Coronavirus in Russia: ricoveri forzati, paura dei cinesi e termometri al Cremlino

In Russia, quattro sospetti pazienti affetti da coronavirus sono fuggiti dalla quarantena obbligatoria presso l’ospedale Botkinskaya di San Pietroburgo. Alla Ilyna era uno di loro.

I media russi hanno riferito giorni fa di una fuga particolare. Un totale di quattro sospetti pazienti affetti da coronavirus erano fuggiti dalla quarantena obbligatoria all’ospedale Botkinskaya di San Pietroburgo . Uno dei casi è stato quello di Alla Ilyna, una casalinga di 32 anni , che era stata portata in quella clinica dopo essere stata sottoposta a un controllo dopo essere tornata dalla spa cinese di Hainan con il mal di gola. È risultato negativo per il coronavirus tre volte. Quando i dottori hanno insistito che doveva rimanere più a lungo, ha deciso di scappare. Più tardi, un tribunale l’ha costretta a tornare in detenzione in ospedale. È stato rilasciato venerdì, ma il suo caso ha creato un precedente.L’istituzione che controlla la protezione della salute pubblica, Rospotrebnadzor, propone sanzioni più severe per i pazienti che violano la quarantena.

Secondo EL MUNDO Ilyna , la sua precedente stanza di isolamento era terribile, con un cassonetto che non era mai stato svuotato. La porta era protetta da una serratura elettronica. Quindi ha elaborato un piano di volo : “Prima ho disegnato una mappa e ho scoperto come uscire”. Ilyna è fuggita dall’ospedale il 7 febbraio. “Quando è arrivata la notte e il personale medico ha abbassato la guardia, ho messo in corto circuito la serratura magnetica”, spiega, grazie alla sua conoscenza dell’elettronica della scuola.

Il caso di Ilyna è diventato virale sui social network Russia e ha persino ispirato una canzone. Due pazienti della clinica Botkinskaya in cui Ilyina è stata messa in quarantena la scorsa settimana hanno pubblicato un pezzo intitolato “Voglio essere come Alla” sui social network, dedicato al suo ex compagno di ricovero. Ilyna mostra con orgoglio i dettagli della sua fuga e, sebbene le sue condizioni siano migliorate, ricorda i momenti di scoraggiamento: “Sono arrivato a pensare che non me ne sarei mai andato”.

Altri devono gestire il proprio parto. A Mosca il municipio ha inviato 2.500 viaggiatori dalla Cina a casa o in albergo, con l’ordine di non partire per due settimane. Il sindaco della capitale russa, Sergey Sobianin, è disposto a trasformare le strade in un “fratello maggiore” a caccia di coloro che fuggono dalla quarantena. “I nostri sistemi automatizzati di riconoscimento facciale e altre tecnologie monitoreranno costantemente la conformità con l’isolamento” .

Veto i cittadini cinesi

Dagli ultimi 20 anni, proibisce l’ingresso dei cinesi nel Paese e il sindaco di Mosca ha avvertito che la polizia e le autorità mediche stanno effettuando raid “spiacevoli ma necessari” su hotel, appartamenti e dormitori dove sono entrati i cittadini cinesi. prima del fulmine I sindacati dei conducenti dei trasporti pubblici hanno assicurato a diversi media di aver ricevuto l’ordine di avvisare l’impianto se salivano sull’autobus. Il governo ha già dichiarato all’inizio della crisi che è disposto a espellere i cittadini stranieri con coronavirus .

Nonostante la bassa incidenza e l’ampia reazione delle autorità russe, ci sono stati casi di paure sfrenate di contagio tra la popolazione . Le autorità della regione di Chelyabinsk hanno rinunciato ai loro piani per istituire un centro di quarantena dopo che i residenti locali hanno creato una barriera umana per impedire l’ingresso di cittadini cinesi. I prigionieri in una prigione nella regione di Kursk hanno iniziato a fabbricare maschere da utilizzare dopo un aumento della domanda. E il Cremlino in questi giorni controlla la temperatura corporea di tutte le persone che partecipano agli eventi con il presidente Vladimir Putin, che da parte sua ha proposto di spogliare le farmacie delle loro licenze se aumentano i prezzi delle maschere antivirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *