Bonus Casalinghe: come prendere i 300 euro, funziona davvero

Si parla sempre male del governo e delle tasse da pagare, ma ci sono anche buone notizie. In questo caso, può trattarsi di ricevere un bonus! Questi bonus arrivano dallo stato in vari modi, a volte come un eco-bonus per le auto elettriche o soldi per le casalinghe che è stato stabilito con il decreto dello scorso agosto. Ci sono state molte discussioni su questo bonus e anche se il suo nome implica una cosa, la verità non è proprio questa! Ora esploreremo più in dettaglio chi riceve esattamente questi fondi da questo sussidio.

Quindi chi riceve effettivamente i soldi? Beh, questo bonus “casalinghe” non è una somma di denaro data alle casalinghe o almeno non direttamente. Infatti, sarà disponibile per le istituzioni che vogliono fornire corsi di formazione gratuiti alle donne e aiutarle nella loro carriera.

Le casalinghe devono sapere che c’è un bonus da ottenere: il Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali vuole incoraggiare le donne che soffrono di disoccupazione, a non rimanere a casa. L’idea alla base di questa iniziativa è che potrebbe portare le casalinghe su un nuovo percorso di carriera.

Il budget stanziato per questa misura è di circa 9 milioni di euro in tre anni; gli enti pubblici e privati interessati a questi fondi possono fare domanda proponendo progetti legati allo scopo. I finanziamenti saranno poi valutati in base alle dimensioni del progetto e al numero di persone coinvolte.

Anche se questo fondo sembra essere solo per le donne, non lo è. Anche gli uomini possono aderire e approfittare di ciò che offrono. L’obiettivo è quello di investire nel futuro delle donne e fornire loro una nuova opportunità al di fuori della cura della casa – ma questo non significa che anche gli uomini non possano beneficiarne.

Può capitare che il marito abbia scelto o sia stato costretto dalle circostanze alla cura della casa, il che significa che anche lui potrebbe utilizzare ciò che questi corsi hanno da offrire: scoprire passioni che prima non conosceva o competenze che potrebbero tornare utili nella ricerca di un lavoro più avanti nella vita.

Questo bonus non vuole tanto discriminare tutti quei cittadini che desiderano volontariamente rimanere a casa a prendersi cura della propria famiglia mentre assistono tutti gli altri intorno a loro nei compiti quotidiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.