Yaravirus, nuovo virus scoperto in Brasile arriva una nuova minaccia. Sintomi e rischi che corre l’uomo

Pubblicato il: 17 Marzo 2020 alle 6:37

Non solo coronavirus ma anche Yaravirus. È questa la scoperta di un gruppo di ricercatori brasiliani e francesi, i quali pare siano arrivati a scoprire quella che potrebbe rivelarsi una nuova minaccia per l’umanità. Insomma in piena emergenza coronavirus, adesso sembra essere arrivata una nuova minaccia per la nostra salute.

Ma di che cosa si tratta? Secondo quanto riportato da The Independent, si tratterebbe dello Yaravirus una epidemia piuttosto misteriosa che da qualche giorno sta preoccupando tanto gli scienziati. Il motivo è puntualmente uno, ovvero circa il 90% dei geni risulta ad oggi del tutto sconosciuto e soltanto il 10% del genoma ha trovato delle affinità con degli agenti virali note alle banche dati internazionali.

Dal Brasile arriva una nuova minaccia per la salute

Stando a quanto riferito, questo nuovo virus sarebbe stato scoperto e isolato in Brasile da un team di Scienziati dell’università Federale di minas gerais coordinato dal professor Jonatas S.Abrahao del Dipartimento di Microbiologia. Questi avrebbero lavorato con altri ricercatori dell’università francese di Aix-Marseille. A quanto pare questo team di ricercatori e scienziati avrebbe individuato il virus in alcuni ameba presenti nel lago artificiale di Pampulha. A questo tipo di virus è stato dato il nome di Yara, perché questo è il nome della sirena madre di tutte le acque. La cosa incredibile è che questo virus pare non appartenga alla famiglia dei virus giganti e questo renderebbe la situazione piuttosto misteriosa.

Ad ogni modo al momento non sembra essere stato lanciato alcune allarme, ma gli scienziati stanno vagliando bene la situazione. Non si sa ancora nulla di questo virus ne è possibile sapere quali siano i sintomi causati. La cosa più importante è che questo virus è stato rilevato dagli scienziati, ma nessun essere umano risulta essere stato contagiato. “Seguendo gli attuali protocolli metagenomici per la rilevazione virale, Yaravirus non sarebbe nemmeno riconosciuto come agente virale”.

Rischi per la salute?

E’ questo quanto spiegato a Science Magazine Jonatas Abrahao, ovvero uno dei ricercatori coinvolti nella scoperta. “Contrariamente a quanto osservato in altri virus dell’ameba già isolati, lo Yaravirus non è rappresentato da una particella gigante e da un genoma complesso, ma allo stesso tempo trasporta un numero importante di geni precedentemente non descritti”, scrivono i ricercatori.Ad ogni modo proseguono gli studi e nello specifico Gli scienziati brasiliani e francesi hanno prelevato del materiale nel lago per cercare di capire che cosa potrebbe accadere e quali potrebbero essere le conseguenze. Fortunatamente per il momento nessun paese sembra essere a rischio.

Quanto rimane vivo sulle diverse superfici Si attacca alle scarpe

Quanto può resistere il Sars-Cov2 sulle superfici? Sui social un audio suggerisce di utilizzare un solo paio di scarpe per uscire e di lasciarle fuori dalla porta al rientro perché il virus riuscirebbe a rimanere vivo 9 giorni sull’asfalto. Cosa c’è di vero? «Il virus può sopravvivere qualche giorno—spiega il virologo della Statale di Milano Fabrizio Pregliasco—ma con una carica virale irrisoria. Lo sporco, creando un biofilm, fa da barriera protettiva a virus e batteri: il grasso della sporcizia, quindi anche quella che troviamo per strada, crea l’ambiente ideale per i virus, compreso Sars-Cov2. Ma è molto improbabile che si calpestino droplets, le goccioline infette di qualcuno che ha tossito o starnutito per strada e che poi si tocchi con le mani la suola delle scarpe per mettersi infine le mani nel naso o in bocca. È più facile che una situazione del genere avvenga con superfici come maniglie, appigli della metropolitana, pulsanti degli ascensori. La parola d’ordine resta un’igiene delle mani e la pulizia degli ambienti perché così si neutralizza i virus».

La disinfezione delle strade che molti comuni stanno attuando è utile? «La via del contagio principale rimane quella respiratoria e non da superfici contaminate— dice il responsabile delle Malattie infettive dell’Iss Giovanni Rezza —. Il consiglio è non farsi prendere dalle “ansie da superfici” e mettere in atto il distanziamento sociale di almeno un metro e se non si ha un fazzoletto tossire nell’incavo del gomito piuttosto che mettersi la mano davanti alla bocca per evitare di contaminare le superfici toccandole con le mani infette».

Bisogna disinfettare le cose acquistate al supermercato? Se compro una busta di prosciutto devo lavarla per non rischiare di contaminarmi? «Intanto dovrei avere la sfortuna che qualcuno ci abbia tossito sopra — dice Pregliasco— quindi come su tutte le superfici vale sempre la Domande & risposte stessa cosa: non devo mettermi le mani in bocca. Ma non ritengo necessario disinfettare la busta di plastica» .

E i vestiti? Un virus per vivere e replicarsi ha bisogno di cellule, da solo non ce la fa. «L’eventuale contagio attraverso superfici e abiti è assolutamente marginale rispetto a quello interumano, su questo va condotta la grande campagna di sensibilizzazione» dice Franco Locatelli presidente del Consiglio Superiore di Sanità. 5 Uno studio in uscita sul «New England Journal of Medicine» confronta la sopravvivenza sulle superfici dei virus Sars e Sars-Cov2 ed evidenzia che mostrano un notevole calo della carica virale a distanza di qualche ora. Vale anche per i comportamenti del virus fuori dal laboratorio? «L’esperimento ha analizzato 4 superfici, rame, cartone, acciaio inossidabile e plastica e verificato quanto cambia la capacità infettante del virus con il passare delle ore in un esperimento a temperatura ambiente. Sul rame la sua capacità infettiva si dimezza in meno di 2 ore e sparisce dopo 4; sul cartone si dimezza in 5 ore e sparisce in 24. Sull’acciaio si dimezza dopo circa 6 ore, sulla plastica dopo 7. Per osservare l’azzeramento dell’infettività ci vogliono 48 ore per l’acciaio e 72 per la plastica. Il rischio diminuisce con il passare delle ore, ma si annulla dopo qualche giorno. Come proteggerci? Stando isolati, lavando le mani e superfici, non toccandosi il viso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *