Intrattenimento

Nino Manfredi chi è: carriera, cinema, teatro e canzoni

Inizi cinematografici 

Esordisce sul grande schermo nel 1949 e per dieci anni interpreta ruoli minori in film modesti, come Totò, Peppino e la … malafemmina , del 1956 per la regia di Camillo Mastrocinque . Si consolida anche il suo lavoro di doppiatore, prestando la sua voce ad attori della statura di Robert Mitchum , Earl Holliman , Gérard Philipe e anche a protagonisti italiani come Franco Fabrizi , Sergio Raimondi , Antonio Cifariello e Renato Salvatori .

Protagonista della Commedia all’italiana. 

Dal 1960 , dopo il ruolo da protagonista nel film The Employee , diventa uno dei principali pilastri della commedia italiana. Era convincente non solo nei ruoli comici, ma anche nei personaggi più drammatici. I ruoli che interpreta sono fondamentalmente uomini ottimisti, in possesso di una dignità propria, inevitabilmente destinati alla sconfitta, ma mai umiliati. Grazie alle sue doti di amara ironia, i suoi personaggi a volte riescono a distinguersi sull’ipotetico vincitore.

Regista cinematografico e teatrale 

Nel 1962 debutta dietro la macchina da presa con il cortometraggio L’avventura di un soldato , episodio del film Amore difficile tratto dal romanzo di Italo Calvino , una storia delicata e interessante sulla storia d’amore tra un soldato e una vedova in lo scompartimento di un treno, basato sul silenzio e sulla mimica. Con il suo secondo film, Per grazia ricevuta ( 1971 ), ha vinto la Palma d’Oro come miglior opera prima al Festival di Cannes .

Cantante di successo

Ha trionfato anche come cantante, soprattutto nei programmi radiofonici. Nel 1970 la sua versione del classico Tanto pe ‘canta’ di Ettore Petrolini (originale del 1932 ) riuscì a raggiungere la prima posizione in classifica. Hit come Tarzan lo fa ( 1978 ), La frittata ( 1982 ) e Canzone pulita ( 1983 ).

Ultimo ruolo 

Il suo ultimo ruolo è stato quello di “Galápago” nel film uscito postumo La luz prodigiosa , diretto da Miguel Hermoso . Manfredi ha interpretato un personaggio privo di memoria, che viene salvato dalla morte da un pastore durante la guerra civile spagnola, e ricoverato per quarant’anni in un manicomio; alla fine si sarebbe scoperto che questa persona era il poeta Federico García Lorca . Questa è una performance acclamata dalla critica, realizzata quasi senza parole, fatta solo di sguardi fissi.

Nel settembre 2003 , ha sofferto di una condizione cardiaca. Ricoverato in ospedale, non si è ripreso completamente. Morì il 4 giugno del 2004 , all’età di 83 anni, un anno e quattro mesi dopo la morte di Alberto Sordi . Era sposato con Erminia Ferrari dal 1955 e aveva con lei tre figli: la produttrice Roberta , il regista Luca e Giovanna . La quarta figlia Tonina è nata da una relazione con la giovane bulgara Svetlana Bogdanova.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *