in questo modo sempre più clienti. Questo prestito può essere comunque richiesto da lavoratori sia dipendenti che da quelli autonomi, liberi professionisti e pensionati. Sono comunque escluse le persone che non sono in grado di fornire le garanzie necessarie, come ad esempio nel caso in cui non abbiano un reddito da dimostrare, oppure nel caso di una solidità finanziaria sufficiente che gli possa permettere di pagare le rate. Sono escluse quelle persone che in passato hanno avuto qualche problema finanziario e quindi in tutti questi casi non verrà concesso alcun tipo di prestito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *