La vera storia di Nancy Pelosi: chi è, e perché è importante la sua visita a Taiwan?

32

Ultimamente il conflitto tra Taiwan e Cina ha acquisito molta rilevanza mediatica, soprattutto per la possibile visita del presidente della Camera dei Rappresentanti di Gaba , Nancy Pelosi , nell’isola e per l’avvertimento lanciato dal presidente cinese Xi Jinping negli Stati Uniti. Aderito. Non giocare con il fuoco . In altre parole, che gli Stati Uniti non intervengano nel conflitto tra Taiwan e Cina attraverso la visita di Pelosi.

Anche con questo serio e ribadito avvertimento del governo cinese, Nancy Pelosi sembra essere disposta a continuare la visita: ci sono fonti sia francesi che taiwanesi che presumono che il funzionario abbia già un piede sull’isola.

Perché è importante la visita di Nancy Pelosi a Taiwan?

Nancy Pelosi è in tournée in Asia . Prima di questo tour politico-diplomatico, la Cina aveva già tenuto d’occhio questa agenda e avvertito Joe Biden di non farsi coinvolgere nel pasticcio con Taiwan.

(Apriamo una breve parentesi solo per dirvi che la Cina cerca la riunificazione con Taiwan, mentre quest’isola —che non è considerata un Paese dall’ONU — lotta per essere autonoma e indipendente, ignorando qualsiasi comando del colosso asiatico.

Tuttavia, nonostante questo avvertimento diretto, sembra che in uno di questi Pelosi si rechi a Taiwan. E se questa visita è un fatto, significherebbe una chiara sfida – e una delle più grandi – al governo di Xi Jinping .

La visita è preoccupante perché c’è un latente conflitto bellico-militare tra Taiwan e la Cina. Dicendo loro che la gente dell’isola aveva meno di cinque giorni di esercitazioni militari prima di una possibile invasione da parte dell’esercito cinese.

Ogni anno fanno queste prove, ma quella del 2022 è stata più gracile.

E mentre è ufficialmente confermato che Nancy Pelosi andrà a Taiwan, i media asiatici affermano che insieme all’ufficiale si avvicina anche l’esercito degli Stati Uniti. O almeno, sta avvicinando le attrezzature, anche le portaerei.

Chi?

E a tutto questo, chi è Nancy Pelosi? Perché è importante? Possiamo considerarla la numero tre in termini di rappresentanza del potere negli Stati Uniti: c’è Biden, Kamala Harris e il presidente della Camera dei rappresentanti.

Nancy Patricia Pelosi  è stata presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti due volte: 2007-2011 e da gennaio 2019.

È l’ unica donna ad aver ricoperto questa posizione . È al Congresso in rappresentanza della California e sotto la bandiera del Partito Democratico.

La politica è stata premiata per il suo lavoro al Congresso. Ad esempio, per essersi opposto alla guerra contro l’Iraq nel governo di George W. Bush o per aver contribuito a far approvare varie riforme di Barack Obama.

Nel 2007 ha fatto la storia diventando la prima donna a ricoprire quella posizione, ma è stato per un breve periodo di tempo. In questa occasione si assume la responsabilità di proporre nuove leggi e di supervisionare le indagini svolte su Trump.

Sarà inoltre incaricato di coordinare la strategia dei Democratici, che hanno ripreso il controllo della Camera dei Rappresentanti dopo le elezioni di medio termine tenutesi nel novembre 2018.

E ci riesce nonostante sia percepita come una pessima oratrice, incline agli errori, poco apprezzata e spesso bersaglio di attacchi da parte di molti nel GOP.

futuro degli abbinamenti

Nancy Pelosi

È l’ultimo capitolo del viaggio straordinario di qualcuno che è cresciuto in una famiglia immersa nella politica della costa orientale degli Stati Uniti, ha ottenuto il riconoscimento tra i gruppi più liberali dello stato della California, che rappresenta, ed è stato una figura chiave nella politica democratica Festa da quasi 15 anni.

La giornalista Elaine Povich, che ha scritto una biografia di Pelosi nel 2008, afferma che “la gente ha sbagliato a sottovalutarla”.

” Non scommettere mai contro di lei. Lavora costantemente, è la più organizzata e conta molto bene i voti”.

Queste abilità saranno messe alla prova nei prossimi mesi.

San Francisco, California.

“Dovrà bilanciare le diverse priorità dei Democratici mentre affronta le fiamme del Vesuvio politico che è Donald Trump “, afferma Anthony Zurcher, giornalista della BBC specializzato nella copertura della politica americana.

La gente ha avuto un’idea di come saranno gli scontri tra i due a dicembre, quando hanno mostrato le loro discrepanze riguardo al finanziamento del muro al confine con il Messico.

“È emerso da quel duello con il riconoscimento dei Democratici, ma per molti membri dello spettro politico di sinistra, quei fuochi d’artificio dovrebbero essere solo l’inizio”, dice Zurcher.

Il giornalista spiega che c’è chi chiede una vigilanza energica sulle azioni di Trump, mentre altri vogliono approvare una legge che permetta ai membri del Partito Democratico di utilizzare quei risultati per scopi elettorali.

Nancy Pelosi osserva Bill Clinton firmare un ordine esecutivo.

Le radici

È cresciuto a Baltimora, una città nello stato orientale del Maryland, negli Stati Uniti, e suo padre era il sindaco della città. È la più giovane di sette fratelli, l’unica femmina.

“Fare politica nella Baltimora della metà del secolo significava avere successo nella vecchia macchina politica democratica. Significava anche sapere chi aiutare a ferire e tenere traccia dei favori dati e ricevuti”, afferma Zurcher.

“Pelosi era incaricata di gestire i conti politici della sua famiglia”, continua Zurcher, “che includevano la risposta a otto linee telefoniche”.

Ha studiato a Washington, molto vicino a Baltimora, dove ha conosciuto suo marito, il finanziere Paul Pelosi.

Si trasferirono a Manhattan, a New York, e successivamente nella città di San Francisco, nel nord dello stato della California.

Ha avuto cinque figli – quattro femmine e un maschio – in sei anni.

Congresso degli Stati Uniti

L’inizio

Nel 1976, approfittando dei legami politici della sua famiglia, aiutò l’allora governatore della California Jerry Brown, che voleva candidarsi alla presidenza, a vincere le primarie.

Ha iniziato a crescere nel partito e nel 1988 è stata eletta deputata.

Rappresentando una parte della città con una significativa comunità gay, ha reso prioritario il finanziamento della ricerca sull’AIDS. Fu anche coinvolto in una lunga battaglia per trasformare una base militare di San Francisco in un parco naturale.

Nel 2001 è stata eletta a capo di un gruppo parlamentare alla Camera dei Rappresentanti. L’anno successivo divenne leader di minoranza in quella sezione del Congresso.

È stato uno dei critici più accesi dell’invasione dell’Iraq del 2003 e nel 2005 ha contribuito a sconfiggere la richiesta dell’ex presidente George W. Bush di privatizzare parzialmente il programma pensionistico della Social Security gestito dal governo.

monumento di Washington

Il potere della posizione

La descrizione del lavoro per House Leader è nella Costituzione degli Stati Uniti. Chi lo occupa, è la seconda persona che potrebbe sostituire il presidente, dopo il vicepresidente.

Per alcuni, il grande ufficio assegnato al responsabile, dal cui balcone è visibile l’emblematico Monumento a Washington, riflette il prestigio di quell’opera.

A differenza del Senato, il partito di maggioranza alla Camera dei Rappresentanti ha il controllo sull’agenda legislativa, oltre a stabilire le regole del dibattito.

“Se il leader del branco tiene in riga i membri del suo partito – il che può essere una sfida, sulla base di ciò che i repubblicani hanno mostrato negli ultimi due anni – il processo legislativo della Camera funziona come una macchina. ben oliato”, afferma Zurcher.

È quello che è successo l’ultima volta che Pelosi è stato al comando.

Tra il 2009 e il 2011 è stato approvato un pacchetto di stimolo economico per far fronte alle crisi del 2008 nell’ordine di 840.000 milioni di dollari. Sono state inoltre approvate leggi ambientali, contro le discriminazioni di genere nel pagamento degli stipendi e riforme finanziarie.

Pelosi parla con Obama nel 2014.

combattiva

Si batté anche per l’approvazione dell’emblematico programma sanitario promosso dal governo di Barack Obama, chiamato Affordable Care Act.

“In quei negoziati ho visto Pelosi, la stratega. Teneva riunioni giorno e notte e si destreggiava tra le telefonate, con i leader di entrambe le Camere, i segretari e persino il presidente”, ha scritto Donna Edwards, rappresentante del Maryland sul Washington Post giornale .

Otto mesi dopo il voto finale, i Democratici hanno perso 63 seggi – e la loro maggioranza – alla Camera dei Rappresentanti.

“In parte è stato a causa del furore conservatore sulla riforma sanitaria e del ruolo di Pelosi nel portarla avanti. È diventata così politicamente tossica che non ha potuto fare campagna per i candidati democratici in pubblico”, dice Zurcher.

Camera dei Deputati

opposizione interna

Ha anche dovuto affrontare la dissidenza interna.

Durante le elezioni di medio termine, più di 60 candidati democratici hanno fatto una campagna contro la sua nomina a leader della Camera.

Dopo il successo del partito in quelle elezioni, 16 parlamentari hanno chiesto un cambiamento nella leadership del partito. Hanno suggerito che fosse giunto il momento di sostituire il 78enne Pelosi.

Nelle settimane successive, però, i Democratici controllarono la ribellione.

E il giorno dopo la conferma del suo incarico, è arrivata la sua più grande concessione: accettare un limite di otto anni per il lavoro.

“In estate ho detto che mi vedo come un ponte verso la prossima generazione di leader, riconosco la mia responsabilità di guidare, sviluppare e aiutare i nuovi membri ad occupare posizioni di potere”, ha detto Pelosi.

Pelosi incontro con Donald Trump

Punti di forza

Come sei diventato un sopravvissuto? Per molti non è piacevole ascoltarla parlare e per altri le sue battute non sono particolarmente divertenti.

Ma Zurcher si dice molto brava a conquistare voti al Congresso, estremamente organizzata e instancabile.

“Si avvicina agli 80 anni, ma ogni giorno si alza alle 5:30 e lavora fino a tarda notte. Raramente va in vacanza”, dice.

“Forse grazie a quegli sforzi”, continua Zurcher, “è così brava a raccogliere fondi. Tra il 2002 e il 2018 (…) ha ottenuto 680 milioni di dollari per il Partito Democratico”.

Povich, da parte sua, indica che “l’oratoria non è mai stata il suo forte. La gestione interna, le coalizioni e l’organizzazione sono la sua forza”.

Per Pelosi si prospettano giornate impegnative.

Deve trovare un equilibrio tra il gruppo che cerca il confronto ei moderati.

“È probabile che i prossimi due anni saranno caratterizzati da conflitti e stallo tra i partiti. Il ruolo che avrà Pelosi sarà cruciale”, conclude Zurcher.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.