Boris Pasternak chi era lo scrittore russo del Doodle di Google di oggi

Il romanzo di Boris Pasternak , “Il dottor Zivago”, non solo fu vietato in Unione Sovietica, ma lo stesso Nikita Krusciov , primo segretario del Partito Comunista, lanciò una feroce invettiva contro l’opera e il suo autore.

Dopo il rigetto della rivista “Novy Mir”, il direttore Giangiacomo Feltrinelli è riuscito ad ottenere una copia clandestina dell’originale tramite il corrispondente italiano di Radio Mosca. Ne commissionò immediatamente la traduzione e pubblicò il romanzo nel novembre 1957, nel bel mezzo della campagna contro Pasternak nonostante il fatto che i venti dello stalinismo avessero perso molta forza dopo la morte del leader sanguinario. Feltrinelli fu immediatamente espulso dal Partito Comunista Italiano nonostante i suoi legami con Togliatti.

Un anno dopo, l’Accademia svedese decise di assegnargli il Nobel per il “Dottor Zivago”, ma Pasternak non ebbe altra scelta che rifiutarlo per evitare l’esilio, l’internamento o la vendetta contro la sua famiglia. La persecuzione del regime sovietico è stata inutile perché le vendite del romanzo si sono moltiplicate in Europa e negli Stati Uniti dopo il loro rifiuto di accettare il premio.

Grande film

Dalla sua comparsa, la leggenda del dottor Zivago è cresciuta. Il grande film di David Lean, uscito nel 1965, ha avuto molto a che fare con questo , con una grande interpretazione di Omar Sharif e Julie Christie , che interpretano il giovane dottore Yuri Zivago e Lara, la sua amante, sposata con un commissario sovietico.

Ho visto il film nel vecchio cinema Calatrava a Burgos intorno al 1967 e me ne sono andato emozionato. Desideravo ardentemente il paesaggio della steppa e delle foreste della Russia senza sapere che Lean aveva girato il suo lavoro nella Sierra de Soria. Ricordo un aneddoto dello scrittore Alejandro Gándara, che disse di essere andato in quel paese per vedere le scene con i suoi occhi quando seppe che Lean aveva usato un campo a Canillas, vicino a Madrid, per girare alcune scene del film e da qui gli esterni si trovavano sui monti Soria.

Come sicuramente è successo a Gándara, ho anche letto il romanzo dopo essere rimasto affascinato dal film. E quello che mi è successo è che il testo di Pasternak mi ha catturato dalla prima pagina, direi quasi che mi ha ipnotizzato e che ho provato di nuovo la stessa emozione di quando Yuri e Lara si rifugiano nella dacia di Varykino dove spessi pozzi di ghiaccio sono sospesi nel soggiorno.

Classico

Sono stati scritti circa pochi romanzi quanto “Il dottor Zivago”, elevato alla categoria di mito letterario, ma spesso si ignora che Pasternak si sia ispirato alla propria biografia . L’amore tra Yuri e Lara rievoca il suo rapporto con Olga Ivinskaya, che aveva conosciuto sulla rivista “Novy Mir”, dove lo scrittore e poeta lavorava come scout di nuovi talenti. Pasternak, che non ha mai divorziato dalla moglie, aveva 14 anni più di Olga.

La domanda da porsi è perché il regime sovietico ha reagito così violentemente alla pubblicazione del romanzo in Italia e in Francia e perché Pasternak è stato trattato come una piaga . Lo stesso Krusciov lesse il testo nel 1963 e confessò che il suo divieto era stato un errore perché non c’era nulla di anti-sovietico nell’opera. Ma Pasternak era già morto senza sapere che il “Dottor Zivago” sarebbe diventato un classico della letteratura russa, al livello di Tolstoj e Dostoevskij.

Repressione del regime di Lenin

Il giudizio del leader sovietico era corretto, soprattutto con la prospettiva del tempo, ma i censori decisero di porre il veto alla sua pubblicazione perché nel libro di Pasternak non c’è solo una rozza descrizione della barbarie della guerra tra comunisti e bianchi, ma anche un ritratto di le difficoltà quotidiane nei primi anni della Rivoluzione, alludendo alla repressione e alle deportazioni del regime di Lenin.

Pasternak presenta Yuri come un giovane medico e poeta frustrato, che esercita altruisticamente la sua professione. Si sposa e forma una famiglia con Tonya, la sua ragazza fin dall’adolescenza, ma si innamora di Lara, con la quale mantiene un rapporto appassionato a fasi alterne fino alla sua morte. Il film di David Lean è un lungo “flash back”, in cui il fratellastro di Yuri racconta la storia alla figlia di Yuri, una lavoratrice in una centrale elettrica.

“Doctor Zhivago” non è solo un romanzo incommensurabile, una delle più grandi creazioni letterarie di tutti i tempi, ma è anche una testimonianza vivida e realistica della società sovietica degli anni 1920. Nessuno come Pasternak è riuscito a catturare quel desiderio umano di mantenere la dignità quando tutto è contro di te.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *