E sul punto di impazzire, Donna Francisca. Pri­gioniera della marche­ sa Isabel de los Visos, la megera de II segreto finisce per fingersi moribonda pur di ritrovare la libertà. Ma fac­ciamo un passo indietro. Tor­nata a Puente Viejo dopo un salto temporale di quattro an­ni, Francisca si rifugia a casa della cugina, la marchesa de los Visos, che subito si dimo­stra pronta ad aiutarla. L’o­biettivo di Francisca è recu­perare tutti i beni persi dopo il tremendo attentato che, an­ni prima, l’ha costretta a fug­ gire. Per riuscirci, è pronta – com’è nel suo stile – a vendi­carsi di tutti i suoi nemici.

Per realizzare il suo piano, però, la Montenegro aspetta il momento giusto. Nel villaggio nessuno sa del suo ritorno, tranne la marchesa, ovvia­mente. All’inizio, tra le due sembra esserci un rapporto idilliaco. Poi, col passare dei giorni, le intenzioni di Isabel vengono a galla: la nobildonna è la proprietaria delle mi­niere di ferro e carbone del villaggio e il suo obiettivo è diventare la donna più poten­te di Puente Viejo.

La figura
ingombrante della cugina sa­rebbe un ostacolo, così decide di recluderla nella sua tenu­ta: la sua dimora diventa una prigione e Donna Francisca la vittima di un gioco psicologico condotto con perfida lucidità
dalla marchesa. La Montene­gro si rende conto che deve fuggire in fretta.

Per evadere, elabora un piano: in assenza della marchesa, si punge un dito con un ago, sporca il fazzoletto e fa credere alla dome­stica Antonita di tossire san­gue. La serva, temendo che si tratti di una brutta malattia, esce per chiamare aiuto e fini­sce per raccontare tutto a Adolfo e Tomàs, i figli di Isabel all’oscuro delle mosse della madre. Tornata a casa, la sce­na è di quelle forti: la Montenegro è priva di sensi sul di­vano. Non resta che chiamare il medico, per il quale si è trattato di svenimento. Gra­zie alla sua farsa, Francisca riesce a far sapere di trovarsi prigioniera a casa della cugi­na. Ma siamo sicuri che ora qualcuno la aiuterà a tornare libera?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here