Luì e Sofì, i Me Contro Te pensano al loro futuro con tante novità

Potete chiamarli youtuber ma in realtà Luì e Sofì (Me Contro Te) sono molto di più. Parliamo infatti di due ragazzi, Sofia Scala e Luigi Calagna, che in pochi anni sono riusciti a costruire intorno ai loro personaggi un mercato incredibile fatto di pubblicazioni, cliccatissimi video, gadgets, cartoni animati, musica, giochi e tanto altro. Ma non basta.

Il  18 agosto  nei cinema il loro secondo film, “Me Contro Te Il Film – Il Mistero della Scuola Incantata”, sequel de “La Vendetta del Signor S” che tanto successo ha riscosso al cinema poco prima che scoppiasse la pandemia del Covid 19.

In concomitanza Luì e Sofì hanno lanciato anche il loro nuovo singolo, “Mi Troverai (Ai Ai Ai)”, pezzo tratto dalla colonna sonora della loro pellicola, diretta da Gianluca Leuzzi. Il film parte con una bellissima scuola che sta per essere inaugurata e con i nostri due eroi invitati alla festa, dove ad attenderli c’è l’amico Pongo. Ancora una volta, però, il “villain” della situazione, il Signor S, potrebbe arrivare a cambiare alcuni piani.

Nella scuola, poi, Luì e Sofì verranno a conoscenza di un mistero interessante che riguarda il loro passato. Il tutto in un ambiente magico e fatato, con tanto divertimento e tante sorprese. Scritto da Emanuela Canonico, Andrea Boin e da loro due, Luigi Calagna e Sofia Scala, “Il Mistero della Scuola Incantata” è un film adatto soprattutto ai più piccoli, nel classico stile di Luì e Sofì che li ha portati in questi ultimi anni alla grande popolarità.

E pensare che inizialmente Luigi e Sofia, nati entrambi a Palermo, hanno cominciato la loro avventura comune di youtuber quasi per gioco (e per caso). In particolare Luigi ha frequentato la Facoltà di Farmacia all’università di Palermo per poi cambiare ed iscriversi a Scienze della Comunicazione e non credeva proprio che il suo futuro professionale sarebbe stato dedicato ai più piccoli in rete. I due ragazzi si sono conosciuti nel 2012 grazie al cugino di Sofia, amico di Luigi e tra loro è nato subito l’amore.

Sofia, però, non era troppo convinta perché pensava che Luigi, quattro anni in più di lei, fosse troppo grande: «Eravamo già fidanzati da un paio di anni. – hanno raccontato recentemente a “Verissimo” – Un giorno che eravamo particolarmente liberi abbiamo iniziato a girare alcuni video e poi li abbiamo caricati su YouTube. A stento teneva la connessione Internet… Erano per lo più challenge: sfide tra noi. Da lì il nome che ci siamo dati, i Me contro te…

Gli under 10 tengono al nostro intrattenimento quotidiano perché lo trovano semplice, divertente, genuino. Siamo i cartoni animati di ieri, quello che per noi erano “Bim Bum Bam”, “La Melevisione”, “Art Attack”, Scooby-Doo». Il loro canale conta quasi 6 milioni di iscritti ed è un successone considerando anche che la coppia ha cominciato a postare soltanto nel 2014. In seguito “Me Contro Te” è diventato un vero e proprio marchio intorno al quale girano soldi e fama.

I due ragazzi hanno lanciato una linea di abbigliamento, giocattoli e oggetti per la scuola, album di figurine e tanto altro, creando libri di fiabe dal titolo “Divertiti con Luì e Sofì” e per l’appunto realizzando anche un paio di film per il cinema. Nel 2017, poi, Luigi e Sofia hanno preso a collaborare con Disney Channel per la serie “Like Me” insieme al game show “Disney challenge Show Me Contro Te”.

Del loro passaggio nel mondo del cinema sono molto orgogliosi ma anche un po’ sorpresi: «Siamo abituati a realizzare i video da soli a casa. – ha detto Luì a “Vanity Fair” – Quindi avere delle persone lì per noi era strano, dovevamo pensare solo a recitare». Insomma, i bambini sono ormai conquistati e la coppia di exyoutuber non sbaglia un colpo ma… quale sarà il futuro di “Me Contro Te”? Luigi e Sofia, rispettivamente 28 e 24 anni, non sono più dei giovanissimi e dovranno presto cominciare ad evolversi e magari a cercare di crescere insieme al loro pubblico. Staremo a vedere quali saranno le prossime mosse del duo dei record sul web.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *