Il Pd vuole la patrimoniale per pagare i danni da coronavirus. Maggioranza in subbuglio, Conte tarda a parlare

Pubblicato il: 10 Aprile 2020 alle 4:28

Una patrimoniale per l’Italia in difficoltà. La proposta la lancia il gruppo del Pd alla Camera creando scompiglio nella maggioranza e determinando il ritardo dell’attesa conferenza stampa di Giuseppe Conte.

“La crisi economica, determinata dalla pandemia – si legge nel comunicato di Delrio e Melilli – ha fatto emergere e accentuato situazioni di povertà. Ci sono famiglie che in questi giorni non hanno risorse sufficienti per provvedere all’acquisto nemmeno dei beni di prima necessità: c’è un rischio povertà per un ulteriore milione di bambini”.

Le famiglie in difficoltà

“Un primo intervento – aggiungono gli esponenti dem – lo ha messo in campo il Governo che ha stanziato 400 milioni di euro perché i Comuni possano cominciare a dare risposte. Tutti i sindaci, di ogni appartenenza politica, segnalano la grande quantità di richieste delle famiglie in difficoltà. Un grande e solidale paese come l’Italia non può non porsi il tema di come le classi dirigenti e coloro che dispongono di redditi elevati debbano essere chiamati a contribuire a favore di chi non ce la fa”.

Per questi motivi “il gruppo del Pd della Camera, in piena sintonia con il Partito, ritiene opportuno che venga introdotto nel provvedimento che arriva ora alla Camera un contributo di solidarietà a carico dei redditi più elevati, da destinare a tutti coloro che versano in situazioni di povertà a causa della crisi o in situazioni di grave difficoltà per la perdita completa del reddito come i giovani lavoratori autonomi”.

Il contributo da versare nel 2020 e nel 2021

“La proposta – spiegano ancora Delrio e Melilli – prevede l’istituzione di un contributo di solidarietà per gli anni 2020 e 2021, che dovranno versare i cittadini con redditi superiori ad 80.000 euro e che inciderà sulla parte eccedente tale soglia”. “La somma versata, rispettando i criteri di progressività sanciti dalla nostra Costituzione, sarà deducibile e partirà da alcune centinaia di euro per le soglie più basse fino ad arrivare ad alcune decine di migliaia di euro per i redditi superiori al milione. Il gettito atteso è pari ad un miliardo e trecento milioni annui. Ad uno strumento del genere, oggi sicuramente necessario, si è già fatto ricorso in passato da governi di diverso colore”, concludono i due esponenti del Pd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *