Hai capito chi è Fabian O’Neill? Causa morte, età, moglie e carriera dell’ex calciatore


Il calcio uruguaiano piange la morte di Fabián O’Neill, uno squisito giocatore che ha brillato in campionato nel suo paese e in Italia . Secondo le cronache locali, il calciatore 49enne sarebbe stato ricoverato nei giorni scorsi nella città di Montevideo. La causa della sua morte è stata la cirrosi cronica.

Il Nacional, via Twitter, ha ricordato uno dei calciatori più amati dai suoi tifosi: “Oggi piange la maglia 10. Oggi la magia si ferma a ricordare Fabián O’Neill, uno dei giocatori che ha suscitato più ammirazione con la maglia del Nacional Uno dei nostri a sinistra. Addio Mago”.

O’Neill aveva iniziato la sua carriera in Nazionale. La sua biografia su giornali e riviste colloca la sua nascita a Paso de los Toros, una piccola città uruguaiana nel comune di Durazno. E prima di arrivare a Bolso , la sua infanzia non è stata estranea a quella di tanti bambini bisognosi: genitori abbandonati, la strada e il pascolo sono state le sue seconde case, perché la prima è stata la casa della nonna, venuta in soccorso del piccolo Fabián.

Il Mago – soprannome riservato solo a qualche giovane crack – è durato poco nel calcio sudamericano, dopo i dribbling che ha disseminato per il Great Central Park: le squadre europee avevano già messo gli occhi sulla botija . Poco più che adolescente partì per l’Italia, dove ebbe la sua miglior prestazione. In totale furono otto anni, sparsi a Cagliari (1996-2000 e 2002), Juventus (2000-2001) e Perugia (2002).

Ai suoi tempi alla Vecchia Signora coincise in rosa con un certo Zinedine Zidane, altro mago del pallone . Il francese era appena stato campione con la sua squadra nel 1998 e aveva già un Pallone d’oro nell’armadio.E nonostante la sua fama, la sua vicinanza ad altri giocatori d’élite e, soprattutto, la sua qualità in campo, quando chiesero a Zizou se avesse condiviso il campo con un altro giocatore migliore di lui, in quel momento, il dix non dubitava: ” O’Neill “, fu la sua risposta.

In quegli anni ha brillato non solo per pugno e assist, ma per i lussi che ha tirato contro i centrocampisti più stagionati del Calcio. E lì, una storiella che ormai si ripete come un mito del calcio: in una partita contro la Salernitana, il centrocampista aveva promesso ai compagni uruguaiani che gli avrebbe tirato tre pipe! a Genaro Gatusso, un cinque per niente sottile . La ragione? Nient’altro che il piacere di ridicolizzare un prototipo del catenaccio. Il video mostra che il Mago non ha deluso la sua previsione.

Anche O’Neill non è stato senza polemiche.. Fin da ragazzo ha avuto problemi di dipendenze – soprattutto alcoliche – che hanno portato a problemi con le sue squadre e con la stessa nazionale. Faceva parte dell’accordo per l’ascesa del Cagliari in prima divisione. Era l’ultimo appuntamento della Serie B e con un pareggio contro il rivale ottenne la promozione. Racconta così: “Ho aggiustato. Sono andato a parlare con il loro capitano, abbiamo giocato anche la superpartita tutta fino al pareggio. All’87’ un nostro giocatore ha segnato un gol e siamo arrivati ​​sul 2 a 1. Lo colpisce da metà campo e l’ha messo in angolo, 2 a 1 e avevamo aggiustato il pareggio, poi ha gridato a Diego López (anche lui uruguaiano) ‘boludo, lasciati segnare un gol o se non ci ammazzano tutti’. E Diego è andato e ha perso una palla e loro fanno due a due”. Di quegli aneddodi, migliaia,.

Ha partecipato ai Mondiali del 2002 con La Celeste, ma il 10 non ha calpestato l’erba per un minuto e la squadra di Víctor Púa è stata esclusa al primo turno, dopo un rarissimo 3-3 contro il Senegal.

Il suo tempo in Italia gli ha lasciato grandi obiettivi, lussi e un grosso conto in banca. Ma la sua celebrità è stata fugace e negli ultimi anni il ricordo del suo gioco colorato è rimasto solo nella memoria di pochi fan, la stragrande maggioranza dei quali Charrúas. E dei soldi nessuna traccia. In un’intervista per il portale “Ovation”, il volantino ha raccontato le vicende che lo hanno portato a sperperare circa 14 milioni di dollari. “Non mi dà fastidio essere povero”, ha detto.

Nonostante una situazione terribile in quel momento, O’Neill ha detto che era a suo agio con il modo in cui viveva. “È meglio essere così che avere soldi. Avevo molti soldi e milioni di amici. Oggi ho solo 10 o 12 anni, bohémien come me, ma sono loro che mi aiutano”, ha aggiunto spiegando il suo esilio all’interno del “piccolo paese”. Alla fine, l’ex Nazionale di Montevideo, sentenzia: “Voglio continuare così, non voglio stare accanto ai ricchi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *